Home » Very Important Planet » Lella Costa, tra ambientalismo privato e attivismo pubblico:

Lella Costa, tra ambientalismo privato e attivismo pubblico

aprile 13, 2012 Very Important Planet

In un mondo antico, abitato da dei ed eroine, Lella Costa, erede dei classici, “femminile singolare” come lei stessa dice di sé, vestirebbe senz’altro i panni di una donna del mito. Dal mito, del resto, ha attinto a piene mani per molti suoi monologhi, dalla tragedia alla favola, come una curiosa Alice nel Paese delle Meraviglie, sociologa dei sentimenti, straordinaria interprete delle emozioni che albergano nell’animo umano. Di lei conosciamo il volto dell’artista poliedrica, protagonista solitaria di spettacoli coraggiosi. Insieme a Giovanna Zucconi, ripercorrerà la storia della sua carriera stasera, alle 21, al Teatro Sociale Busca di Alba, in una serata tra parole e buon vino. Ma il suo impegno non finisce qui. Da anni, l’attrice milanese è anche un’attivista di Emergency. Oltre che una consumatrice modello, secondo i parametri dell’ecosostenibilità.

D) Lella Costa, da quanto tempo è testimonial di battaglie per i diritti umani?

R) Da moltissimi anni. E continuo con grande convinzione. Non si può non guardarsi attorno e pensare che cosa comportano le guerre per i civili che le subiscono. Bisogna raccontare cos’è questo scandalo, a gran voce. C’è chi lo fa lavorando come medico e personale logistico. Io faccio quel che posso, cerco di mantenere alta la visibilità attraverso ciò in cui credo. Fuori dai miei spettacoli ci sono quasi sempre banchetti di Emergency o Amnesty.

D) Alcuni suoi colleghi, detrattori di questa logica, dicono che fare il testimonial può essere un modo per autosponsorizzarsi. Lei che ne pensa?

R) Nel mio caso è, piuttosto, il contrario. Spesso, tra il pubblico può esserci chi non la pensa come me. Dipende dal tipo di visibilità che cerchi. Per esempio, io non sono mai stata a un Telethon, perché mi sembra si avvicini molto a quello che lei dice. Oggi impegnarsi nella solidarietà non è mandare un sms, o mettere mano alla carta di credito. Nel mio piccolo, io cerco di essere vicina a realtà concrete, come il Cesvi. Sto raccogliendo anche un gruppo di firme per chiedere l’istituzione di testamenti biologici a Milano. Tante micro battaglie, che si reggono sulla credibilità che ti sei conquistato. Di questi tempi, se le organizzazioni sono serie si liberano rapidamente dei falsi testimoni. Richiedono serietà.

D) Lei è anche ferrea sostenitrice di uno stile di vita improntato all’ecologia. E’ vero?

R) Sì. A me sembra di rispettare l’ambiente per cose molto marginali, anche se non banali: non lascio mai il rubinetto dell’acqua aperto, riutilizzo le bottigliette di plastica per non inquinare, vado in treno e non in aereo, faccio un’attenta raccolta differenziata, stacco le spine dalle prese degli elettrodomestici che non utilizzo e a Milano mi muovo soprattutto in bici.

D) Sempre e solo in bici?

R) Sì, spessissimo. In città è il modo più veloce ed economico per spostarsi. Sarà rischioso ma dal punto di vista del tempo ti permette di muoverti rapidamente. Certo, non mi avventuro su tangenziali. Ho una bellissima bicicletta di Rossignoli, costruttore “senza logo”, elegantissimo, con i freni a bacchetta e una meravigliosa sella in cuoio che mi hanno già rubato due volte, cestini senza i fiori, sobri, davanti e dietro per portare le buste della spesa.

D) Non ci dica che è lei che va al mercato a comprare frutta e verdura…

R) E’ così. Per fortuna il mio lavoro ha orari che mi permettono una notevole flessibilità diurna. Mi servo in un mercato comunale vicono casa. Abbastanza costoso, ma con merce eccellente. Mi piace fare la spesa fermandomi a chiacchierare. A Milano non si riesce a trovare proprio il “Km 0″, ma almeno il “km 100″ lo preferisco di gran lunga a quello “2000″. In famiglia abbiamo anche ridotto drasticamente il consumo di carne, almeno di quella di cui non ho la certezza che provenga da allevamenti rispettosi di ambiente e animali. E’ stata una richiesta della figlia piccola, quando aveva 15 anni. E’ diventata vegetariana, lei che adorava la pancetta e faceva scorpacciate di fiorentine alla griglia. L’abbiamo seguita volentieri su questa strada. Io invece mangio molto pesce pescato.

D) Qual è per lei il paradiso terrestre?

R) La vacanza del ristoro della mente e del corpo è il mare. Da molti anni andiamo a Levanto, dove abbiamo un gozzo, una barca da pesca, che va pianissimo. Quando arriva maggio o giugno ed esco da sola al largo per me è il non plus ultra. Le Cinque Terre sono il luogo delle meraviglie.

D) E’ stata spesso cantrice di denuncia della condizione di vita della donna. A che punto siamo oggi riguardo alla tutela dei diritti femminili?

R) Il senso di fatica, frustrazione, avvilimento per il trattamento riservato alle donne, a partire dal luogo di lavoro, per finire con le politiche sulla famiglia, è sempre lo stesso. Fatta salva la buona fede di tutti, non mi sembra siano stati fatti passi avanti. Una delle parole chiave durante il discorso di insediamento di Mario Monti è stata “equità”. Non mi pare se ne stia vedendo tanta. Prendiamo il presidente dell’Inps che guadagna 27 stipendi. Ti domandi quale lavoro faccia, mi auguro che dorma poco visti gli impegni che dice di riuscire ad assolvere! Disparità, arroganza. Trovo ignobili gli esponenti dei partiti, che il giorno dopo la vicenda della Lega hanno invoncato a gran voce una legge di finanziamento ai partiti. Ma dov’eravate prima? Al di là delle tematiche femminili, stiamo allargando la distanza tra il Paese reale e il Palazzo. Anche se meno cialtrone, il Palazzo non ci sta mettendo al riparo da guai seri sul fronte economico. Ti senti totalmente impotente, ti devi fidare. E’ un momento molto difficile, si percepisce grande scoramento. Spero salti fuori una nuova capacità di resistenza, un cambiamento di sguardo, bisogna inventarsi la vita. Mi sembra quasi un miracolo.

D) Mai pensato di candidarsi in politica?

R) Di offerte ne ho avute a iosa. Ma sono così antica da pensare che per fare un mestiere si debba studiare e prepararsi a fondo. Nel mio funzione così. In politica forse no. La politica comunque, nel senso greco, sociale e civile del termine, si fa anche sul palco. Mi compete di più, e mi espone meno a rischi di inappropriatezza…

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende