Home » Campioni d'Italia »Rubriche » WeForGreen, la cooperativa che autoproduce “sharing energy”:

WeForGreen, la cooperativa che autoproduce “sharing energy”

novembre 16, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Ben 500 cittadini uniti per l’autoproduzione di energia. E’ la sharing energy, bellezza! Nome nuovo per una pratica antica che si nutre di spirito mutualistico e filosofia cooperativistica. Tradizione ed innovazione che trovano applicazione nel caso dei “Campioni” di questa settimana: la cooperativa WeForGreen Sharing. Uomini e donne che hanno dato vita al progetto Lucense 1923, riqualificazione di un’antica centrale idroelettrica a Lugo di Grezzana, piccolo paesino a nord est di Verona, voluta ai primi del ’900 dai cittadini per produrre energia elettrica destinata a tutti gli abitanti del paese e dei  dintorni.

“La cooperativa ha l’ obiettivo di diffondere modelli di energy sharing, ovvero di far partecipare i cittadini alla produzione e consumo di energia pulita tramite la condivisione di impianti di produzione. L’impianto Lucense 1923 permetterà al territorio di beneficiare di una media annua di 700.00 chilowattora”. A raccontarci la missione di WeForGreen Sharing è il presidente Gabriele Nicolis, a partire dall’ultima iniziativa “cominciata con Finval Spa, finanziaria locale, sull’esperienza delle società e delle coop presenti del Nord Europa. Un volano per lo sviluppo locale“.

Ma la forza di WeForGreen si estende in tutta Italia: “siamo nati nel 2011 e abbiamo soci in 18 regioni. Più che una rete elettrica siamo una rete social dalla storia antica, siamo i discendenti della cooperativa fondata nel 1923. La condivisione è nel nostro DNA, i nostri antenati costruivano le reti elettriche con l’idroelettrico”. Ecco l’origine di tutto svelata da Nicolis, che dopo la rievocazione storica passa però al presente: “abbiamo messo insieme le persone interessate al progetto, che attraverso quote finanziarie hanno investito in forma condivisa. Oggi abbiamo la gestione di tre impianti fotovoltaici –  2 centrali in Puglia e 1 a Verona – e la partecipazione nella rete idroelettrica, con cui garantiamo l’autoproduzione energetica alle famiglie interessate“.

La filosofia è quella della sostenibilità, in senso lato: “quella energetica, con la quale io socio riesco a produrre l’energia di cui ho bisogno, a distanza in questo caso; e quella economica perché noi vendiamo l’energia prodotta dagli impianti a un grossista che poi la rivende ai soci al prezzo del mercato elettrico. Si paga il servizio, ma si ottiene un risparmio del 17% rispetto ai prezzi del mercato“, chiarisce il presidente. Ed ecco la sostenibilità finanziaria: “come cooperativa abbiamo un ritorno economico che viene distribuito ai soci. In termini monetari se hai acquistato una quota da mille euro in 15 anni hai un ritorno di 1.500″. Questo il modello di funzionamento.

Ma non finisce qui,  la sostenibilità è ovviamente anche ambientale (“utilizziamo solo risorse rinnovabili”) e sociale: “ogni anno facciamo degli educational con le scuole, con la visita agli impianti tra marzo e maggio. Sono coinvolti bambini delle elementari e superiori”. Quest’ultima dimensione non è meno importante delle altre “perché in caso contrario resterebbe una politica calata dall’alto, che non fa cultura né diffonde modelli di condivisione. Questa è una sfida importante”.

Un aspetto  fondamentale è infine la modalità di progettazione delle centrali dove, sottolinea Nicolis, c’è una forte attenzione all’ambiente: “a Lecce abbiamo realizzato un impianto in una discarica esaurita bonificata. Utilizziamo tecniche di costruzione sostenibili, a basso impatto. Dal nostro bilancio ogni anno  viene accantonata  una quota per ripristinare la struttura a fine ciclo. Se non lo fai, lasci al territorio un rifiuto elettrico“. Nicolis fa un esempio per spiegare questa filosofia:  ”un impianto in un tetto di una scuola, se non hai i soldi per smantellarlo lasci un rifiuto pericoloso nella struttura. Noi abbiamo  un fondo recupero, purtroppo non è una pratica diffusa. Ci poniamo sempre questa domanda: cosa ne faremo dell’impianto quando ha esaurito il suo ciclo di vita?”.

Bene dunque la sharing energy, benissimo l’autoproduzione con risorse rinnovabili, ma i soci della WeForGreen Sharing fanno di più e pensano anche al paesaggio, ristrutturando, in alcuni casi, vecchie centrali o cercando, in altri, la massima armonia, come per quell’impianto dove si è preservato il pascolo di un pastore e le pecore usufruiscono dell’ombra creata dai panelli fotovoltaici. Quando tradizione ed innovazione possono convivere bene…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende