Home » Campioni d'Italia »Rubriche » WeForGreen, la cooperativa che autoproduce “sharing energy”:

WeForGreen, la cooperativa che autoproduce “sharing energy”

novembre 16, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Ben 500 cittadini uniti per l’autoproduzione di energia. E’ la sharing energy, bellezza! Nome nuovo per una pratica antica che si nutre di spirito mutualistico e filosofia cooperativistica. Tradizione ed innovazione che trovano applicazione nel caso dei “Campioni” di questa settimana: la cooperativa WeForGreen Sharing. Uomini e donne che hanno dato vita al progetto Lucense 1923, riqualificazione di un’antica centrale idroelettrica a Lugo di Grezzana, piccolo paesino a nord est di Verona, voluta ai primi del ’900 dai cittadini per produrre energia elettrica destinata a tutti gli abitanti del paese e dei  dintorni.

“La cooperativa ha l’ obiettivo di diffondere modelli di energy sharing, ovvero di far partecipare i cittadini alla produzione e consumo di energia pulita tramite la condivisione di impianti di produzione. L’impianto Lucense 1923 permetterà al territorio di beneficiare di una media annua di 700.00 chilowattora”. A raccontarci la missione di WeForGreen Sharing è il presidente Gabriele Nicolis, a partire dall’ultima iniziativa “cominciata con Finval Spa, finanziaria locale, sull’esperienza delle società e delle coop presenti del Nord Europa. Un volano per lo sviluppo locale“.

Ma la forza di WeForGreen si estende in tutta Italia: “siamo nati nel 2011 e abbiamo soci in 18 regioni. Più che una rete elettrica siamo una rete social dalla storia antica, siamo i discendenti della cooperativa fondata nel 1923. La condivisione è nel nostro DNA, i nostri antenati costruivano le reti elettriche con l’idroelettrico”. Ecco l’origine di tutto svelata da Nicolis, che dopo la rievocazione storica passa però al presente: “abbiamo messo insieme le persone interessate al progetto, che attraverso quote finanziarie hanno investito in forma condivisa. Oggi abbiamo la gestione di tre impianti fotovoltaici –  2 centrali in Puglia e 1 a Verona – e la partecipazione nella rete idroelettrica, con cui garantiamo l’autoproduzione energetica alle famiglie interessate“.

La filosofia è quella della sostenibilità, in senso lato: “quella energetica, con la quale io socio riesco a produrre l’energia di cui ho bisogno, a distanza in questo caso; e quella economica perché noi vendiamo l’energia prodotta dagli impianti a un grossista che poi la rivende ai soci al prezzo del mercato elettrico. Si paga il servizio, ma si ottiene un risparmio del 17% rispetto ai prezzi del mercato“, chiarisce il presidente. Ed ecco la sostenibilità finanziaria: “come cooperativa abbiamo un ritorno economico che viene distribuito ai soci. In termini monetari se hai acquistato una quota da mille euro in 15 anni hai un ritorno di 1.500″. Questo il modello di funzionamento.

Ma non finisce qui,  la sostenibilità è ovviamente anche ambientale (“utilizziamo solo risorse rinnovabili”) e sociale: “ogni anno facciamo degli educational con le scuole, con la visita agli impianti tra marzo e maggio. Sono coinvolti bambini delle elementari e superiori”. Quest’ultima dimensione non è meno importante delle altre “perché in caso contrario resterebbe una politica calata dall’alto, che non fa cultura né diffonde modelli di condivisione. Questa è una sfida importante”.

Un aspetto  fondamentale è infine la modalità di progettazione delle centrali dove, sottolinea Nicolis, c’è una forte attenzione all’ambiente: “a Lecce abbiamo realizzato un impianto in una discarica esaurita bonificata. Utilizziamo tecniche di costruzione sostenibili, a basso impatto. Dal nostro bilancio ogni anno  viene accantonata  una quota per ripristinare la struttura a fine ciclo. Se non lo fai, lasci al territorio un rifiuto elettrico“. Nicolis fa un esempio per spiegare questa filosofia:  ”un impianto in un tetto di una scuola, se non hai i soldi per smantellarlo lasci un rifiuto pericoloso nella struttura. Noi abbiamo  un fondo recupero, purtroppo non è una pratica diffusa. Ci poniamo sempre questa domanda: cosa ne faremo dell’impianto quando ha esaurito il suo ciclo di vita?”.

Bene dunque la sharing energy, benissimo l’autoproduzione con risorse rinnovabili, ma i soci della WeForGreen Sharing fanno di più e pensano anche al paesaggio, ristrutturando, in alcuni casi, vecchie centrali o cercando, in altri, la massima armonia, come per quell’impianto dove si è preservato il pascolo di un pastore e le pecore usufruiscono dell’ombra creata dai panelli fotovoltaici. Quando tradizione ed innovazione possono convivere bene…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende