Home » Very Important Planet » In difesa del territorio. Intervista a Iaia Forte:

In difesa del territorio. Intervista a Iaia Forte

giugno 25, 2010 Very Important Planet

Iaia Forte, Courtesy of screenweek.itDa piccola voleva fare l’archeologa, invece, superati i quarant’anni, Iaia Forte è diventata una delle più importanti attrici italiane: «Credo che il teatro possa contribuire molto per far crescere l’attenzione sulle questioni ambientali, nelle persone e nelle società. Il teatro è un luogo di scambio umano e civile, è uno spazio di profonda sensibilità e di difesa delle dignità della cultura e del territorio: lavorando in questa dimensione aiuta a capire l’importanza dell’equilibrio tra modernità e tradizione, sviluppo e sostenibilità».

D) Che rapporto ha lei con l’ambiente?

R) Pur abitando in città, ho un grande rispetto per la natura. Il mio legame forte, avendo vissuto per vent’anni a Napoli, è quello con il mare: soffro fisicamente quando vedo le spiagge invase dall’immondizia o i sacchetti e le plastiche che galleggiano nell’acqua.

D) Compie quotidianamente dei gesti di attenzione verso l’ambiente?

R) Sì, faccio abitualmente la raccolta differenziata, anche se in città come Roma o Napoli le strutture non funzionano granché bene: ogni tanto capita di dover fare parecchia strada prima di trovare il cassonetto della carta o la campana del vetro. Sarebbe importante rendere il servizio più efficiente, in particolare a Napoli, dove in questi anni abbiamo visto quanti sono stati i problemi dovuti all’immondizia.

D) Utilizza l’auto o la bicicletta nei suoi spostamenti?

R) In genere il motorino: a Roma ho una casa in cima a una salita, la bici è troppo scomoda, lo ammetto. Però, appena saranno commercializzate, vorrei comprarmi un’auto elettrica.

D) La sua è una casa a basso impatto ambientale?

R) Diciamo che faccio attenzione ad alcuni aspetti che riguardano l’eco-sostenibilità domestica. In particolare, ho comprato solo mobili usati nei mercatini: trovo che, a differenza di quelli nuovi tipo Ikea, abbiano un’anima e inoltre così si alimenta un’idea di riuso, riciclo e riutilizzo che combatte la produzione di rifiuti.

D) Nel mondo del teatro c’è sensibilità rispetto ai temi ambientali?

R) Non sempre. Però mi è capitato di lavorare con registi e scenografi che per gli allestimenti non utilizzano oggetti creati ad hoc ma, anche in questo caso, materiali di recupero.

D) In generale, pensa che l’Italia sia un paese dove è presente una forte coscienza ecologica?

R) Non dappertutto. In particolare, da quanto ho visto – e mi dispiace dirlo - c’è una maggiore sensibilità nelle regioni del nord, come il Trentino. In Campania, Sicilia o Calabria, che pure sono ricche di luoghi stupendi, manca l’attitudine a farsi carico e a sentirsi responsabili del proprio territorio.

D) Quale è secondo lei il più grave problema ambientale?

R) Sicuramente l’inquinamento, dell’aria, dell’acqua, ma anche quello acustico. Trovo anche molto grave la devastazione del territorio attraverso l’edilizia: in Italia l‘abusivismo ha danneggiato paesaggi stupendi. Da piccola sognavo di diventare archeologa e grazie a questa passione ho scoperto quanto gli edifici antichi fossero costruiti seguendo un equilibrio tra natura e architettura. Oggi, purtroppo, tutto questo si è perso.

D) Quale progetto vorrebbe vedere realizzato nella sua città?

R) Mi piacerebbe che il centro storico di Roma, così come avviene in tutte le grandi capitali europee, fosse chiuso al traffico. Trovo delirante che i Fori Imperiali, il Palatino, il Colosseo, il Teatro Marcello siano assediati dalle macchine: la nuova giunta comunale ha addirittura proposto di trasformare il Circo Massimo in campetti da beach volley!

Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Nasce il Circular Economy Network: Italia al secondo posto in Europa per riciclo

maggio 4, 2018

Nasce il Circular Economy Network: Italia al secondo posto in Europa per riciclo

A giugno verrà approvato in via definitiva il pacchetto europeo sull’economia circolare e già oggi nasce il Circular Economy Network, l’osservatorio della circolarità in Italia creato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e da un gruppo di 13 aziende e associazioni di impresa che vanno dai consorzi di riciclo alle industrie di bioplastiche, dalle acque [...]

Bike Pride e Brompton sfilano per Torino a favore del ciclismo urbano

maggio 4, 2018

Bike Pride e Brompton sfilano per Torino a favore del ciclismo urbano

Domenica 6 maggio 2018, al Parco del Valentino di Torino torna protagonista la bicicletta con due importanti eventi dedicati al mondo del ciclismo urbano: la IX edizione del “Bike Pride”, la tradizionale parata annuale di biciclette organizzata dall’Associazione Bike Pride Fiab Torino, e la V edizione del Brompton World Championship, un evento dedicato agli appassionati [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende