Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “Vivere Basso, Pensare Alto”: come adattarsi alla “nuova normalità” post-crisi:

“Vivere Basso, Pensare Alto”: come adattarsi alla “nuova normalità” post-crisi

febbraio 3, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

E’ ancora consentito, al giorno d’oggi, coltivare un ideale? E inseguire i propri sogni? Che prezzo devono avere i valori, per essere ritenuti praticabili? Nel libro “Vivere Basso, Pensare Alto“, da poco pubblicato da Terra Nuova edizioni, a metà strada fra un diario privato e un saggio, troviamo la testimonianza di un ex business-strategist che, negli anni, ha avviato una seria riflessione sulla sostenibilità delle proprie scelte di vita, arrivando oggi a rifiutare definitivamente un modello socioeconomico in cui non si riconosce più e scegliendo di comunicare agli altri la sua personalissima strategia per il cambiamento. La narrazione di Andrea Strozzi intreccia dati economici, studi ed esperienze personali, e in modo insieme chiaro e documentato argomenta la necessità di un nuovo patto economico, sociale e culturale, per iniziare a immaginare e praticare – per volontà o per necessità – modelli sociali improntati al vivere basso, che cioè sfuggano al dogma dell’accumulo a ogni costo e riscoprano valori più vicini ai bisogni reali di individui, comunità e territori. Un Low Living che perderebbe però la propria forza, se non fosse accompagnato dal pensare alto, dall’aspirazione cioè a una trasformazione solidale globale. Un testo che è anche un’esortazione ad agire, prima che sia troppo tardi, ad abbandonare l’abitudine alla delega e a prendere finalmente nelle proprie mani il destino, individuale e collettivo, della nostra società e del nostro habitat. Per la rubrica “Racconti d’Ambiente“, pubblichiamo oggi la prima parte del capitolo che dà il titolo al libro.

La maggior parte delle persone che si imbattono, intenzionalmente o meno, nel motto “Low Living High Thinking” finiscono prima o poi per chiedersi (e chiedermi) cosa significhi, nella pratica, “vivere basso” e “pensare alto”.

“Va bene pensare alto,” concordano in tanti, “d’accordo non perdere tempo davanti ai reality-show, ma… quanto alla prima parte della frase, vivere low, siamo pragmatici: cosa vuol dire poi esattamente? E soprattutto: perché farlo?”.

Ecco alcune delle sollecitazioni/provocazioni che ho ricevuto: La vita “low” è un po’ come lo “slow-food”? Un’alimentazione più sana e genuina? È una vita contemplativa, sottotono, ai margini? Una vita da emarginati? Un clochard vive più “low” di chiunque altro, ma non è questo che intendi, mi auguro…! Che sciocchezza! È solo una delle tante mode passeggere: vivere “low” farà anche figo, ma è un po’ come… cancellarsi da Facebook, è un sottrarsi volontariamente ad una cosa di cui comunque non potrai fare a meno! A me non me ne frega un cazzo di vivere “low”: io, finché posso, vado al ristorante tutte le volte che mi pare!

Le reazioni che ho ascoltato alla summa filosofica di H. D. Thoreau sono le più svariate. Alcune buffe. Alcune irritanti. Alcune con un fondo di verità. Tutte, comunque, legittime. Vivere “low” significa innanzitutto emanciparsi volontariamente e consapevolmente dalla morbosa ipnosi dell’accumulo incondizionato, scegliendo di derubricare progressivamente l’importanza di quelle comodità che la modernità ci ha abituato a considerare come scontate. Solo così facendo, otterremo ciò che realmente ci serve: la resilienza.

Avere in casa 24 gradi durante l’inverno, possedere più di un’auto per famiglia, fare almeno due vacanze all’anno (magari in posti esotici) sono tutte pratiche che non è detto che il futuro possa ancora garantirci. O, per lo meno, potranno essere garantite a quote sempre più ristrette di popolazione. Almeno qui in Italia. È una realtà amara, ma con cui occorre fare i conti il prima possibile.

Molti di noi, addirittura, si stanno già scontrando con questi nuovi stili di vita, magari senza rendersene conto appieno. I trend, ormai paralleli, dei consumi delle famiglie e dei livelli retribuivi medi stanno lì a dimostrarlo: il potere d’acquisto della popolazione italiana sta progressivamente contraendosi. E i nostri carrelli della spesa, ormai sempre più vuoti, ce lo confermano ogni settimana di più.

I più ottimisti sono assolutamente certi che si tratti soltanto di una parentesi. La chiamano “crisi”. E come tale – dicono – è destinata a concludersi con una ripresa. Quanto durò quella del ’92? E quella energetica degli anni ’70? Un paio d’anni? Forse tre. Dunque, ormai ci siamo! Questa è iniziata nel 2011, dunque ormai ne siamo fuori. No… come nel 2007? Quella era la crisi precedente, finita nel 2009. Poi il 2010 ne eravamo usciti! Questa del 2011 è un’altra crisi, una diversa! Certo… come no?

Discorsi come questo sono inquietanti. Sono l’effetto di un inconsapevole pressapochismo, il più delle volte inculcato dai media, che costringerà molti di noi ad aprire gli occhi solo quando sarà troppo tardi. Questa non è una crisi: è un declino. Gli economisti veri, quelli che non svendono la propria ragionevolezza all’opportunismo politico, parlano infatti ormai di “new normal”, un termine tecnico che indica un nuovo stato delle cose, diverso dal precedente ma talmente stazionario da poter essere considerato come, appunto, una nuova normalità. Quale sarà la nuova normalità? Se ci pensiamo, da ormai cinque anni l’economia reale è in grave recessione. Le imprese chiudono o, nel migliore dei casi, delocalizzano. Le banche hanno smesso di erogare credito. I grandi marchi che hanno fatto la storia dell’industria italiana sono stati ceduti a società estere. Le grandi banche d’investimento e le società di venture-capital stanno facendo shopping nella nostra penisola, incapaci come ormai siamo di badare a noi stessi. Le ferite procurate al nostro tessuto socioeconomico da decenni di malgoverno e interessi di parte sono ormai insanabili. La recessione non potrà essere cancellata, né nelle nostre teste né tantomeno nei conti pubblici, dallo spauracchio di un più zerovirgolaqualcosa di PIL. Contestualmente, la politica fiscale di questo governo resta saldamente improntata all’austerità che ci impone l’Europa, che comprime ulteriormente le capacità di spesa e di risparmio delle famiglie: un circolo vizioso da cui non si uscirà se non con le ossa rotte. Non sarà qualche uomo politico, a poterci curare. Come abbiamo visto in precedenza, la soluzione non passerà questa volta attraverso l’istituto della delega. Affidare la fuoriuscita dalla Crisi a politici vecchi in corpi giovani, o a politici dalla mente giovane e brillante in corpi stagionati, rischia di portarci nuovamente fuori strada. Dalla politica e dall’economia, dunque, non arriveranno ricette miracolose. “Vivere basso” resta quindi la sola ed unica soluzione. Per non farsi sorprendere. Per abituare progressivamente noi e i nostri cari a un regime esistenziale diverso, più umile, meno pretenzioso, più autentico, genuino e – verosimilmente – anche più… gustoso.

Quella che propongo ora, senza alcuna pretesa di scientificità, è una semplice “lista della spesa”, anch’essa estrapolata – come altre slide pubblicate in precedenza – da un mio recente lavoro su questi temi. Se vivere “low” è dunque l’obiettivo, se vivere “low” è dunque l’incognita che – in tanti ormai sosteniamo – può consentirci di affrontare l’avvenire nel modo meno traumatico possibile, quello che segue è un banalissimo elenco di piccole azioni e comportamenti che ognuno di noi, nella sua quotidianità, può liberamente scegliere di adottare per abituarsi pian piano ad un “regime esistenziale” diverso, più… leggero. Il rispetto o meno di queste abitudini – o forse dovrei dire “disabitudini” – non prevede una pagella. Non è un test psicologico. Non si dà un punteggio ad ogni risposta, per poi far dipendere da quanto si è totalizzato l’interpretazione di un comportamento. Soprattutto: non è un gioco!

Andrea Strozzi*

* Nato a Carpi (Modena) nel 1974. Dopo la laurea in Scienze statistiche ed economiche si avvia verso una promettente carriera nella governance di alcuni gruppi bancari nazionali. Nel 2004, tre anni prima della crisi, acquista sull’Appennino una vecchia stalla semidiroccata adiacente a campi e boschi, che ristruttura personalmente iniziando a riflettere sull’insostenibilità del modello di sviluppo contemporaneo. Nel 2012 fonda Low Living High Thinking, un think-net che discute di bioeconomia, decrescita e downshifting, promuovendo uno stile di vita meta-consumistico e orientato al benessere. Nel 2014 abbandona il posto fisso per dedicarsi completamente a ciò in cui crede.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende