Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Viaggio in “Cattive acque”, tra i veleni della valle del Sacco:

Viaggio in “Cattive acque”, tra i veleni della valle del Sacco

aprile 8, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Il fiume Sacco scorre nel frusinate ed è uno dei corsi d’acqua più inquinati d’Italia. Un tempo nel fiume si faceva il bagno, e dalle decine di ruscelli che graffiano la valle si poteva bere acqua fresca con le mani. Ora no. Ora ci sono le fabbriche, e quei grossi tubi neri che riversano liquami acidi e schiumosi. Il paesaggio adesso è segnato da lunghe colate di cemento, distese di capannoni e discariche di rifiuti interrati. E la gente, da queste parti, si ammala troppo spesso. E muore. Per la rubrica “Racconti d’Ambiente”, pubblichiamo oggi il prologo del libro “Cattive acque. Storie della Valle del Sacco”, del giornalista e filmaker Carlo Ruggiero, da poco pubblicato dalla casa editrice Round Robin. Il volume racconta la storia di una terra violentata e abbandonata, dopo esser stata adescata con un sogno effimero di ricchezza. È la storia di chi ci è nato, ci è cresciuto e ora ci sta morendo. Ma anche di chi, nonostante tutto, combatte ogni giorno per trovare una via di uscita.

Un demone flaccido

“Ho visto il demone della violenza e il demone dell’avidità e il demone del desiderio ardente; ma, per tutte le stelle!, quelli erano demoni forti, gagliardi, con gli occhi infuocati, che dominavano e guidavano gli uomini – uomini, vi dico. Ma sul pendio di quella collina intuii che nel sole accecante di questo Paese avrei conosciuto il demone flaccido, pretenzioso e miope di una follia rapace e spietata”.
Joseph Conrad, Cuore di Tenebra

L’acqua scorre veloce in questo punto. S’incre­spa, schiuma, scroscia. E da quassù sembra quasi limpida. Ci sono due cascate, una laterale, l’altra a piombo sul corso del fiume. Su una sponda, di fianco alla prima cascata, hanno costruito un edificio di ce­mento grezzo col tetto spiovente. È una specie di mu­lino, serve a produrre energia elettrica. È nuovo, an­cora da finire, e cozza un po’ con le vecchie pietre del ponte, che invece sono tutte annerite dalla pioggia. A dire il vero, non c’entra niente neanche con quella torre di pietra viva che si alza di fianco e buca la neb­bia fitta. La torre della Mola, è così che si chiama, un vecchio fabbricato con tanto di merli in cima e ferito­ie lungo le pareti. Il mulino, però, s’intona perfetta­mente con il cavalcavia in cemento armato della Tav, che sovrasta il tutto. L’hanno finito nel 2005, quando è stata finalmente inaugurata la tratta Roma-Napoli. La torre, invece, sta qui da più di ottocento anni, co­sì come il ponte. Ora è circondata da recinzioni aran­cioni da cantiere e da enormi blocchi di cemento im­pilati in attesa di essere messi in opera. Qualche anno fa l’hanno pure ristrutturata ed è diventata un museo delle bande musicali, con tanto di targa d’ottone luci­data di fresco a testimoniarlo.

Il sindaco di Sgurgola, grande appassionato di musica bandistica e, a quanto dice, intimo amico di Silvio Berlusconi, l’ha voluto a tutti i costi. Ora pensa addirittura di costruire una piazzola di atterraggio per gli elicotteri in un campo qui vicino. Magari in atte­sa che il suo illustre amico faccia un salto a trovarlo. È un progetto piuttosto ambizioso, non c’è che dire, ma che rischia di fare la stessa fine del piccolo parco giochi che sta a ridosso della ferrovia. L’ha costruito Trenitalia prima di chiudere definitivamente il cantie­re. Doveva essere un regalo alla cittadinanza, ma alla gente del posto non deve essere piaciuto un granché. Al momento c’è solo un’altalena gialla su cui proba­bilmente nessun bambino ha mai poggiato il sedere. Anche perché a pochi metri dalla giostra comincia a puzzare la carogna di un cane nero. Dev’essere mor­ta da qualche giorno, quella povera bestia, ed è già in avanzato stato di decomposizione.

No, non ci si sente a proprio agio qui. E non è so­lo per colpa della nebbia, del freddo che intirizzisce le ossa o di quel cane morto. È un malessere che nasce dalla sensazione di trovarsi in una specie di non luo­go. Stare su questo ponte, in effetti, è un’esperienza piuttosto straniante. È come se per qualche bizzarro fenomeno fisico, proprio qui, in questo punto preciso, due epoche diverse coabitassero nello stesso istante. Da un parte c’è un passato lontano: il ponte, la torre e l’acqua delle cascate. Dall’altra, c’è una modernità canaglia, quella del cavalcavia, della centrale elettri­ca del parchetto disabitato. In giro, poi, non c’è nes­suno. Solo silenzio e nebbia. E quel cane morto. Tutto è immobile, tranne l’acqua che continua a scrosciare e un frecciarossa che fischia veloce, di tanto in tanto.

Se t’affacci dal ponte scopri anche quello che un buon osservatore potrebbe considerare un dettaglio importante, forse l’anello mancante che riesce a te­nere insieme questi due mondi lontani. Dal terreno, proprio sul fiume, tra gli arbusti rinsecchiti e un po’ spettrali, sbuca un grosso tubo nero, dal quale esce a getto continuo un liquido verde acido e schiumoso. Quella melma si spande nell’acqua, lenta e inesorabi­le. E dev’essere pure calda, perché a contatto con l’a­ria gelida del mattino libera un refolo di fumo denso, che dopo un po’ si perde nella nebbia. Siamo in pie­na Ciociaria, a qualche decina di chilometri da Roma, verso sud. Siamo sul fiume Sacco, uno dei corsi d’ac­qua più inquinati d’Italia. Una sponda appartiene al territorio di Anagni, la città dei papi, l’altra a quello di Sgurgola, un paesotto molto più piccolo e ben me­no famoso. In mezzo c’è questo ponte, c’è il museo, e c’è il mulino nuovo di zecca.

Un tempo questo era un paradiso terrestre, al­meno così dicono i più anziani. Nel Sacco ci faceva­no il bagno, e dalle decine di ruscelli che graffiano la valle si poteva bere acqua fresca con le mani. Ora no. Ora c’è quel tubo, che arriva da uno degli stabilimen­ti industriali che nel frattempo sono spuntati a deci­ne nei dintorni. Sono tanti, e a dire il vero non stanno solo qui. L’esperienza straniante che si vive in questo punto del fiume, infatti, non è poi così straordinaria. Perché la puoi avvertire in tutta la valle, quell’ampia striscia di terra che da Colleferro si spinge verso sud per circa ottanta chilometri, ben dentro la provincia di Frosinone. Di tubi come questo, lungo il Sacco, ce ne sono a decine, e il paesaggio è segnato da lunghe colate di cemento e distese di capannoni di lamiera. Per oltre cinquant’anni, da queste parti, si è pensa­to solo a produrre. Il fiume era una vacca da munge­re, una ricchezza da spremere fino al midollo. L’industrializzazione, in queste terre, è arrivata così, con un piglio folle e spietato. S’è presa la valle a forza di zampate di cemento e di lamiera, e s’è riversata nel Sacco come quel liquido verde e cocente. La moderni­tà ha violentato questa valle per decenni, dopo averla adescata con un sogno di ricchezza duratura. Poi però l’ha abbandonata al suo destino e ai suoi incubi. Pro­prio come avrebbe fatto uno stupratore, un bruto non certo guidato da un demone forte, gagliardo, con gli occhi infuocati. A dominare gli uomini, qui, è arrivato un demone flaccido, pretenzioso e miope.

Carlo Ruggiero*

*Giornalista e filmaker, è nato nel 1977 a Frosinone. Autore di numerosi servizi e docufilm sul mondo del lavoro. Scrive e filma per Rassegna.it dove si occupa anche di diritti, ambiente e immigrazione. Nel 2012 ha pubblicato il reportage
narrativo “Una pietra sul passato”, edizioni Ediesse.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende