Home » Very Important Planet » Giobbe Covatta: un comico seriamente impegnato contro lo spreco:

Giobbe Covatta: un comico seriamente impegnato contro lo spreco

dicembre 20, 2013 Very Important Planet

Fare comicità informando. È la formula di Giobbe Covatta, che da molti anni ci migliora l’umore con i suoi personaggi e i suoi show, facendoci anche riflettere su temi sociali e ambientali. Ricordiamo Trenta, per esempio, spettacolo dedicato ai 30 articoli della Dichiarazione universale dei diritti umani, o Sei gradi, nei teatri in questi mesi, che affronta il tema del riscaldamento globale. Non a caso è stato scelto per far parte del progetto 2014 Un anno contro lo spreco, coordinato da Andrea Segrè, fondatore e presidente di Last Minute Market, insieme allo scienziato Vincenzo Balzani, alla regista Maite Carpio, la scrittrice Susanna Tamaro e Robert van Otterdijk, team leader della campagna internazionale Save Food della Fao.

 

D) Giobbe, come sei arrivato al progetto “Un anno contro lo spreco”?

R) Mi ha chiamato il ministro dell’ambiente Andrea Orlando in persona – che io non conoscevo per altro e per questo per un momento ho temuto di aver combinato qualcosa di sbagliato! Invece, conoscendo i miei progetti passati e presenti, mi ha fatto questa proposta. Siccome da sempre mi dedico al problema della fame, ho accettato con entusiasmo.

D) Che cosa c’è dietro il problema dello spreco alimentare?

R) Il problema secondo me sta nell’educazione. È importante comprendere che il punto non è la mancanza di cibo, ma la povertà e la capacità di acquisto. Se all’interno del nostro meccanismo perverso si riuscisse a far girare un volano che fa sì che i prezzi del cibo si abbassino perché gli sprechi sono diminuiti, la situazione migliorerebbe a livello mondiale. È necessario impostare una rivoluzione culturale che cambi un sistema di pensiero, cui farà seguito poi anche il sistema economico.

D) Raccontaci di “Sei gradi”…

R) Si svolge nel 2113, fra cento anni. Io racconto al mio pubblico cosa è successo in questo secolo dove ogni venti anni la temperatura è aumentata di un grado fino a +6. Si arriva all’estinzione: noi nel teatro siamo gli ultimi della specie. Detto così sembra una tragedia greco-romana… ma è divertente! Sono un nonno che ricorda la storia di quando era giovane. Racconto avvenimenti, aneddoti basati su modelli scientifici che prevedono gli accadimenti nel caso del +2 °C, +4 °C e così via. L’unica finzione è la scansione temporale. Ma ho scelto di usare i cento anni per rendere più coinvolgente il messaggio. In cento anni si conoscono tutti quelli prima e dopo di te. Le cose che racconto potrebbero succedere a tuo nipote. Il punto di vista diventa differente.

D) Il teatro può educare alla sostenibilità?

R) Il teatro è un posto libero dove si può raccontare tutto. La vera domanda è perché scelgo di parlare di un tema piuttosto che un altro. Le persone pagano il biglietto per divertirsi, ma se all’interno dello spettacolo riesco a far riaffiorare un germe di coscienza sociale, anche piccolo, è tutto di guadagnato. Io cerco di portare il mio contributo, cerco di far sì che mia figlia, mia nipote, i miei discendenti pensino un po’ diversamente da quando ero bambino io. Faccio un esempio. Mi ricordo che da piccolo mia madre mi diceva di non sprecare il cibo e di pensare ai bambini del Biafra. E io non capivo perché se non avessi finito il mio piatto quei bambini sarebbero morti di fame, era un meccanismo che mi sfuggiva… Ma a tutt’oggi, se chiedi in giro, nessuno sa dov’è il Biafra. È diventato un’immagine vuota che non porta a nulla. Il cambiamento inizierà quando i miei figli si chiederanno domande che la mia generazione non si poneva (Dov’è il Biafra? Chi sono quei bambini? Perché hanno quel pancione anche se non mangiano nulla?).

D) Cosa ti lascia lavorare sugli spettacoli a tema “green”?

R) Innanzitutto, mi fa più piacere frugare nei modelli scientifici per capire cosa succede a +3 °C sulla Terra che approfondire i temi del traffico, per esempio. Poi mi fa sentire più tranquillo con me stesso, mi dà soddisfazione. E aggiungo un’ultima cosa. Il lavoro del comico si basa sul saputo del pubblico, la gente si diverte se parli di una situazione che già conosce. Nel caso di “Sei gradi”  non c’è saputo del pubblico: devi raccontare concetti nuovi in modo convincente e devi anche divertire. Per me questa è una sfida molto stimolante.

D) Quali sono le tue azioni quotidiane per un comportamento ecosostenibile?

R) Le azioni da fare sono quelle legate alla piccola saggezza dei nostri nonni e genitori, che funzionano ancora oggi. “Spegni le luci, che qui nessuno lavora all’Enel!”, mi diceva mio papà. Finché non si prende atto che il sistema consumistico è fallimentare, la situazione non migliorerà.

D) Tre desideri per l’ambiente da chiedere a Babbo Natale?

R) Ne basterebbe uno: ricominciare dall’8000 a.C. Beh, no, forse basterebbe ricominciare dalla Rivoluzione Industriale! Dal punto di vista ambientale è partita con una logica sbagliata, con uno spirito che non dava peso alle conseguenze, probabilmente allora non le immaginavano nemmeno. Ma una volta scoperte, si sarebbe dovuto mettere una pezza, invece sono rimasti tutti zitti perché le pezze erano un problema economico, costavano. Dal momento in cui l’umanità ha deciso che avrebbe sacrificato la propria sopravvivenza per il mercato non c’è stato più ritorno, si è accettato un rischio sia per noi, che grassi e pingui ci ritroviamo ora a discutere del problema delle emissioni, sia per il terzo mondo che ne subisce le conseguenze.

Daniela Falchero

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende