Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Wow! Come l’acqua contaminata diventa potabile senza chimica:

Wow! Come l’acqua contaminata diventa potabile senza chimica

dicembre 18, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Per spiegare come funziona la sua tecnologia di depurazione Wow, Adriano Marin parte dalla composizione chimica dell’acqua inquinata. Spesso parliamo di acqua contaminata, da smaltire come rifiuto speciale, senza pensare a un’altra via, concettualmente semplice: separare l’H2O dalle altre molecole. “In tutti i casi il solvente – l’acqua – è combinato a un soluto, ossia gli inquinanti. Può trattarsi di Cesio radioattivo, metalli, composti chimici derivanti dai processi industriali. Wow, che sta per Wonderful Water, si basa sulla tecnologia dell’evaporazione, già utilizzata da altre macchine, ma la rende molto più efficace ed efficiente: senza l’utilizzo di sostanze chimiche e di filtri, attraverso un processo meccanico e termodinamico, è in grado di rendere potabile qualunque tipo di acqua inquinata”.

Tutto parte nel 2006, dall’idea di costruire un potabilizzatore portatile a basso costo per i Paesi in via di sviluppo. “All’inizio ho investito solo qualche centinaio di euro e un bel po’ di tempo. Poi, dopo anni di esiti banali, quando il risultato finalmente è arrivato, l’investimento si è fatto più consistente. Per le analisi dell’acqua radioattiva depurata e il deposito dei brevetti, in corso in diversi Paesi, dall’Italia alla Russia fino agli Usa, ho destinato al progetto centinaia di migliaia di euro”, racconta Marin, ingegnere e imprenditore.

La tecnologia “si basa sull’abbattimento o il potenziamento del fattore di trascinamento del soluto da parte del vapore. La macchina Wow prende l’acqua inquinata e attraverso questi processi separa l’H2O dai suoi inquinanti, che a fine processo si presentano sotto forma di un liquido molto concentrato”, più facile da smaltire, stoccare, ma in certi casi addirittura pronto per essere reimmesso nel ciclo produttivo. “Questo scarto può rivelarsi una vera e propria miniera: la depurazione delle acque derivanti dall’industria galvanica, per esempio, restituisce un liquido esausto con un’alta concentrazione di nichel, metallo che ha un valore abbastanza elevato sul mercato e che potrebbe essere reimmesso nella filiera industriale recuperandolo, con semplici processi fisici, senza l’utilizzo di sostanze chimiche come avviene oggi”.

Essendo basato sull’uso del vapore, il processo “ha bisogno di energia, ma si presta ad essere alimentato in diversi modi – dalle fonti rinnovabili alla cogenerazione – e all’utilizzo di macchine termiche che consentano un notevole aumento di efficienza energetica del processo recuperando il calore latente di evaporazione”.

Per il momento, il primo campo di applicazione in cui l’azienda sta investendo le maggiori risorse è la depurazione delle acque radioattive. Se infatti in Europa si sta andando verso un graduale affrancamento dal nucleare, l’eredità dell’energia atomica sarà ingombrante. Finita la fase prototipale, è in corso l’installazione di un dimostratore che tratterà le scorie liquide delle ex centrali nucleari italiane: “Funzionerà a Saluggia e in altri siti. La priorità è ridurre il volume del rifiuto liquido nucleare, ottenendo dall’altra parte acqua depurata e dunque priva di ogni contaminazione. Rispetto alle tecnologie in funzione a Fukushima, la nostra ha un fattore di decontaminazione delle acque dalle 400 alle 800 volte più alto”.

Ma la tecnologia Wow può trovare applicazione anche in molti settori dell’industria italiana: “Può essere usata per esempio per la purificazione del percolato delle discariche, per la depurazione delle acque di lavaggio degli acciai, di verniciatura, di colorazione dei tessuti. Tutti casi di liquidi che spesso non possono essere scaricati nelle fognature e devono essere trattati e smaltiti come rifiuti industriali. Per questo, poter concentrare questi scarti porta grandi benefici ambientali ed economici”. Fino all’Ilva: “La tecnologia Wow potrebbe funzionare per processi di scrubber ad acqua, ossia il lavaggio dei fumi inquinati, alimentata recuperando le kilocalorie degli stessi fumi di scarico attraverso scambiatori di calore”. E può essere una soluzione efficace anche per dare acqua potabile ai Paesi più assetati del pianeta: “Prima o poi faremo anche un potabilizzatore portatile. Per adesso, il processo di evaporazione Wow può essere anche utilizzato nei grandi impianti di desalinizzazione presenti in molti Paesi del Medio Oriente e dell’Africa settentrionale”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

febbraio 13, 2017

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

Motivata da una forte coscienza sociale, predisposta a esperienze di possesso on demand, e con una grande apertura alla condivisione di beni e servizi propria della sharing economy, la generazione dei Millennials (i nati tra il 1980 e il 2000) sta cambiando il modo con cui le aziende – tra cui i costruttori di automobili [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende