Home » Very Important Planet » In difesa del territorio. Intervista a Iaia Forte:

In difesa del territorio. Intervista a Iaia Forte

giugno 25, 2010 Very Important Planet

Iaia Forte, Courtesy of screenweek.itDa piccola voleva fare l’archeologa, invece, superati i quarant’anni, Iaia Forte è diventata una delle più importanti attrici italiane: «Credo che il teatro possa contribuire molto per far crescere l’attenzione sulle questioni ambientali, nelle persone e nelle società. Il teatro è un luogo di scambio umano e civile, è uno spazio di profonda sensibilità e di difesa delle dignità della cultura e del territorio: lavorando in questa dimensione aiuta a capire l’importanza dell’equilibrio tra modernità e tradizione, sviluppo e sostenibilità».

D) Che rapporto ha lei con l’ambiente?

R) Pur abitando in città, ho un grande rispetto per la natura. Il mio legame forte, avendo vissuto per vent’anni a Napoli, è quello con il mare: soffro fisicamente quando vedo le spiagge invase dall’immondizia o i sacchetti e le plastiche che galleggiano nell’acqua.

D) Compie quotidianamente dei gesti di attenzione verso l’ambiente?

R) Sì, faccio abitualmente la raccolta differenziata, anche se in città come Roma o Napoli le strutture non funzionano granché bene: ogni tanto capita di dover fare parecchia strada prima di trovare il cassonetto della carta o la campana del vetro. Sarebbe importante rendere il servizio più efficiente, in particolare a Napoli, dove in questi anni abbiamo visto quanti sono stati i problemi dovuti all’immondizia.

D) Utilizza l’auto o la bicicletta nei suoi spostamenti?

R) In genere il motorino: a Roma ho una casa in cima a una salita, la bici è troppo scomoda, lo ammetto. Però, appena saranno commercializzate, vorrei comprarmi un’auto elettrica.

D) La sua è una casa a basso impatto ambientale?

R) Diciamo che faccio attenzione ad alcuni aspetti che riguardano l’eco-sostenibilità domestica. In particolare, ho comprato solo mobili usati nei mercatini: trovo che, a differenza di quelli nuovi tipo Ikea, abbiano un’anima e inoltre così si alimenta un’idea di riuso, riciclo e riutilizzo che combatte la produzione di rifiuti.

D) Nel mondo del teatro c’è sensibilità rispetto ai temi ambientali?

R) Non sempre. Però mi è capitato di lavorare con registi e scenografi che per gli allestimenti non utilizzano oggetti creati ad hoc ma, anche in questo caso, materiali di recupero.

D) In generale, pensa che l’Italia sia un paese dove è presente una forte coscienza ecologica?

R) Non dappertutto. In particolare, da quanto ho visto – e mi dispiace dirlo - c’è una maggiore sensibilità nelle regioni del nord, come il Trentino. In Campania, Sicilia o Calabria, che pure sono ricche di luoghi stupendi, manca l’attitudine a farsi carico e a sentirsi responsabili del proprio territorio.

D) Quale è secondo lei il più grave problema ambientale?

R) Sicuramente l’inquinamento, dell’aria, dell’acqua, ma anche quello acustico. Trovo anche molto grave la devastazione del territorio attraverso l’edilizia: in Italia l‘abusivismo ha danneggiato paesaggi stupendi. Da piccola sognavo di diventare archeologa e grazie a questa passione ho scoperto quanto gli edifici antichi fossero costruiti seguendo un equilibrio tra natura e architettura. Oggi, purtroppo, tutto questo si è perso.

D) Quale progetto vorrebbe vedere realizzato nella sua città?

R) Mi piacerebbe che il centro storico di Roma, così come avviene in tutte le grandi capitali europee, fosse chiuso al traffico. Trovo delirante che i Fori Imperiali, il Palatino, il Colosseo, il Teatro Marcello siano assediati dalle macchine: la nuova giunta comunale ha addirittura proposto di trasformare il Circo Massimo in campetti da beach volley!

Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende