Home » Off the Green »Rubriche » Voglio un’ecologia egoista! Adesso, non nel 2030:

Voglio un’ecologia egoista! Adesso, non nel 2030

maggio 12, 2017 Off the Green, Rubriche

Paolo Pileri e Matilde Casa hanno presentato ieri a Torino, al Consiglio Regionale del Piemonte, il loro libro a quattro mani “Il suolo sopra tutto“. Una denuncia forte e ben documentata di un mondo “al contrario”, dove le follie legislative e le furberie linguistiche, da decenni, offrono ai peggiori speculatori la copertura normativa per continuare a sperperare un bene comune di fondamentale importanza, invece di premiare i più virtuosi, che operano a beneficio della collettività.

Oggi (quasi) nessun politico si dichiarerebbe pubblicamente favorevole alla cementificazione selvaggia, ma non per questo la situazione è migliorata. Come ha ricordato Pileri agli amministratori pubblici in sala – tutti molto accorati nei loro interventi – non basta “essere d’accordo”, serve darsi una mossa, concretamente, perché ai vari livelli istituzionali (e nelle segreterie dei partiti) venga recepito il messaggio e ci si attivi per correggere le storture di legge. Adesso, non nel 2020 o 2030!

Con Fabio Dovana, presidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta, che ha organizzato l’incontro torinese, condivido, da tempo, l’assoluta irritazione verso la sterilità e la vuotezza delle formule “facciamolo per i nostri figli”, “facciamolo per i nostri nipoti”. No, facciamolo subito! Per tutti noi e anche per quei figli e nipoti tanto invocati che patiscono già oggi gli effetti devastanti del consumo di suolo, dell’inquinamento e dei cambiamenti climatici. Basta con il richiamo alle “generazioni future” e l’altruismo da due lire, che fa fine e non impegna. E’semplicemente patetico che a brandire questa presunta lungimiranza siano proprio gli stessi amministratori che, pur essendo in carica, non fanno quanto dicono di condividere perché rischiano di perdere voti nella breve distanza…

E basta anche con l’infinita ricerca di sempre maggiori “evidenze scientifiche“! Sono due facce dello stesso modo di lanciare la palla infinitamente in avanti, di prendere sistematicamente tempo per non esporsi mai alla responsabilità di decidere. Non servono altri dati, altre ricerche, altre tecnologie, abbiamo già tutto, manca solo la volontà politica. L’avevo già scritto in occasione del referendum sulle trivelle di un anno fa (“L’eterno ritorno dei Galletti della scienza“) e sono felice che Pileri e Dovana l’abbiano ribadito ieri. Mi auguro che questa insofferenza diventi presto contagiosa e che i cittadini italiani non accettino più i bei discorsi dei politici e degli amministratori che non si concludano con un impegno preciso e un piano d’azione. Non servono date farlocche tarate sulle prossime scadenze elettorali, ma la serietà di prendere un impegno e confrontarsi periodicamente con i cittadini per rendere conto dell’avanzamento dei lavori.

Ma, intendiamoci, non siamo più disposti nemmeno a sopportare le furbate di leggi dai titoli mirabolanti e dal contenuto esattamente opposto. Non basta fare – per trasmettere all’elettore un’idea di dinamismo - serve fare bene, ovvero adoperarsi per risolvere realmente il problema. Il disegno di legge sul “consumo di suolo” passato alla Camera e da tempo fermo al Senato, ricorda ad esempio Pileri, prevede, tra le altre cose, che sia sufficiente una richiesta edificatoria di un cittadino (senza nemmeno che sia approvata) per escludere quel terreno dal conteggio del nuovo consumo di suolo! E poi ci sono i giochini lessicali dei piani regolatori come “tessuto urbano consolidato” (dove la vita di chi vuole costruire, anche senza motivo, è più semplice) e le funamboliche argomentazioni degli urbanisti per giustificare la costruzione di villette a schiera anche su un suolo boschivo, solo perché “è prospiciente la strada”… L’idea dominante, dice Pileri, è che il suolo valga solo se c’è qualcosa sopra, in totale disprezzo dei cosiddetti “servizi ecosistemici” del suolo.

Eppure, come ha giustamente ricordato Flavia Bianchi, urbanista di Legambiente, non dovrebbe essere un dogma l’impossibilità di revisione dei piani regolatori. Bene non estendere ulteriormente il numero dei terreni edificabili, ma perché non possono essere riviste anche alcune scelte passate, alla luce di una nuova sensibilità ambientale, ma anche della situazione di mercato attuale, che registra ovunque centinaia di edifici invenduti e altri che potrebbero essere ristrutturati e riqualificati? Questo dovrebbe essere il vero business del futuro, anche nell’interesse delle imprese. Ma la politica deve battere un colpo e indicare una direzione. Del resto, come conferma la sindaca Matilde Casa – alla quale non si può certo negare di averci provatooggi, più che mai, è il momento giusto per gli amministratori pubblici per avere coraggio, mentre gli appetiti e la voracità degli speculatori sono più quieti. Magari anche con quella famosa fiscalità ecologica, di cui non mi stancherò mai di parlare e che rimane la chiave di volta per l’affermarsi della green economy: premiare coloro che generano meno “esternalità“. Non perché più belli, simpatici o amici di partito, ma perché oggettivamente generano minore (o nessun) danno alla collettività e di conseguenza minor costo allo Stato e agli enti locali. Politici, amministratori, fatemi un favore: per una volta, pensate alla vostra salute, siate egoisti!

Andrea Gandiglio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende