Home » Bollettino Europa »Rubriche » Europee 2014: WWF e Altromercato chiedono l’impegno dei candidati:

Europee 2014: WWF e Altromercato chiedono l’impegno dei candidati

aprile 28, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Se – come dimostrano i tanti sondaggi condotti in vista delle prossime elezioni europee – la difesa dell’ambiente è per i cittadini UE un tema di vitale importanza, perché nei programmi della maggioranza dei partiti politici questa materia finisce per diventare il più delle volte un corollario, uno scontato sottointeso?

Per cercare di ridurre questo divario è intervenuto anche il WWF, che con la campagnaCreare una nuova Europa per il Pianeta”, invita i futuri eurodeputati a sottoscrivere – fino al 23 maggio – il Manifesto, formato da 28 proposte presenti sulla piattaforma online creata appositamente in tutte le lingue dei  Paesi dell’Unione.

L’appello ruota attorno a nove priorità ambientali che dovranno costituire un Impegno di Legislatura per chi sarà eletto. 1. affrontare il cambiamento climatico, 2. passare ad un’economia efficiente nell’impiego delle risorse, 3. fermare la perdita di biodiversità, 4. incoraggiare consumi più sani, equi e sostenibili, 5. assicurare acque pulite e salubri, 6. salvaguardare l’ambiente in modo da garantire il benessere umano in tutto il mondo, 7. bloccare il commercio illegale di legname e fauna selvatica, 8. garantire un’agricoltura sostenibile, 9. ripristinare gli stock ittici.

Una presa di coscienza che viaggia in due direzioni. Dai futuri eurodeputati verso i propri elettori, nel senso che i politici possono aderire al Manifesto mostrando così il proprio impegno (anche se il nodo sarà vedere se poi lo manterranno); e dai cittadini verso i rappresentanti parlamentari, poiché ciascuno può inviare al partito che intenderà votare il 25 maggio un messaggio contenente le proposte del WWF invitandolo così ad includere i temi green nella propria campagna elettorale. L’azione dell’associazione mira, quindi, a rendere consapevoli tutte le parti coinvolte del fatto che nei prossimi cinque anni si dovranno fare scelte decise verso la sostenibilità e per ridurre l’impronta ecologica dell’Europa, a sostegno di soluzioni economiche più innovative ed efficienti, che sostengano le start up delle imprese verdi, fiscalità ambientale e coraggio in campo energetico.

“L’ambiente può essere il trampolino di lancio per il futuro dell’Europa – spiega Dante Caserta, presidente del WWF Italia – e la green economy la chiave per uscire dalla crisi economica. L’Unione Europea ha il potere di condurci in una nuova era, quella in cui produciamo e consumiamo pensando ad un Solo Pianeta. Questa è l’unica strada percorribile per proteggere le nostre risorse naturali e garantire, allo stesso tempo, stabilità economica e occupazione. Sono proprio i deputati che vinceranno le elezioni ad avere il potere di votare su questioni chiave e rendere questa trasformazione una realtà”.

Il momento storico non è certo dei migliori, la fiducia del cittadino verso l’Unione Europea ha raggiunto il minimo storico con solo il 31% dei consensi, le istituzioni UE sono quindi sottoposte a severe critiche. Nonostante ciò, però, secondo Eurobarometro, il 95% dei cittadini europei percepisce la protezione dell’ambiente come importante e l’81% dà il proprio consenso sulla normativa ambientale di derivazione comunitaria, considerando decisioni come le Direttive in difesa delle specie selvatiche e delle acque, i limiti imposti dall’Unione alla presenza di sostanze chimiche negli alimenti, o la Rete Natura 2000 che ha permesso di salvare habitat preziosi e ancora oggi integri, interventi di vitale importanza per la salvaguardia del nostro Pianeta.

Tuttavia, la leadership europea in campo ambientale non deve essere data per scontata, ma deve essere sostenuta ed implementata. Non solo in sede UE, ma sui palcoscenici mondiali. Tanti saranno, infatti, gli appuntamenti che attendono i rappresentanti del vecchio continente da qui alla fine dell’anno. Primo fra tutti il Summit sul Clima che si terrà il 23 settembre 2014 a New York e che aprirà i lavori dell’Assemblea Generale. Tema dell’incontro saranno i nuovi obiettivi per lo sviluppo sostenibile. Seguirà poi la “COP 12″ sulla biodiversità in Corea del Sud ad ottobre 2014 e la “COP 20″ sul clima in Perù a dicembre. I due incontri serviranno da apripista in preparazione della “COP 21″ del 2015 a Parigi. Dal 12 al 19 novembre 2014 ci sarà, infine, il Congresso Mondiale IUCN (Unione Mondiale per la Conservazione della Natura) sui Parchi.

Un’idea simile a quella del WWF è stata realizzata dalle associazioni che nei paesi UE si occupano di Commercio Etico. Con la Campagna internazionale “Vote for Fair Trade” (#VOTE4FT) si chiede ai candidati alle elezioni europee l’inserimento del tema del Commercio Equo e Solidale nell’agenda politica del prossimo Parlamento Europeo. Un’azione di lobby da non sottovalutare visto che il Fair Trade Movement conta 2,5 milioni di produttori da 70 paesi diversi, 4.000 negozi e oltre 100.000 volontari.

Promossa in Italia da Altromercato e AGICES – l’Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale – l’iniziativa, attraverso la mobilitazione dei cittadini-consumatori, chiede, inoltre, di sostenere politiche finalizzate a una maggiore giustizia nel commercio internazionale. Cinque i punti da sottoscrivere. 1. economia centrata sulle persone, sui diritti dei lavoratori e dell’ambiente, 2. filiere responsabili, eque e solidali in tutti i passaggi, senza prevaricazioni e abusi di potere, 3. ingresso sul mercato europeo di piccoli produttori svantaggiati del Sud del Mondo e non solo, 4. politiche commerciali rivolte al benessere economico, sociale ed ambientale di tutti, 5. promozione del commercio equo e solidale a livello locale, regionale, nazionale ed europeo. L’elenco è, inoltre, accompagnato da un dossier di approfondimento per spiegare ai candidati l’importanza e il ruolo del commercio etico, nonché l’influenza delle politiche europee sui piccoli produttori, artigiani e contadini marginalizzati di tutto il mondo.  Le informazioni su ciò che ogni candidato si impegnerà a fare una volta eletto saranno disponibili online. Le attività della campagna continueranno anche dopo le elezioni per assicurare che i rappresentanti eletti rispettino i loro impegni.

Al Manifesto hanno già aderito i tre candidati alla presidenza della Commissione Europea. Ska Keller, che corre con i Verdi Europei, Jean-Claude Juncker delle fila del Partito Popolare e Martin Schulz, attuale Presidente del Parlamento Europeo e candidato socialista.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende