Home » Campioni d'Italia »Rubriche » We Wood: è giunta l’ora di rivoluzionare la moda:

We Wood: è giunta l’ora di rivoluzionare la moda

gennaio 14, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Essere ecofashion addicted oggi significa sfilare per la principale via del centro con le scarpe in ecopelle, il borsello realizzato con i copertoni dei camion e la cintura con quelli delle bici. E al polso? Un orologio completamente in legno: oggi si può. L’idea è di WeWood, nata nel verde della Toscana dalla mente dell’imprenditore Alessandro Rosano, classe 1968 .

“I nostri orologi in legno vogliono coniugare design e gusto Italiano con l’impegno concreto nella salvaguardia del Pianeta” – spiega Roberto Nanni, responsabile marketing per il marchio WeWood – cercando di eliminare o ridurre drasticamente eventuali danni ambientali e recuperando le risorse utilizzate per creare ogni orologio”. Quindi anche il lusso può essere amico dell’ambiente. “Per creare i nostri orologi – continua Nanni – vengono utilizzati solo materiali sostenibili e riciclati”, sono realizzati in 100% legno naturale, senza materiali tossici, con la parte metallica della chiusura Nickel free, “e sono pensati con grande responsabilità e rispetto verso l’ambiente, senza però rinunciare all’eleganza, al prestigio delle linee e alla qualità del prodotto”.

Totalmente biodegradabili e ipoallergenici, gli orologi vengono proposti in modelli diversi e la loro colorazione è conferita dalla tipologia di legno utilizzato (sono sette i legni di pregio utilizzati, “prevalentemente di recupero, provenienti da altre attività di lavorazione del legname”), un materiale che rende l’accessorio estremamente leggero (50 grammi circa) oltre che stiloso e particolare nella sua semplicità. Eccetto la parte metallica e la batteria al litio, l’unica altra sostanza non lignea è una cera commestibile utilizzata in Giappone per proteggere le bacchette che si usano per mangiare, che qui viene applicata sui cinturini.

Inutile dire che non si tratta di sola estetica: “WeWood, oltre a curare il design nel minimo dettaglio, è particolarmente attento alla qualità. La progettazione è tutta italiana; il movimento degli orologi è fornito dalla giapponese Miyota che garantisce prestigio e affidabilità; e tutta la fase di assemblaggio viene svolta da personale specializzato. Ogni singolo pezzo è testato in fase di controllo prima di essere messo sul mercato. Nel 2014 abbiamo adottato le migliori procedure disponibili per offrire prodotti che rispondono ai più alti standard qualitativi nel settore degli orologi di legno”.

Ma questo progetto non si ferma qui e va ancora oltre. Già, perché oltre a scegliere e utilizzare materiali sostenibili ed ecologici, WeWood vuole anche ripristinare parte della materia prima che consuma. “Una delle principali caratteristiche dei nostri orologi – continua Nanni – è quella di aiutare concretamente l’ambiente grazie alla campagna “Pianta un albero”, un’iniziativa che prevede che venga piantato un albero per ogni orologio venduto. Il nostro obiettivo: rigenerare madre natura, un orologio alla volta”. L’American Forests (fondata nel 1875, è la più antica organizzazione nazionale di conservazione forestale senza fini di lucro degli USA) e Trees for the Future (dal 1989 assiste comunità, scuole e gruppi di volontari nella realizzazione di progetti ecosostenibili) sono le due associazioni internazionali con cui WeWood collabora per la realizzazione del progetto e grazie alle quali dal 2010 a oggi sono stati piantati oltre 300.000 alberi in tutto il mondo: “vogliamo arrivare ad 1 milione di alberi piantati entro il 2020” rilanciano dall’azienda.

Un buon motivo per accettare l’unico difetto: l’orologio non è impermeabile e non ha vita eterna: ma quando si deteriora, ad un prezzo assolutamente accessibile (da 89 a 139 euro), si può rinnovare il proprio stile e regalare un nuovo albero al Pianeta.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende