Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Watly, il depuratore termodinamico che genera acqua, energia pulita e internet:

Watly, il depuratore termodinamico che genera acqua, energia pulita e internet

agosto 2, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

In spiaggia, davanti all’infinito orizzontale dell’Oceano nasce l’intuizione che punta a garantire l’accesso ad acqua, energia e connessione internet attraverso  il sole  e la depurazione delle acque marine. Un’idea che in soli quattro anni ha permesso di creare Watly il “computer” che pulisce dall’inquinamento l’acqua marina  e la rende buona per gli usi umani.

Il protagonista di questa travolgente innovazione è Marco Antonio Attisani, italo brasiliano di 45 anni, economista con studi alla Cattolica di Milano e master a Londra, che dopo essersi dedicato alla consulenza strategica e all’automotive,  si è dedicato alle energie  rinnovabili per approdare infine all’economia delle risorse idriche e alla risoluzione del problema dell’acqua: 1 miliardo di persone che soffrono la sete in un pianeta, paradossalmente composto soprattutto di sostanza liquida, ma sempre più secco.

Una soluzione tecnologica che ha trovato terreno fertile in Friuli Venezia Giulia. La Regione ha infatti  sposato Watly sin dagli inizi: l’impresa ha base ad Udine, ma vuol far conoscere la propria soluzione al mondo intero, grazie anche alla partecipazione, in questi giorni, all’Expo 2017 di Astana, dedicata proprio al tema “Future Energy“. Il 5 agosto Attisani presenterà la “sua creatura” in Kazakistan, nella speranza di compiere un ulteriore passo in avanti di una missione che non è solo imprenditoriale, ma anche etica e ambientale, come è stato riconosciuto dai numerosi e prestigiosi riconoscimenti internazionali ricevuti.

“Abbiamo a disposizione una massa gigantesca di acqua, ma la contaminazione con il sale e l’inquinamento prodotto dall’uomo non la rende potabile ed utilizzabile. Grazie alle nostre ricerche, dal sole e dall’acqua sporca possiamo ottenere invece prodotti essenziali per lo sviluppo  e il miglioramento della qualità della vita di intere comunità– spiega Attisani –  Il cammino è stato lungo, siamo partiti dalla classica pagina bianca”. Difficile far finanziare questa prima intuizione visionaria, ma Attisani comincia usando i suoi risparmi e grazie al lavoro di ingegneri e collaboratori crea il prototipo del depuratore. Poi arrivano le vittorie nelle prime competizioni dedicate alle start up, a partire dall’Olanda, e i finanziamenti europei.

Una traversata dura, ma Attisani ci crede fermamente: “Ho tagliato importanti traguardi grazie all’incontro con persone che hanno accettato la sfida, uomini che ragionano in termini completamente nuovi, dei pirati, persone non inquadrate nel sistema“. Un network di ingegneri – dai meccanici agli elettronici, dagli idraulici a quelli specializzati in Internet delle cose – ma anche creativi ed esperti in comunicazione. Risorse umane preziose che hanno permesso di sviluppare il depuratore termodinamico alimentato ad energia solare, capace di depurare l’acqua generando energia elettrica off-grid (in maniera autosufficiente, isolata dalla rete) e purificare ogni anno fino a tre milioni di litri di acqua da qualsiasi fonte contaminata. Ma soprattutto in grado di funzionare grazie all’energia solare.

La macchina occupa poche decine di metri quadrati, ma può garantire servizi anche a comunità di 3 mila abitanti. Una potenzialità immensa se si pensa ai tanti piccoli villaggi dei Paesi in via di sviluppo tagliati fuori dalle reti di produzione e distribuzione di acqua, energia e connessione Internet. Sì, perché tra le tante cose, Watly fornisce anche una connessione wi-fi per accorciare il digital divide delle popolazioni più remote della Terra.

Il fondatore di Watly non è però solo un sognatore, ha studiato pragmaticamente il “mercato” e chiarisce: “Non vogliamo risolvere solo il problema dell’acqua per i poveri, ma di tutti quelli che hanno sete. Vedi, per esempio, l’Arabia Saudita“. Senza dimenticare i cambiamenti climatici, che stanno facendo avanzare la desertificazione anche nei paesi occidentali. Il pensiero va alla siccità di questi giorni: “Una situazione problematica che però mi aiuta a sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema – sottolinea Attisani – Mi sono reso conto che in questi 4 anni sembrava che il problema della scarsità delle risorse idriche fosse degli altri, ora ci si accorge che è anche nostro. In Italia abbiamo grandi opportunità perché siamo circondanti dall’acqua”.

Per questo l’imprenditore che il Friuli ha “adottato” intende usare il trampolino dell’Expo di Astana per allargare il raggio d’azione del messaggio che è possibile “rendere accessibile le risorse idriche al maggior numero di persone”. Chiaro il riferimento ad un economista come Jeremy Rifkin, autore di un saggio dedicato all’”era dell’accesso”. “Lui ha cambiato il mio modo di vedere il mondo e Watly è una interpretazione aziendale del concetto di Rifkin“. Dalla teoria alla pratica, con grandi conseguenze sul futuro della pace nel mondo: “Quando il sistema funziona con risorse scarse e limitate, il controllo di queste scatena inevitabilmente conflitti. Il passaggio a risorse quasi gratuite, accessibili, rinnovabili  porta la Pace“.  Un consiglio quasi medico: bere acqua fa bene…alla Pace.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende