Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Wow! Come l’acqua contaminata diventa potabile senza chimica:

Wow! Come l’acqua contaminata diventa potabile senza chimica

dicembre 18, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Per spiegare come funziona la sua tecnologia di depurazione Wow, Adriano Marin parte dalla composizione chimica dell’acqua inquinata. Spesso parliamo di acqua contaminata, da smaltire come rifiuto speciale, senza pensare a un’altra via, concettualmente semplice: separare l’H2O dalle altre molecole. “In tutti i casi il solvente – l’acqua – è combinato a un soluto, ossia gli inquinanti. Può trattarsi di Cesio radioattivo, metalli, composti chimici derivanti dai processi industriali. Wow, che sta per Wonderful Water, si basa sulla tecnologia dell’evaporazione, già utilizzata da altre macchine, ma la rende molto più efficace ed efficiente: senza l’utilizzo di sostanze chimiche e di filtri, attraverso un processo meccanico e termodinamico, è in grado di rendere potabile qualunque tipo di acqua inquinata”.

Tutto parte nel 2006, dall’idea di costruire un potabilizzatore portatile a basso costo per i Paesi in via di sviluppo. “All’inizio ho investito solo qualche centinaio di euro e un bel po’ di tempo. Poi, dopo anni di esiti banali, quando il risultato finalmente è arrivato, l’investimento si è fatto più consistente. Per le analisi dell’acqua radioattiva depurata e il deposito dei brevetti, in corso in diversi Paesi, dall’Italia alla Russia fino agli Usa, ho destinato al progetto centinaia di migliaia di euro”, racconta Marin, ingegnere e imprenditore.

La tecnologia “si basa sull’abbattimento o il potenziamento del fattore di trascinamento del soluto da parte del vapore. La macchina Wow prende l’acqua inquinata e attraverso questi processi separa l’H2O dai suoi inquinanti, che a fine processo si presentano sotto forma di un liquido molto concentrato”, più facile da smaltire, stoccare, ma in certi casi addirittura pronto per essere reimmesso nel ciclo produttivo. “Questo scarto può rivelarsi una vera e propria miniera: la depurazione delle acque derivanti dall’industria galvanica, per esempio, restituisce un liquido esausto con un’alta concentrazione di nichel, metallo che ha un valore abbastanza elevato sul mercato e che potrebbe essere reimmesso nella filiera industriale recuperandolo, con semplici processi fisici, senza l’utilizzo di sostanze chimiche come avviene oggi”.

Essendo basato sull’uso del vapore, il processo “ha bisogno di energia, ma si presta ad essere alimentato in diversi modi – dalle fonti rinnovabili alla cogenerazione – e all’utilizzo di macchine termiche che consentano un notevole aumento di efficienza energetica del processo recuperando il calore latente di evaporazione”.

Per il momento, il primo campo di applicazione in cui l’azienda sta investendo le maggiori risorse è la depurazione delle acque radioattive. Se infatti in Europa si sta andando verso un graduale affrancamento dal nucleare, l’eredità dell’energia atomica sarà ingombrante. Finita la fase prototipale, è in corso l’installazione di un dimostratore che tratterà le scorie liquide delle ex centrali nucleari italiane: “Funzionerà a Saluggia e in altri siti. La priorità è ridurre il volume del rifiuto liquido nucleare, ottenendo dall’altra parte acqua depurata e dunque priva di ogni contaminazione. Rispetto alle tecnologie in funzione a Fukushima, la nostra ha un fattore di decontaminazione delle acque dalle 400 alle 800 volte più alto”.

Ma la tecnologia Wow può trovare applicazione anche in molti settori dell’industria italiana: “Può essere usata per esempio per la purificazione del percolato delle discariche, per la depurazione delle acque di lavaggio degli acciai, di verniciatura, di colorazione dei tessuti. Tutti casi di liquidi che spesso non possono essere scaricati nelle fognature e devono essere trattati e smaltiti come rifiuti industriali. Per questo, poter concentrare questi scarti porta grandi benefici ambientali ed economici”. Fino all’Ilva: “La tecnologia Wow potrebbe funzionare per processi di scrubber ad acqua, ossia il lavaggio dei fumi inquinati, alimentata recuperando le kilocalorie degli stessi fumi di scarico attraverso scambiatori di calore”. E può essere una soluzione efficace anche per dare acqua potabile ai Paesi più assetati del pianeta: “Prima o poi faremo anche un potabilizzatore portatile. Per adesso, il processo di evaporazione Wow può essere anche utilizzato nei grandi impianti di desalinizzazione presenti in molti Paesi del Medio Oriente e dell’Africa settentrionale”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Maledetto telefonino! L’invadenza degli smartphone nella vita quotidiana secondo il report di Deloitte

gennaio 24, 2017

Maledetto telefonino! L’invadenza degli smartphone nella vita quotidiana secondo il report di Deloitte

La società di consulting e advisory Deloitte ha presentato la Global Mobile Consumers Survey 2016, una ricerca che coinvolge 31 Paesi tra i principali al mondo e delinea le tendenze relative alle abitudini e ai comportamenti degli utenti connessi tramite Smartphone e Tablet. Dai dati della survey emerge che, almeno una volta al mese, quasi [...]

Bardonecchia promuove l’Ecoskipass: treno + sci costa meno!

gennaio 23, 2017

Bardonecchia promuove l’Ecoskipass: treno + sci costa meno!

Dal lunedì al venerdì (escluso il periodo di Pasqua dal 24 al 29 marzo) tutti coloro che si recheranno a sciare nella stazione piemontese di Bardonecchia, utilizzando i treni in partenza da Torino potranno ritirare l’”ecoskipass” al prezzo speciale di 26€, anziché 36€. Sarà sufficiente presentare il biglietto del treno all’ufficio skipass di Piazza Europa (proprio di fronte [...]

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

gennaio 20, 2017

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

Ieri a Roma, presso la sede di rappresentanza della Regione Puglia, la Presidente di Marevivo Rosalba Giugni e il Presidente della Fondazione Univerde Alfonso Pecoraro Scanio, hanno consegnato ufficialmente, al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il testo della petizione lanciata a dicembre da Marevivo e che ha già raccolto, sulla piattaforma Change.org, 45 mila firme nel [...]

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

gennaio 20, 2017

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

La multinazionale Procter & Gamble ha annunciato ieri che Head & Shoulders, il proprio brand n. 1 al mondo per lo shampoo, produrrà il primo flacone riciclabile al mondo, nel settore hair care, realizzato con una percentuale fino al 25& di plastica proveniente dalla raccolta sulle spiagge. In partnership con gli esperti di TerraCycle – [...]

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

gennaio 17, 2017

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

“Giardini d’Autore“, la mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini, presso il Parco Federico Fellini, location dal fascino intramontabile, per l’edizione di primavera 2017, in programma dal 17 al 19 marzo. La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia. Un appuntamento [...]

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

gennaio 17, 2017

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, in Toscana, è nato nel 1985 in seguito a una proposta di legge di iniziativa popolare per tutelare dagli scempi estrattivi una catena montuosa unica al mondo, impervia e affacciata sul mare, con una biodiversità eccezionale (vede la presenza del 50% delle specie vegetali riconosciute in Italia, 28 habitat [...]

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende