Home » Campioni d'Italia »Green Economy »Greeneria »Rubriche » Wineleather: la similpelle diventa vegetale con il recupero delle bucce d’uva:

Wineleather: la similpelle diventa vegetale con il recupero delle bucce d’uva

Il vino, la moda, il design e la pelle. Quattro eccellenze del Made in Italy unite e rivisitate in chiave e filosofia sostenibile da un architetto che punta le sue carte imprenditoriali sulle proprietà delle bucce e degli acini d’uva. Fibre che Gianpiero Tessitore, architetto milanese di 37 anni, con il socio e chimico Francesco Merlino, vuole trasformare in similpelle vegetale per borse, divani e infiniti altri manufatti e oggetti di design.

L’idea, che ha preso forma nella società VegeaWineleather, sembra decisamente rivoluzionaria e  ha conquistato gli esperti della Fondazione H&M, che oltre ad assegnarle  il prestigioso premio Global Change Award ha scucito ben 300.000 euro per supportarne lo sviluppo. Un riconoscimento concreto, di valore internazionale – sono cinque i vincitori scelti tra proposte arrivate da tutto il mondo –  e assegnato da una multinazionale che crede sempre più ad una riconversione sostenibile della moda.

Sarà, quindi, color vinaccia il futuro della conceria, un’ industria con radici millenarie ma che ancora oggi, soprattutto nei Paesi con una scarsa cultura ambientale, ha un impatto devastante sull’ambiente e sulla salute dei lavoratori e dei cittadini. Basti pensare  ai fiumi e ai terreni inquinati da sostanze pericolose e nocive. “Se in altri settori si sperimentano materiali alternativi per produzioni sostenibili – come la canapa nella bioedilizia – nella lavorazione della pelle c’è tanto da fare”, sottolinea Tessitore che ricorda un altro dei vantaggi ambientali della similpelle di origine vegetale: oltre ad essere cruelty free nei confronti degli animali “non si utilizzano nemmeno materie sintetiche“. Niente petrolio, niente chimica.

Si tratta di un chiaro esempio di economia circolare – non si inquina e non si spreca – perché “partiamo dai derivati di una materia prima naturale, senza dover impiantare nuove piantagioni”. Dunque, ribadisce Tessitore, non si consuma nemmeno nuovo terreno agricolo.

Guai però a chiamare la vinaccia “scarto”. Per il fondatore di VegeaWineleather ”il termine  non mi piace perché la vinaccia è una risorsa“. I residui della lavorazione del vino, si sa, sono beni preziosi. E abbondanti, secondo i dati OIV, citati dall’architetto milanese: “nel mondo si producono 26 miliardi di litri di vino. Da questo processo produttivo possiamo ricavare quasi 7 miliardi di kg di vinaccia”. E per  l’ Italia, grande produttore di vino, è oro che cola. In particolare  per il mondo agricolo.

Con i 300.000 euro del premio i due imprenditori puntano ora ad integrare il brevetto, “entro l’inizio del 2018“, ed entrare nel mercato attraverso “una partnership con una grande cantina e un brand del fashion internazionale”. Traguardi da tagliare dopo un duro lavoro, “iniziato nel 2014 e sviluppato all’Università di Firenze“, poi incubato nel Progetto Manifattura del polo di Trentino Sviluppo.

Oltre l’auspicato successo imprenditoriale i soci sperano anche che il modello migliori non solo l’ambiente ma anche la salute dei lavoratori. “Il modello attuale, in particolare nei Paesi con meno controlli - aggiunge Tessitore - non è sostenibile neanche dal punto di vista sociale, viste le condizioni degli operai impiegati in questo settore“.

Se prenderà piede la similpelle vegetale, oltretutto, anche le industrie tradizionali potranno “riciclarsi”: “Utilizzeremo gli stessi strumenti, macchinari e competenze presenti nel settore conciario - precisa ancora il fondatore – Non a caso abbiamo dimostrazioni di interesse da parte di concerie e produttori di pelli sintetiche. E l’Italia ha forti potenzialità  nel settore perché siamo già strutturati. Abbiamo una tradizione”.

Più che di distruzione creativa, si può quindi parlare di conservazione innovativa, integrazione, trasformazione e valorizzazione del tessuto produttivo esistente. E per gli animalisti la buona notizia: poter sostituire la pelle animale con quella vegetale, senza dover rinunciare a borse e cinture di origine naturale.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende