Home » Bollettino Europa »Rubriche » Europee 2014: WWF e Altromercato chiedono l’impegno dei candidati:

Europee 2014: WWF e Altromercato chiedono l’impegno dei candidati

aprile 28, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Se – come dimostrano i tanti sondaggi condotti in vista delle prossime elezioni europee – la difesa dell’ambiente è per i cittadini UE un tema di vitale importanza, perché nei programmi della maggioranza dei partiti politici questa materia finisce per diventare il più delle volte un corollario, uno scontato sottointeso?

Per cercare di ridurre questo divario è intervenuto anche il WWF, che con la campagnaCreare una nuova Europa per il Pianeta”, invita i futuri eurodeputati a sottoscrivere – fino al 23 maggio – il Manifesto, formato da 28 proposte presenti sulla piattaforma online creata appositamente in tutte le lingue dei  Paesi dell’Unione.

L’appello ruota attorno a nove priorità ambientali che dovranno costituire un Impegno di Legislatura per chi sarà eletto. 1. affrontare il cambiamento climatico, 2. passare ad un’economia efficiente nell’impiego delle risorse, 3. fermare la perdita di biodiversità, 4. incoraggiare consumi più sani, equi e sostenibili, 5. assicurare acque pulite e salubri, 6. salvaguardare l’ambiente in modo da garantire il benessere umano in tutto il mondo, 7. bloccare il commercio illegale di legname e fauna selvatica, 8. garantire un’agricoltura sostenibile, 9. ripristinare gli stock ittici.

Una presa di coscienza che viaggia in due direzioni. Dai futuri eurodeputati verso i propri elettori, nel senso che i politici possono aderire al Manifesto mostrando così il proprio impegno (anche se il nodo sarà vedere se poi lo manterranno); e dai cittadini verso i rappresentanti parlamentari, poiché ciascuno può inviare al partito che intenderà votare il 25 maggio un messaggio contenente le proposte del WWF invitandolo così ad includere i temi green nella propria campagna elettorale. L’azione dell’associazione mira, quindi, a rendere consapevoli tutte le parti coinvolte del fatto che nei prossimi cinque anni si dovranno fare scelte decise verso la sostenibilità e per ridurre l’impronta ecologica dell’Europa, a sostegno di soluzioni economiche più innovative ed efficienti, che sostengano le start up delle imprese verdi, fiscalità ambientale e coraggio in campo energetico.

“L’ambiente può essere il trampolino di lancio per il futuro dell’Europa – spiega Dante Caserta, presidente del WWF Italia – e la green economy la chiave per uscire dalla crisi economica. L’Unione Europea ha il potere di condurci in una nuova era, quella in cui produciamo e consumiamo pensando ad un Solo Pianeta. Questa è l’unica strada percorribile per proteggere le nostre risorse naturali e garantire, allo stesso tempo, stabilità economica e occupazione. Sono proprio i deputati che vinceranno le elezioni ad avere il potere di votare su questioni chiave e rendere questa trasformazione una realtà”.

Il momento storico non è certo dei migliori, la fiducia del cittadino verso l’Unione Europea ha raggiunto il minimo storico con solo il 31% dei consensi, le istituzioni UE sono quindi sottoposte a severe critiche. Nonostante ciò, però, secondo Eurobarometro, il 95% dei cittadini europei percepisce la protezione dell’ambiente come importante e l’81% dà il proprio consenso sulla normativa ambientale di derivazione comunitaria, considerando decisioni come le Direttive in difesa delle specie selvatiche e delle acque, i limiti imposti dall’Unione alla presenza di sostanze chimiche negli alimenti, o la Rete Natura 2000 che ha permesso di salvare habitat preziosi e ancora oggi integri, interventi di vitale importanza per la salvaguardia del nostro Pianeta.

Tuttavia, la leadership europea in campo ambientale non deve essere data per scontata, ma deve essere sostenuta ed implementata. Non solo in sede UE, ma sui palcoscenici mondiali. Tanti saranno, infatti, gli appuntamenti che attendono i rappresentanti del vecchio continente da qui alla fine dell’anno. Primo fra tutti il Summit sul Clima che si terrà il 23 settembre 2014 a New York e che aprirà i lavori dell’Assemblea Generale. Tema dell’incontro saranno i nuovi obiettivi per lo sviluppo sostenibile. Seguirà poi la “COP 12″ sulla biodiversità in Corea del Sud ad ottobre 2014 e la “COP 20″ sul clima in Perù a dicembre. I due incontri serviranno da apripista in preparazione della “COP 21″ del 2015 a Parigi. Dal 12 al 19 novembre 2014 ci sarà, infine, il Congresso Mondiale IUCN (Unione Mondiale per la Conservazione della Natura) sui Parchi.

Un’idea simile a quella del WWF è stata realizzata dalle associazioni che nei paesi UE si occupano di Commercio Etico. Con la Campagna internazionale “Vote for Fair Trade” (#VOTE4FT) si chiede ai candidati alle elezioni europee l’inserimento del tema del Commercio Equo e Solidale nell’agenda politica del prossimo Parlamento Europeo. Un’azione di lobby da non sottovalutare visto che il Fair Trade Movement conta 2,5 milioni di produttori da 70 paesi diversi, 4.000 negozi e oltre 100.000 volontari.

Promossa in Italia da Altromercato e AGICES – l’Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale – l’iniziativa, attraverso la mobilitazione dei cittadini-consumatori, chiede, inoltre, di sostenere politiche finalizzate a una maggiore giustizia nel commercio internazionale. Cinque i punti da sottoscrivere. 1. economia centrata sulle persone, sui diritti dei lavoratori e dell’ambiente, 2. filiere responsabili, eque e solidali in tutti i passaggi, senza prevaricazioni e abusi di potere, 3. ingresso sul mercato europeo di piccoli produttori svantaggiati del Sud del Mondo e non solo, 4. politiche commerciali rivolte al benessere economico, sociale ed ambientale di tutti, 5. promozione del commercio equo e solidale a livello locale, regionale, nazionale ed europeo. L’elenco è, inoltre, accompagnato da un dossier di approfondimento per spiegare ai candidati l’importanza e il ruolo del commercio etico, nonché l’influenza delle politiche europee sui piccoli produttori, artigiani e contadini marginalizzati di tutto il mondo.  Le informazioni su ciò che ogni candidato si impegnerà a fare una volta eletto saranno disponibili online. Le attività della campagna continueranno anche dopo le elezioni per assicurare che i rappresentanti eletti rispettino i loro impegni.

Al Manifesto hanno già aderito i tre candidati alla presidenza della Commissione Europea. Ska Keller, che corre con i Verdi Europei, Jean-Claude Juncker delle fila del Partito Popolare e Martin Schulz, attuale Presidente del Parlamento Europeo e candidato socialista.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende