Home » Very Important Planet » Lella Costa, tra ambientalismo privato e attivismo pubblico:

Lella Costa, tra ambientalismo privato e attivismo pubblico

aprile 13, 2012 Very Important Planet

In un mondo antico, abitato da dei ed eroine, Lella Costa, erede dei classici, “femminile singolare” come lei stessa dice di sé, vestirebbe senz’altro i panni di una donna del mito. Dal mito, del resto, ha attinto a piene mani per molti suoi monologhi, dalla tragedia alla favola, come una curiosa Alice nel Paese delle Meraviglie, sociologa dei sentimenti, straordinaria interprete delle emozioni che albergano nell’animo umano. Di lei conosciamo il volto dell’artista poliedrica, protagonista solitaria di spettacoli coraggiosi. Insieme a Giovanna Zucconi, ripercorrerà la storia della sua carriera stasera, alle 21, al Teatro Sociale Busca di Alba, in una serata tra parole e buon vino. Ma il suo impegno non finisce qui. Da anni, l’attrice milanese è anche un’attivista di Emergency. Oltre che una consumatrice modello, secondo i parametri dell’ecosostenibilità.

D) Lella Costa, da quanto tempo è testimonial di battaglie per i diritti umani?

R) Da moltissimi anni. E continuo con grande convinzione. Non si può non guardarsi attorno e pensare che cosa comportano le guerre per i civili che le subiscono. Bisogna raccontare cos’è questo scandalo, a gran voce. C’è chi lo fa lavorando come medico e personale logistico. Io faccio quel che posso, cerco di mantenere alta la visibilità attraverso ciò in cui credo. Fuori dai miei spettacoli ci sono quasi sempre banchetti di Emergency o Amnesty.

D) Alcuni suoi colleghi, detrattori di questa logica, dicono che fare il testimonial può essere un modo per autosponsorizzarsi. Lei che ne pensa?

R) Nel mio caso è, piuttosto, il contrario. Spesso, tra il pubblico può esserci chi non la pensa come me. Dipende dal tipo di visibilità che cerchi. Per esempio, io non sono mai stata a un Telethon, perché mi sembra si avvicini molto a quello che lei dice. Oggi impegnarsi nella solidarietà non è mandare un sms, o mettere mano alla carta di credito. Nel mio piccolo, io cerco di essere vicina a realtà concrete, come il Cesvi. Sto raccogliendo anche un gruppo di firme per chiedere l’istituzione di testamenti biologici a Milano. Tante micro battaglie, che si reggono sulla credibilità che ti sei conquistato. Di questi tempi, se le organizzazioni sono serie si liberano rapidamente dei falsi testimoni. Richiedono serietà.

D) Lei è anche ferrea sostenitrice di uno stile di vita improntato all’ecologia. E’ vero?

R) Sì. A me sembra di rispettare l’ambiente per cose molto marginali, anche se non banali: non lascio mai il rubinetto dell’acqua aperto, riutilizzo le bottigliette di plastica per non inquinare, vado in treno e non in aereo, faccio un’attenta raccolta differenziata, stacco le spine dalle prese degli elettrodomestici che non utilizzo e a Milano mi muovo soprattutto in bici.

D) Sempre e solo in bici?

R) Sì, spessissimo. In città è il modo più veloce ed economico per spostarsi. Sarà rischioso ma dal punto di vista del tempo ti permette di muoverti rapidamente. Certo, non mi avventuro su tangenziali. Ho una bellissima bicicletta di Rossignoli, costruttore “senza logo”, elegantissimo, con i freni a bacchetta e una meravigliosa sella in cuoio che mi hanno già rubato due volte, cestini senza i fiori, sobri, davanti e dietro per portare le buste della spesa.

D) Non ci dica che è lei che va al mercato a comprare frutta e verdura…

R) E’ così. Per fortuna il mio lavoro ha orari che mi permettono una notevole flessibilità diurna. Mi servo in un mercato comunale vicono casa. Abbastanza costoso, ma con merce eccellente. Mi piace fare la spesa fermandomi a chiacchierare. A Milano non si riesce a trovare proprio il “Km 0″, ma almeno il “km 100″ lo preferisco di gran lunga a quello “2000″. In famiglia abbiamo anche ridotto drasticamente il consumo di carne, almeno di quella di cui non ho la certezza che provenga da allevamenti rispettosi di ambiente e animali. E’ stata una richiesta della figlia piccola, quando aveva 15 anni. E’ diventata vegetariana, lei che adorava la pancetta e faceva scorpacciate di fiorentine alla griglia. L’abbiamo seguita volentieri su questa strada. Io invece mangio molto pesce pescato.

D) Qual è per lei il paradiso terrestre?

R) La vacanza del ristoro della mente e del corpo è il mare. Da molti anni andiamo a Levanto, dove abbiamo un gozzo, una barca da pesca, che va pianissimo. Quando arriva maggio o giugno ed esco da sola al largo per me è il non plus ultra. Le Cinque Terre sono il luogo delle meraviglie.

D) E’ stata spesso cantrice di denuncia della condizione di vita della donna. A che punto siamo oggi riguardo alla tutela dei diritti femminili?

R) Il senso di fatica, frustrazione, avvilimento per il trattamento riservato alle donne, a partire dal luogo di lavoro, per finire con le politiche sulla famiglia, è sempre lo stesso. Fatta salva la buona fede di tutti, non mi sembra siano stati fatti passi avanti. Una delle parole chiave durante il discorso di insediamento di Mario Monti è stata “equità”. Non mi pare se ne stia vedendo tanta. Prendiamo il presidente dell’Inps che guadagna 27 stipendi. Ti domandi quale lavoro faccia, mi auguro che dorma poco visti gli impegni che dice di riuscire ad assolvere! Disparità, arroganza. Trovo ignobili gli esponenti dei partiti, che il giorno dopo la vicenda della Lega hanno invoncato a gran voce una legge di finanziamento ai partiti. Ma dov’eravate prima? Al di là delle tematiche femminili, stiamo allargando la distanza tra il Paese reale e il Palazzo. Anche se meno cialtrone, il Palazzo non ci sta mettendo al riparo da guai seri sul fronte economico. Ti senti totalmente impotente, ti devi fidare. E’ un momento molto difficile, si percepisce grande scoramento. Spero salti fuori una nuova capacità di resistenza, un cambiamento di sguardo, bisogna inventarsi la vita. Mi sembra quasi un miracolo.

D) Mai pensato di candidarsi in politica?

R) Di offerte ne ho avute a iosa. Ma sono così antica da pensare che per fare un mestiere si debba studiare e prepararsi a fondo. Nel mio funzione così. In politica forse no. La politica comunque, nel senso greco, sociale e civile del termine, si fa anche sul palco. Mi compete di più, e mi espone meno a rischi di inappropriatezza…

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende