Home » Campioni d'Italia »Rubriche » WeForGreen, la cooperativa che autoproduce “sharing energy”:

WeForGreen, la cooperativa che autoproduce “sharing energy”

novembre 16, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Ben 500 cittadini uniti per l’autoproduzione di energia. E’ la sharing energy, bellezza! Nome nuovo per una pratica antica che si nutre di spirito mutualistico e filosofia cooperativistica. Tradizione ed innovazione che trovano applicazione nel caso dei “Campioni” di questa settimana: la cooperativa WeForGreen Sharing. Uomini e donne che hanno dato vita al progetto Lucense 1923, riqualificazione di un’antica centrale idroelettrica a Lugo di Grezzana, piccolo paesino a nord est di Verona, voluta ai primi del ’900 dai cittadini per produrre energia elettrica destinata a tutti gli abitanti del paese e dei  dintorni.

“La cooperativa ha l’ obiettivo di diffondere modelli di energy sharing, ovvero di far partecipare i cittadini alla produzione e consumo di energia pulita tramite la condivisione di impianti di produzione. L’impianto Lucense 1923 permetterà al territorio di beneficiare di una media annua di 700.00 chilowattora”. A raccontarci la missione di WeForGreen Sharing è il presidente Gabriele Nicolis, a partire dall’ultima iniziativa “cominciata con Finval Spa, finanziaria locale, sull’esperienza delle società e delle coop presenti del Nord Europa. Un volano per lo sviluppo locale“.

Ma la forza di WeForGreen si estende in tutta Italia: “siamo nati nel 2011 e abbiamo soci in 18 regioni. Più che una rete elettrica siamo una rete social dalla storia antica, siamo i discendenti della cooperativa fondata nel 1923. La condivisione è nel nostro DNA, i nostri antenati costruivano le reti elettriche con l’idroelettrico”. Ecco l’origine di tutto svelata da Nicolis, che dopo la rievocazione storica passa però al presente: “abbiamo messo insieme le persone interessate al progetto, che attraverso quote finanziarie hanno investito in forma condivisa. Oggi abbiamo la gestione di tre impianti fotovoltaici –  2 centrali in Puglia e 1 a Verona – e la partecipazione nella rete idroelettrica, con cui garantiamo l’autoproduzione energetica alle famiglie interessate“.

La filosofia è quella della sostenibilità, in senso lato: “quella energetica, con la quale io socio riesco a produrre l’energia di cui ho bisogno, a distanza in questo caso; e quella economica perché noi vendiamo l’energia prodotta dagli impianti a un grossista che poi la rivende ai soci al prezzo del mercato elettrico. Si paga il servizio, ma si ottiene un risparmio del 17% rispetto ai prezzi del mercato“, chiarisce il presidente. Ed ecco la sostenibilità finanziaria: “come cooperativa abbiamo un ritorno economico che viene distribuito ai soci. In termini monetari se hai acquistato una quota da mille euro in 15 anni hai un ritorno di 1.500″. Questo il modello di funzionamento.

Ma non finisce qui,  la sostenibilità è ovviamente anche ambientale (“utilizziamo solo risorse rinnovabili”) e sociale: “ogni anno facciamo degli educational con le scuole, con la visita agli impianti tra marzo e maggio. Sono coinvolti bambini delle elementari e superiori”. Quest’ultima dimensione non è meno importante delle altre “perché in caso contrario resterebbe una politica calata dall’alto, che non fa cultura né diffonde modelli di condivisione. Questa è una sfida importante”.

Un aspetto  fondamentale è infine la modalità di progettazione delle centrali dove, sottolinea Nicolis, c’è una forte attenzione all’ambiente: “a Lecce abbiamo realizzato un impianto in una discarica esaurita bonificata. Utilizziamo tecniche di costruzione sostenibili, a basso impatto. Dal nostro bilancio ogni anno  viene accantonata  una quota per ripristinare la struttura a fine ciclo. Se non lo fai, lasci al territorio un rifiuto elettrico“. Nicolis fa un esempio per spiegare questa filosofia:  ”un impianto in un tetto di una scuola, se non hai i soldi per smantellarlo lasci un rifiuto pericoloso nella struttura. Noi abbiamo  un fondo recupero, purtroppo non è una pratica diffusa. Ci poniamo sempre questa domanda: cosa ne faremo dell’impianto quando ha esaurito il suo ciclo di vita?”.

Bene dunque la sharing energy, benissimo l’autoproduzione con risorse rinnovabili, ma i soci della WeForGreen Sharing fanno di più e pensano anche al paesaggio, ristrutturando, in alcuni casi, vecchie centrali o cercando, in altri, la massima armonia, come per quell’impianto dove si è preservato il pascolo di un pastore e le pecore usufruiscono dell’ombra creata dai panelli fotovoltaici. Quando tradizione ed innovazione possono convivere bene…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende