Home » Campioni d'Italia »Rubriche » WooDone: dall’Alto Adige gli occhiali in legno FSC a “Km. 0″:

WooDone: dall’Alto Adige gli occhiali in legno FSC a “Km. 0″

marzo 5, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Green economy significa spesso imprenditori coraggiosi e forse un po’ pazzi, decisi a puntare tutto su un’idea che molti scarterebbero sul nascere. A volte effettivamente l’idea è sbagliata, ma in molti casi il successo arriva, perché si intercettano segmenti di consumatori inascoltati, si riempiono nicchie di mercato, si offrono prodotti innovativi. Chi mai penserebbe di costruire oggi occhiali in legno, per di più a chilometro zero e certificato? Due imprenditori altoatesini ci hanno provato, e il tempo ha dato loro ragione.

Fino al 2009, Thomas Oberegger e Klaus Tavella lavoravano nel settore delle costruzioni e dell’immobiliare. “Con la crisi, anche in Alto Adige le cose non andavano più molto bene, e così abbiamo cercato altre strade. Volevamo fare qualcosa insieme utilizzando un materiale del nostro territorio”, racconta il secondo. Così, dopo aver valutato le diverse possibilità, si accende una lampadina: costruire occhiali in legno, utilizzando una risorsa abbondante  in Sudtirolo. Ad un’idea già sperimentata molti anni prima – “negli anni Quaranta erano stati lanciati degli occhiali in legno, ma dopo qualche tempo erano scomparsi dal mercato” – i due giovani imprenditori hanno però aggiunto un alto livello di innovazione e una buone dose di sostenibilità.  Hanno impiegato due anni a fare la spola tra diversi prototipi e tentativi, fiduciosi che il risultato sarebbe arrivato. “In ricerca e sviluppo abbiamo investito 1 milione di euro”, continua Tavella.

WooDone nasce nel 2011 e all’inizio del 2012 l’azienda presenta a Opti Monaco il primo modello di occhiali prodotti interamente con legno altoatesino certificato FSC. Il lancio ha successo. Da allora i due imprenditori continuano a lavorare per perfezionare le montature e nell’agosto dello stesso anno mettono a punto il campione definitivo. Un mese dopo, in occasione del salone mondiale dell’ottica Silmo, a Parigi, l’azienda altoatesina debutta con una collezione completa di otto modelli in tre diverse tipologie di legno: ciliegio, acacia, noce. L’interesse del mercato è grande: in dodici mesi gli occhiali del Sudtirolo arrivano in 1.000 negozi in tutto il mondo, e la produzione raggiunge i 10.000 pezzi all’anno. A dicembre 2012 viene inaugurata a Varna, vicino a Bressanone, la nuova sede dell’azienda, con gli uffici e lo showroom.

Ma come si ottiene una montatura in legno che sia leggera e al tempo stesso facile da gestire e indossare? Per gli occhiali WooDone, si segue una particolare lavorazione messa a punto in mesi di test e sperimentazioni. Ogni esemplare è ricavato da un pezzo di legno, composto da otto strati di truciolato ottenuto da materiale di recupero di alberi di acacia, ciliegio e noce. Strati incollati l’uno sull’altro che formano una lastra su cui vengono incisi il frontale e le aste con una tecnologia appositamente sviluppata per non interrompere la venatura naturale del legno lungo tutta la montatura. Alla fine il prodotto viene laccato con una vernice trasparente atossica certificata CE. La montatura che si ottiene è leggera (13 grammi) e di facile manutenzione, e può supportare lenti  correttive o solari.

In tutto il processo di lavorazione conta una sessantina di fasi, in gran parte eseguite a mano dagli artigiani della zona. “La produzione avviene in parte nel nostro stabilimento e in parte in laboratori con cui collaboriamo. Oggi lavorano per noi circa 80 persone”, continua Tavella. Dopo l’esordio in Germania, i risultati non si sono fatti attendere: l’azienda ha raggiunto nel 2013 un fatturato di 3 milioni di euro e ampliato la rete di vendita. “Gli occhiali Woodone oggi sono venduti in 32 Paesi del mondo, sia in Europa – Italia, Germania, Austria, Svizzera, Svezia, Olanda – sia in altri continenti: Cina, Canada, Corea, Paesi Arabi”.

L’anno scorso a Parigi Oberegger e Tavella hanno presentato sei nuovi modelli e una nuova versione di montatura, Bling: uno speciale rivestimento esterno in Galenit, una polvere minerale che conferisce la spettacolare lucentezza del quarzo e che, alla luce del sole, si illumina di mille riflessi. E si lavora già in vista di Silmo 2014: “Porteremo nuovi modelli e una montatura ottenuta con una diversa lavorazione”. Quando si dice vedere le opportunità nella crisi…

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende