Home » Campioni d'Italia »Rubriche » WWF Italia: 46 anni di battaglie nei ricordi di Fulco Pratesi:

WWF Italia: 46 anni di battaglie nei ricordi di Fulco Pratesi

febbraio 1, 2012 Campioni d'Italia, Rubriche

Roma, luglio 1966. In una stanzetta del suo studio di architettura, Fulco Pratesi fonda il Wwf Italia insieme a dieci amici. Si autofinanziano versando 20.000 lire a testa (valore: un po’ meno dei 200 euro attuali). Lo scopo iniziale, salvare una palude della Maremma. A quarantasei anni di distanza, i numeri parlano da sé: 130 Oasi per più di 35.000 ettari di natura protetta, 400.000 soci donatori, più di 100 sedi locali, 18 sezioni regionali, decine di gruppi di Guardie volontarie, oltre 300 avvocati che, dal 1986 a oggi, si battono contro l’illegalità ambientale in più di 2.000 giudizi cui l’associazione ha preso parte. Dati che fanno del Wwf un vero ”Campione d’Italianella difesa dell’ambiente, con un’attenzione particolare e costante alle specie protette e ai territori minacciati.

A quasi cinque decenni di distanza (il Wwf internazionale ha festeggiato 50 anni giusti nel 2011), Fulco Pratesi, che per molti anni ha presieduto l’associazione, di cui oggi è presidente onorario, ne ripercorre l’attività, e racconta storie e aspetti meno noti. A partire dall’episodio che, negli anni Sessanta, segnò la sua conversione: «Ero a caccia di orsi in Turchia e a un certo punto vidi un’orsa con i piccoli. Quest’immagine mi colpì molto, tornai a casa e cambiai stile di vita». L’idea di fondare il Wwf, gli viene nel 1961, anno di nascita, in Svizzera, del primo nucleo: «Volevo salvare un pezzo di palude a Orbetello e non sapevo a chi rivolgermi. Sapevo di quest’associazione per la difesa della natura che era nata in Svizzera e scrissi a loro. Mi dettero la loro disponibilità. Qualche anno dopo,  il segretario generale mi disse: “Ok, però dovete autofinanziarvi”».

Da subito, inizia l’impegno per l’acquisizione delle Oasi, che oggi sono più di 100 e coprono tutto il territorio nazionale, dal Trentino alla Sicilia. «Alcune vengono comprate, altre prese in affitto, altre ancora sono in concessione dal proprietario». La prima, nel 1967, è quella del Lago di Burano, a Capalbio, nella Maremma Toscana. «Allora veniva affittata ai cacciatori per 4 milioni all’anno. Proposi ai consiglieri di affittarla noi, e iniziammo a raccogliere i soldi. Da lì, il numero delle Oasi è aumentato continuamente, e molte volte sono i soci a proporci le aree da acquisire». Dopo Burano, anche un pezzo di Laguna di Orbetello è diventata Oasi. Ma l’iniziativa più coinvolgente, racconta Pratesi, è stata l’acquisto, nel 1985, della Foresta di Monte Arcosu, in Sardegna, grande oltre 3.000 ettari, ultima roccaforte del cervo sardo: «Riuscimmo a raccogliere 1 miliardo di lire per comprarla. Fu molto emozionante perché tutti i soci dettero il loro contributo. Un quarto di quei soldi, circa 250.000 milioni, li raccolsero i bambini vendendo a 500 lire l’uno i francobolli con sopra l’immagine del cervo sardo».  Le ultime Oasi, acquisite nel 2011, sono un’area vicina alla Riserva di Valpredina nelle Prealpi bergamasche, e il bosco umido di Foce dell’Arrone nel Lazio.

Tantissime le campagne che in questi 46 anni hanno educato e sensibilizzato gli italiani sui temi ambientali: tra tutte, quelle a sostegno dei referendum contro il nucleare, la caccia e i pesticidi. E ancora, per la pulizia dei boschi, contro il traffico privato, le spadare, i contaminanti chimici. A cui si aggiungono le iniziative del Wwf internazionale, come gli appuntamenti organizzati in vista della conferenza di Rio+20 o l’Ora della terra, l’evento di attivismo ambientale più grande del mondo.

Tra le conquiste più preziose, Pratesi ricorda la difesa del lupo: nel 1971, quando venne lanciata l’Operazione S. Francesco insieme al Parco nazionale d’Abruzzo, «ce n’erano solo 100 esemplari, oggi sono più di mille». Le specie tutelate dall’azione del Wwf sono tantissime: orso bruno marsicano, cervo sardo, camoscio appenninico, stambecco, gipeto, pernice bianca, gallina prataiola, tartaruga marina, il piccolo anfibio pelobate fosco, i rapaci migratori, insieme agli animali attualmente più a rischio in Italia:  «La foca monaca, la lontra, l’aquila del Bonelli, il capovaccaio».

Volendo tracciarne una carta d’identità sintetica, il presidente onorario non ha dubbi su quali siano le caratteristiche distintive dell’associazione: «Collegamento internazionale, concretezza delle azioni, indipendenza dalla politica». Con la quale i rapporti non sono sempre stati positivi: «In generale, è molto difficile collaborare. Perché i politici sono sempre portati a fare azioni più vicine agli elettori». Con le aziende, il Wwf lavora per l’affermazioni di pratiche più sostenibili, anche se «le grandi industrie italiane sono poco attente agli aspetti ambientali rispetto a quelle del resto d’Europa», spiega Pratesi, e questo gli fa venire in mente l’ultimo aneddoto: «Quando Fiat lanciò la Panda, chiedemmo, visto che noi usavamo quel nome da più di quindici anni, di fare almeno delle iniziative insieme. Loro si rifiutarono, e noi ci appellammo al Giurì della pubblicità. Alla fine, ci dovettero dare 110 milioni».

Veronica Ulivieri

Leggi anche su Greenews.info “Presentato dossier FAI e Wwf: Terra rubata: Viaggio nell’Italia che scompare

 E, nel box Greenews di LaStampa.it, “Il  Wwf pungola il governo sulle sfide ambientali 2012

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende