Home » Very Important Planet » Umberto Spinazzola: il “regista del cibo” verso un nuovo film:

Umberto Spinazzola: il “regista del cibo” verso un nuovo film

dicembre 6, 2013 Very Important Planet

Umberto Spinazzola è il regista del fortunato talent show culinario Masterchef, ma non solo. Fra gli altri progetti i lungometraggi Cous Cous (1996) e L’ultimo crodino (2009), cui presto andrà ad affiancarsi il lavoro attualmente in fase di realizzazione, Quello che non ho, prodotto dalla Sarraz Pictures di Torino con il contributo di FIP e Film Commission Torino Piemonte. Un regista, dunque, che attraverso il suo lavoro desidera anche diffondere una cultura del cibo inteso come valore autentico, simbolo e specchio di tradizioni e territori.

D) Umberto, che cosa ci racconterai in Quello che non ho?

R) Affronterò un tema per me molto importante. Ho preso spunto da un romanzo ispirato a una storia vera riguardante lo spreco alimentare, è un punto di partenza per svelare un po’ di verità nascoste. Il cinema, a differenza delle tv e dei giornali, è ancora un’isola che ti permette di raccontare come stanno le cose realmente. Ma al momento non posso rivelare di più del progetto, dobbiamo ancora iniziare a girarlo.

D) Perché hai scelto di realizzare un film sullo spreco alimentare?

R) Perché il cibo ha una grande influenza sul nostro futuro. Le persone non riflettono più sul cibo, non immaginano quanto inganno c’è dietro: tre quarti degli alimenti che mangiamo non sono quello che dichiarano di essere, la provenienza spesso non è quella reale, i controlli sono sommari. Credo che un film in cui si affrontano determinati temi possa scuotere le coscienze e aiutare le persone a capire, a modificare le abitudini.

D) Qual è il tuo rapporto personale con il cibo?

R) Per me il cibo è un valore assoluto, è un bisogno primario, fa parte integrante della nostra esistenza. È importante come respirare. Per questo ritengo che sia nostro dovere difenderlo a tutti i costi, altrimenti il rischio è di andare verso una situazione di non ritorno, dove tutto diventerà monopolio delle multinazionali. Bisogna lottare per mantenere viva la cultura della cucina povera,  del cibo semplice. La gente è come se fosse addormentata, presa a metà fra le mode da un lato e dalla grande distribuzione dall’altro.

D) Come si può essere sostenibili attraverso il cibo?

R) Basta riappropriarsi della terra, tornare a rispettarla e ad avere un rapporto diretto. Dove si è tornati a stabilire questo legame, l’economia è risorta, dimostrando esattamente il contrario di quanto ci viene detto: la terra non è morta. Chi lavora sull’eccellenza fa fatica, perché è schiacciato da un modello economico che non permette al piccolo di sopravvivere. Bisogna ribellarsi a questo modello, uscire dalle mode, dribblare la massificazione del gusto, riscoprire il valore del territorio.

D) Cosa pensi della situazione italiana dal punto di vista del rapporto cibo/ambiente?

R) L’Italia è un paese fortunato, nessuna nazione ha un tale potenziale di cibo genuino, ma lo stiamo perdendo. Bisogna mantenere questo patrimonio dando potere all’azione delle singole regioni. Qualche iniziativa c’è, ma è sempre tutto subordinato alla politica. Si pensa alla terra solo in termini di edilizia, si costruisce tantissimo sul territorio, ma più per esigenze di business che per reali necessità abitative. Si dovrebbe prima capire quanti edifici nuovi e vuoti sono stati eretti, invece si continua a costruire senza sosta.

D) Quali sono le azioni quotidiane che suggerisci per un comportamento eco-sostenibile?

R) Per esempio, partire dal carrello della spesa: non riempirsi il frigo come se ogni settimana si dovesse fare la scorta per mesi. E poi avere il coraggio di cucinare pietanze semplici. Basta una pasta con il pomodoro per cenare in modo sano. Infine, è importantissimo mangiare il più possibile a “km 0″. Sfruttare la verdura e la frutta di stagione, anche se i supermercati ormai ci abituano ad avere tutto per tutto l’anno.

D) L’ultima domanda è per Masterchef: cosa ti ha insegnato questa esperienza?

R) Passare molti mesi a contatto con l’eccellenza mi permette di conoscere persone interessanti in cerca continua della qualità, costantemente in lotta per comunicare e diffondere la cultura dell’importanza dell’ingrediente. Li paragono a dei poeti: che sia carne, pesce, pasta, lavorano sempre sulla qualità. Un valore che la gente sta perdendo: per comprare un pomodoro che abbia davvero sapore di pomodoro devi spendere almeno due ore, perché ormai è impossibile trovarlo facilmente. Anche per questo la gente non riflette più sull’ingrediente, perché si accontenta del pomodoro dal sapore finto piuttosto che impegnarsi nella ricerca.

Daniela Falchero

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende