Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Watly, il depuratore termodinamico che genera acqua, energia pulita e internet:

Watly, il depuratore termodinamico che genera acqua, energia pulita e internet

agosto 2, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

In spiaggia, davanti all’infinito orizzontale dell’Oceano nasce l’intuizione che punta a garantire l’accesso ad acqua, energia e connessione internet attraverso  il sole  e la depurazione delle acque marine. Un’idea che in soli quattro anni ha permesso di creare Watly il “computer” che pulisce dall’inquinamento l’acqua marina  e la rende buona per gli usi umani.

Il protagonista di questa travolgente innovazione è Marco Antonio Attisani, italo brasiliano di 45 anni, economista con studi alla Cattolica di Milano e master a Londra, che dopo essersi dedicato alla consulenza strategica e all’automotive,  si è dedicato alle energie  rinnovabili per approdare infine all’economia delle risorse idriche e alla risoluzione del problema dell’acqua: 1 miliardo di persone che soffrono la sete in un pianeta, paradossalmente composto soprattutto di sostanza liquida, ma sempre più secco.

Una soluzione tecnologica che ha trovato terreno fertile in Friuli Venezia Giulia. La Regione ha infatti  sposato Watly sin dagli inizi: l’impresa ha base ad Udine, ma vuol far conoscere la propria soluzione al mondo intero, grazie anche alla partecipazione, in questi giorni, all’Expo 2017 di Astana, dedicata proprio al tema “Future Energy“. Il 5 agosto Attisani presenterà la “sua creatura” in Kazakistan, nella speranza di compiere un ulteriore passo in avanti di una missione che non è solo imprenditoriale, ma anche etica e ambientale, come è stato riconosciuto dai numerosi e prestigiosi riconoscimenti internazionali ricevuti.

“Abbiamo a disposizione una massa gigantesca di acqua, ma la contaminazione con il sale e l’inquinamento prodotto dall’uomo non la rende potabile ed utilizzabile. Grazie alle nostre ricerche, dal sole e dall’acqua sporca possiamo ottenere invece prodotti essenziali per lo sviluppo  e il miglioramento della qualità della vita di intere comunità– spiega Attisani –  Il cammino è stato lungo, siamo partiti dalla classica pagina bianca”. Difficile far finanziare questa prima intuizione visionaria, ma Attisani comincia usando i suoi risparmi e grazie al lavoro di ingegneri e collaboratori crea il prototipo del depuratore. Poi arrivano le vittorie nelle prime competizioni dedicate alle start up, a partire dall’Olanda, e i finanziamenti europei.

Una traversata dura, ma Attisani ci crede fermamente: “Ho tagliato importanti traguardi grazie all’incontro con persone che hanno accettato la sfida, uomini che ragionano in termini completamente nuovi, dei pirati, persone non inquadrate nel sistema“. Un network di ingegneri – dai meccanici agli elettronici, dagli idraulici a quelli specializzati in Internet delle cose – ma anche creativi ed esperti in comunicazione. Risorse umane preziose che hanno permesso di sviluppare il depuratore termodinamico alimentato ad energia solare, capace di depurare l’acqua generando energia elettrica off-grid (in maniera autosufficiente, isolata dalla rete) e purificare ogni anno fino a tre milioni di litri di acqua da qualsiasi fonte contaminata. Ma soprattutto in grado di funzionare grazie all’energia solare.

La macchina occupa poche decine di metri quadrati, ma può garantire servizi anche a comunità di 3 mila abitanti. Una potenzialità immensa se si pensa ai tanti piccoli villaggi dei Paesi in via di sviluppo tagliati fuori dalle reti di produzione e distribuzione di acqua, energia e connessione Internet. Sì, perché tra le tante cose, Watly fornisce anche una connessione wi-fi per accorciare il digital divide delle popolazioni più remote della Terra.

Il fondatore di Watly non è però solo un sognatore, ha studiato pragmaticamente il “mercato” e chiarisce: “Non vogliamo risolvere solo il problema dell’acqua per i poveri, ma di tutti quelli che hanno sete. Vedi, per esempio, l’Arabia Saudita“. Senza dimenticare i cambiamenti climatici, che stanno facendo avanzare la desertificazione anche nei paesi occidentali. Il pensiero va alla siccità di questi giorni: “Una situazione problematica che però mi aiuta a sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema – sottolinea Attisani – Mi sono reso conto che in questi 4 anni sembrava che il problema della scarsità delle risorse idriche fosse degli altri, ora ci si accorge che è anche nostro. In Italia abbiamo grandi opportunità perché siamo circondanti dall’acqua”.

Per questo l’imprenditore che il Friuli ha “adottato” intende usare il trampolino dell’Expo di Astana per allargare il raggio d’azione del messaggio che è possibile “rendere accessibile le risorse idriche al maggior numero di persone”. Chiaro il riferimento ad un economista come Jeremy Rifkin, autore di un saggio dedicato all’”era dell’accesso”. “Lui ha cambiato il mio modo di vedere il mondo e Watly è una interpretazione aziendale del concetto di Rifkin“. Dalla teoria alla pratica, con grandi conseguenze sul futuro della pace nel mondo: “Quando il sistema funziona con risorse scarse e limitate, il controllo di queste scatena inevitabilmente conflitti. Il passaggio a risorse quasi gratuite, accessibili, rinnovabili  porta la Pace“.  Un consiglio quasi medico: bere acqua fa bene…alla Pace.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

ottobre 15, 2018

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

A Torino dal 15 al 18 novembre 2018 il quartiere espositivo del Lingotto Fiere propone la trentunesima edizione di Restructura, il salone nazionale dedicato a riqualificazione, recupero e ristrutturazione in ambito edilizio allestito all’interno dei 20.000 mq del padiglione Oval. Restructura è la manifestazione fieristica B2B e B2C del Nord Ovest che riunisce annualmente i principali interpreti della filiera [...]

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

ottobre 13, 2018

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

Dal 14 al 16 ottobre, negli spazi della Fondazione FICO a Bologna,va in scena il festival che racconta il cibo “sostenibile”: Bologna Award Food Festival propone incontri, dialoghi, eventi e un percorso espositivo firmato da Altan. Fra i protagonisti ci saranno il “giardiniere di Versailles”, Giovanni Delù, che ogni giorno accudisce non solo il verde della Reggia del [...]

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

ottobre 12, 2018

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

Dopo due giornate di lavori al Castello del Valentino, riservate a studenti e ricercatori, la prima edizione della Biennale della Sostenibilità Territoriale di Torino apre al pubblico, con l’appuntamento di oggi alle ore 16,00 all’Environment Park (“Verso il 2020: sostenibilità territoriale tra bilancio e rilancio”). La nuova Biennale ha l’ambizione di diventare un luogo di [...]

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

ottobre 2, 2018

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

Imprese, università e associazioni di categoria del Veneto hanno deciso di unire le proprie forze per creare una rete votata all’innovazione nell’ambito dell’edilizia sostenibile. È questa la missione del neonato Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni, nell’intento di accelerare la trasformazione “green” dell’intero settore, sostenendo processi di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende