Home » Campioni d'Italia »Rubriche » We Wood: è giunta l’ora di rivoluzionare la moda:

We Wood: è giunta l’ora di rivoluzionare la moda

gennaio 14, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Essere ecofashion addicted oggi significa sfilare per la principale via del centro con le scarpe in ecopelle, il borsello realizzato con i copertoni dei camion e la cintura con quelli delle bici. E al polso? Un orologio completamente in legno: oggi si può. L’idea è di WeWood, nata nel verde della Toscana dalla mente dell’imprenditore Alessandro Rosano, classe 1968 .

“I nostri orologi in legno vogliono coniugare design e gusto Italiano con l’impegno concreto nella salvaguardia del Pianeta” – spiega Roberto Nanni, responsabile marketing per il marchio WeWood – cercando di eliminare o ridurre drasticamente eventuali danni ambientali e recuperando le risorse utilizzate per creare ogni orologio”. Quindi anche il lusso può essere amico dell’ambiente. “Per creare i nostri orologi – continua Nanni – vengono utilizzati solo materiali sostenibili e riciclati”, sono realizzati in 100% legno naturale, senza materiali tossici, con la parte metallica della chiusura Nickel free, “e sono pensati con grande responsabilità e rispetto verso l’ambiente, senza però rinunciare all’eleganza, al prestigio delle linee e alla qualità del prodotto”.

Totalmente biodegradabili e ipoallergenici, gli orologi vengono proposti in modelli diversi e la loro colorazione è conferita dalla tipologia di legno utilizzato (sono sette i legni di pregio utilizzati, “prevalentemente di recupero, provenienti da altre attività di lavorazione del legname”), un materiale che rende l’accessorio estremamente leggero (50 grammi circa) oltre che stiloso e particolare nella sua semplicità. Eccetto la parte metallica e la batteria al litio, l’unica altra sostanza non lignea è una cera commestibile utilizzata in Giappone per proteggere le bacchette che si usano per mangiare, che qui viene applicata sui cinturini.

Inutile dire che non si tratta di sola estetica: “WeWood, oltre a curare il design nel minimo dettaglio, è particolarmente attento alla qualità. La progettazione è tutta italiana; il movimento degli orologi è fornito dalla giapponese Miyota che garantisce prestigio e affidabilità; e tutta la fase di assemblaggio viene svolta da personale specializzato. Ogni singolo pezzo è testato in fase di controllo prima di essere messo sul mercato. Nel 2014 abbiamo adottato le migliori procedure disponibili per offrire prodotti che rispondono ai più alti standard qualitativi nel settore degli orologi di legno”.

Ma questo progetto non si ferma qui e va ancora oltre. Già, perché oltre a scegliere e utilizzare materiali sostenibili ed ecologici, WeWood vuole anche ripristinare parte della materia prima che consuma. “Una delle principali caratteristiche dei nostri orologi – continua Nanni – è quella di aiutare concretamente l’ambiente grazie alla campagna “Pianta un albero”, un’iniziativa che prevede che venga piantato un albero per ogni orologio venduto. Il nostro obiettivo: rigenerare madre natura, un orologio alla volta”. L’American Forests (fondata nel 1875, è la più antica organizzazione nazionale di conservazione forestale senza fini di lucro degli USA) e Trees for the Future (dal 1989 assiste comunità, scuole e gruppi di volontari nella realizzazione di progetti ecosostenibili) sono le due associazioni internazionali con cui WeWood collabora per la realizzazione del progetto e grazie alle quali dal 2010 a oggi sono stati piantati oltre 300.000 alberi in tutto il mondo: “vogliamo arrivare ad 1 milione di alberi piantati entro il 2020” rilanciano dall’azienda.

Un buon motivo per accettare l’unico difetto: l’orologio non è impermeabile e non ha vita eterna: ma quando si deteriora, ad un prezzo assolutamente accessibile (da 89 a 139 euro), si può rinnovare il proprio stile e regalare un nuovo albero al Pianeta.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende