Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Via Francigena: seconda sgambata. A piedi alla Novalesa.:

Via Francigena: seconda sgambata. A piedi alla Novalesa.

agosto 26, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Dove stanno in genere le strade secondarie? Quelle che non contano niente, le ultime “carrozzabili” o peggio ancora le strade di terra battuta, quelle dei viandanti, dei vagabondi o come si chiamano. Fateci caso: nove volte su dieci stanno dietro la ferrovia.

La ferrovia è il limite estremo. Attrae e separa. Paesi e comunità vi si riuniscono attorno ma, solitamente, oltre la stazione, non c’è più niente di utile.
Io comunque adoro la ferrovia e quella di oggi non è affatto una strada da niente – chi lo pensa non sa niente. Quella di oggi è la via Francigena.

La vagheggio da un po’, ma ormai ho capito che riuscirò a sperimentarla solo a pezzetti, tratto per tratto: meglio di niente. L’antica via affonda le sue origini nelle rotte dei viandanti e dei pellegrini provenienti dalle terre dei Franchi. Da quelle rotte nacque il riferimento a una Via Francigena per identificare una rete di vie che teneva insieme i maggiori luoghi di spiritualità del basso medioevo . Presto la Francigena divenne un’arteria di comunicazione del continente, congiungendo il Nord Europa con Roma e finendo per essere un Grande Itinerario di Culture.

Dal punto di vista del camminatore, la Francigena tra Torino e Susa è poca cosa rispetto ai tratti che collegano la pianura padana, la Toscana o il Lazio. La Bellezza che ha da offrire non sta nel territorio, nelle stradequanto nei suoi luoghi di preghiera: santuari, abbazie, monasteri, catalizzatori delle rotte storiche e religiose. Solo nel tratto Torino-Susa s’incontrano gemme come l’Abbazia di Sant’Antonio di Ranverso a Rosta, la Sacra di San Michele a Sant’Ambrogio, lAbbazia benedettina di Novalesa, in Val Cenischia.

Per arrivare a piedi alla Novalesa in giornata, un buon punto di partenza è il paese di Bussoleno (16 km di cammino) o direttamente Susa (8 km con dislivello). A Bussoleno non troverete alcuna indicazione. Sarebbe troppo internazionale. Il modo per trovare la francigena l’avete capito: oltrepassare la ferrovia. Una volta emersi dal sottopassaggio della stazione vedrete correre parallele ai binari un paio di stradine provinciali. Una di queste è la francigena.

Dai margini di Bussoleno la strada procede su asfalto alla sinistra orografica della Val di Susa, in mezzo alle casette a schiera e alla follia dei tagliaerba,  fendendo fazzoletti d’orti schiacciati tra i monti. Certo mette addosso una bella emozione seguire la segnaletica in direzione Ovest che indica “Santiago” (in senso contrario si è diretti a Roma).

I primi otto chilometri fino a Susa sono uno scherzo, seppur non sempre piacevole: per un breve tratto il limite tra sentiero e proprietà privata è sottilissimo e lo sguardo dei contadini piuttosto eloquente. Punto tappa tradizionale della Francigena, Susa merita una visita per la sua splendida geolocalizzazione e per gli incredibili esempi monumentali di storia medioevale e romana che conserva.

Per arrivare alla Novalesa si prende la Ciclostrada Val Susa in direzione Venaus. Ancora un tratto senza bellezza, sotto il viadotto della A32 per una mezz’ora almeno. Le strada e il paesaggio tornano ad essere appaganti dopo Mompantero, costeggiando il torrente Cenischia. Intorno avrete solo pascoli, vigne e rovi selvatici che regalano more come se piovesse.

Venaus è il primo paese della Val Cenischia: tipico borgo alpino, così vero che hai l’impressione di varcare un corridoio a cielo aperto, coi paesani ai lati che ti guardano come un parente mai visto prima. Tutto il borgo è disposto lungo l’Antica Strada Reale, o via Francigena del Moncenisio, principale via di salita al valico verso la Francia. Il ponte romanico dell’Esclosa separa il paese di Venaus dal territorio di Novalesa. Prima di entrare in paese, si svolta a sinistra in direzione dell’Abbazia.

Latto di nascita dell’Abbazia benedettina di Novalesa risale all’anno 726 d.c. quando il nobile Abbone decide di fondare su terreni di sua proprietà un monastero che intitola ai santi Pietro e Andrea, chiedendo come contropartita che i monaci preghino per lui e per la prosperità del regno dei Franchi contro la minaccia longobarda. Per la sua posizione strategica sulla più importante via di transito verso la Francia, la Novalesa divenne una casa di accoglienza per i pellegrini e i viandanti di tutta Europa.

Andare verso la Novalesa è parte della sua bellezza: la posizione del complesso monastico e la strada per giungervi sono il vestibolo della sua forza: isolata e prominente, con intorno il Rocciamelone e la valle del Cenischia.
Si percorrono all’incirca sei-settecento metri di salita all’ombra del bosco, lungo i prati cintati e gli orti coltivati dai benedettini: il motto qui è sempre Ora et Labora. Principale attività è quella del Restauro di libri e codici antichi, seguita dalla coltivazione e dalla trasformazione in prodotti di consumo come miele, marmellate, biscotti, birre, fino ai famigerati amari del monaco.

Quando te la trovi davanti, tutta raccolta intorno al suo chiostro, con la piccola chiesa romanica dei Santi Pietro e Andrea che si concede al visitatore, ti sfugge di nuovo la sua grandezza. La bellezza scabra della Novalesa vibra nel disegno d’insieme e nel suo abbraccio con la Natura.

Orlando Manfredi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende