Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Watly, il depuratore termodinamico che genera acqua, energia pulita e internet:

Watly, il depuratore termodinamico che genera acqua, energia pulita e internet

agosto 2, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

In spiaggia, davanti all’infinito orizzontale dell’Oceano nasce l’intuizione che punta a garantire l’accesso ad acqua, energia e connessione internet attraverso  il sole  e la depurazione delle acque marine. Un’idea che in soli quattro anni ha permesso di creare Watly il “computer” che pulisce dall’inquinamento l’acqua marina  e la rende buona per gli usi umani.

Il protagonista di questa travolgente innovazione è Marco Antonio Attisani, italo brasiliano di 45 anni, economista con studi alla Cattolica di Milano e master a Londra, che dopo essersi dedicato alla consulenza strategica e all’automotive,  si è dedicato alle energie  rinnovabili per approdare infine all’economia delle risorse idriche e alla risoluzione del problema dell’acqua: 1 miliardo di persone che soffrono la sete in un pianeta, paradossalmente composto soprattutto di sostanza liquida, ma sempre più secco.

Una soluzione tecnologica che ha trovato terreno fertile in Friuli Venezia Giulia. La Regione ha infatti  sposato Watly sin dagli inizi: l’impresa ha base ad Udine, ma vuol far conoscere la propria soluzione al mondo intero, grazie anche alla partecipazione, in questi giorni, all’Expo 2017 di Astana, dedicata proprio al tema “Future Energy“. Il 5 agosto Attisani presenterà la “sua creatura” in Kazakistan, nella speranza di compiere un ulteriore passo in avanti di una missione che non è solo imprenditoriale, ma anche etica e ambientale, come è stato riconosciuto dai numerosi e prestigiosi riconoscimenti internazionali ricevuti.

“Abbiamo a disposizione una massa gigantesca di acqua, ma la contaminazione con il sale e l’inquinamento prodotto dall’uomo non la rende potabile ed utilizzabile. Grazie alle nostre ricerche, dal sole e dall’acqua sporca possiamo ottenere invece prodotti essenziali per lo sviluppo  e il miglioramento della qualità della vita di intere comunità– spiega Attisani –  Il cammino è stato lungo, siamo partiti dalla classica pagina bianca”. Difficile far finanziare questa prima intuizione visionaria, ma Attisani comincia usando i suoi risparmi e grazie al lavoro di ingegneri e collaboratori crea il prototipo del depuratore. Poi arrivano le vittorie nelle prime competizioni dedicate alle start up, a partire dall’Olanda, e i finanziamenti europei.

Una traversata dura, ma Attisani ci crede fermamente: “Ho tagliato importanti traguardi grazie all’incontro con persone che hanno accettato la sfida, uomini che ragionano in termini completamente nuovi, dei pirati, persone non inquadrate nel sistema“. Un network di ingegneri – dai meccanici agli elettronici, dagli idraulici a quelli specializzati in Internet delle cose – ma anche creativi ed esperti in comunicazione. Risorse umane preziose che hanno permesso di sviluppare il depuratore termodinamico alimentato ad energia solare, capace di depurare l’acqua generando energia elettrica off-grid (in maniera autosufficiente, isolata dalla rete) e purificare ogni anno fino a tre milioni di litri di acqua da qualsiasi fonte contaminata. Ma soprattutto in grado di funzionare grazie all’energia solare.

La macchina occupa poche decine di metri quadrati, ma può garantire servizi anche a comunità di 3 mila abitanti. Una potenzialità immensa se si pensa ai tanti piccoli villaggi dei Paesi in via di sviluppo tagliati fuori dalle reti di produzione e distribuzione di acqua, energia e connessione Internet. Sì, perché tra le tante cose, Watly fornisce anche una connessione wi-fi per accorciare il digital divide delle popolazioni più remote della Terra.

Il fondatore di Watly non è però solo un sognatore, ha studiato pragmaticamente il “mercato” e chiarisce: “Non vogliamo risolvere solo il problema dell’acqua per i poveri, ma di tutti quelli che hanno sete. Vedi, per esempio, l’Arabia Saudita“. Senza dimenticare i cambiamenti climatici, che stanno facendo avanzare la desertificazione anche nei paesi occidentali. Il pensiero va alla siccità di questi giorni: “Una situazione problematica che però mi aiuta a sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema – sottolinea Attisani – Mi sono reso conto che in questi 4 anni sembrava che il problema della scarsità delle risorse idriche fosse degli altri, ora ci si accorge che è anche nostro. In Italia abbiamo grandi opportunità perché siamo circondanti dall’acqua”.

Per questo l’imprenditore che il Friuli ha “adottato” intende usare il trampolino dell’Expo di Astana per allargare il raggio d’azione del messaggio che è possibile “rendere accessibile le risorse idriche al maggior numero di persone”. Chiaro il riferimento ad un economista come Jeremy Rifkin, autore di un saggio dedicato all’”era dell’accesso”. “Lui ha cambiato il mio modo di vedere il mondo e Watly è una interpretazione aziendale del concetto di Rifkin“. Dalla teoria alla pratica, con grandi conseguenze sul futuro della pace nel mondo: “Quando il sistema funziona con risorse scarse e limitate, il controllo di queste scatena inevitabilmente conflitti. Il passaggio a risorse quasi gratuite, accessibili, rinnovabili  porta la Pace“.  Un consiglio quasi medico: bere acqua fa bene…alla Pace.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende