Home » Campioni d'Italia »Rubriche » YouPony: la logistica ai tempi della sharing economy:

YouPony: la logistica ai tempi della sharing economy

ottobre 21, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

“Un anno fa, dopo la fine del mio contratto di lavoro a Londra, dovevo rientrare in Italia, e traslocare diversi oggetti, tra cui una bici e una poltrona. Così, tramite BlaBlaCar, ho trovato una persona che andava da Londra a Milano in furgone, e per capire se i miei oggetti entravano sul mezzo, ci siamo scambiati delle foto su WhatsApp. Avevo cercato un’app per spedire oggetti da un posto all’altro con la stessa logica della sharing economy, ma non l’avevo trovata. E allora ho deciso di crearla io: durante il viaggio ho pensato al nome, e una volta arrivato a Milano ho contattato sette amici ed ex colleghi da coinvolgere nell’avventura”. Rodolfo Falletti, manager con alle spalle una lunga carriera nel mondo di internet – tra le molte altre cose, è stato il creatore del portale di annunci Subito.it – è l’ideatore di YouPony, l’applicazione che ha portato la sharing economy anche nel settore di spedizioni e consegne.

Mettiamo in connessione i sender con i pony disponibili tutti i giorni 24 ore su 24 grazie agli smartphone. I sender possono essere privati o aziende, i pony corrieri ufficiali o freelancee pagati per portare qualcosa con sé mentre si spostano in città o nel mondo con qualsiasi mezzo di trasporto.”. In questo modo, approfittando di spostamenti che avverrebbero comunque e dello spazio ancora disponibile in valigia, nel bagagliaio o sul furgone del corriere, la logistica diventa più efficiente, con vantaggi economici e ambientali.

Essendo la start up nata da poco, su questi aspetti non ci sono ancora dati precisi, ma, spiega Falletti, “i risparmi economici possono arrivare anche al 75%, mentre sul piano ecologico contiamo di ottenere un risparmio delle emissioni del 50% rispetto a consegne effettuate con metodi tradizionali”. Non solo: “Quando una persona inserisce l’annuncio per una spedizione, può confrontare le diverse offerte che arrivano, con la possibilità di scegliere anche consegne con mezzi a ridotto impatto ambientale: c’è chi consegna in bici, per esempio, e chi, soprattutto nei centri storici dove la logistica è sempre complicata, si muove solo a piedi”.

Rispetto ad altre piattaforme basate sulla sharing economy, YouPony ha deciso di non escludere nessuno dal servizio: “Il nostro approccio è collaborativo, non vogliamo porci in concorrenza con nessuno. Pensiamo anzi che YouPony possa rendere il servizio dei corrieri più sostenibile, o integrare per esempio quello delle Poste”. Rispetto a servizi più generalisti, la start up punta anche a valorizzare “la persona che c’è dietro la consegna e la cura della spedizione. Noi non interveniamo nella transazione tra sender e pony, il prezzo è stabilito da quest’ultimo in libertà e in base al valore che egli attribuisce al suo lavoro”. E sono già in corso contatti con le società di corrieri espresso, interessate a capire come YouPony potrebbe incidere positivamente sul loro lavoro. Tutti aspetti di cui si parlerà durante la tavola rotonda “Thank you, Mr Sharing!” in programma il prossimo 4 novembre al centro Copernico, a Milano.

Molte energie sono state investite dal team per mettere a punto una serie di procedure di sicurezza, in modo che i sender possano sentirsi tranquilli nell’affidare i propri oggetti ai pony. “L’app ha un sistema di identità verificata per evitare frodi ed illegalità ed è possibile per gli utenti lasciare una recensione sulla spedizione effettuata. Inoltre, la procedura dei selfie scattati dal sender e dal pony alla presa in carico e alla consegna del pacco, insieme al codice di spedizione QR, certificano l’identità del corriere e assicurano che la confezione non venga manipolata, non passi di mano e sia costantemente tracciata. Per seguire la spedizione è infatti possibile la geo-localizzazione costante attraverso l’app stessa e si dispone del numero telefonico del pony per mettersi in contatto in qualsiasi momento in base alle necessità”.

Al momento YouPony ha qualche migliaio di utenti, concentrati soprattutto in Italia, Brasile e Indonesia. Le consegne avvengono di frequente nei centri urbani, ma anche in aree isolate e marginali, dove non ci sono infrastrutture logistiche e società di spedizione. Proprio in queste aree, secondo Falletti, ci sono grandi potenzialità di diffusione per la sua app: “Pensiamo all’Africa, dove ormai ogni capo villaggio ha uno smartphone con cui, grazie a YouPony, potrebbe coordinare le consegne per tutta la comunità, dando impulso anche allo sviluppo locale”.

Al momento You Pony è in fase di ottimizzazione – si prevede il lancio di una versione anche per il web entro gennaio 2016 – e non produce ancora utili, perché si è deciso di non prelevare niente dalle transazioni, ma introdurre piuttosto in futuro un abbonamento per i soli utilizzatori professionisti. Quando però inizierà a fatturare, dice Falletti, “devolveremo 10% dell’utile netto a Ong di tutto il mondo attive per migliorare i servizi di comunicazione, riducendo l’isolamento delle popolazioni e favorendo quindi il riscatto sociale”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

agosto 20, 2018

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

Cresce il numero di imprenditori agricoli che vogliono aderire al progetto promosso dalle aziende Garbini, Loccioni e Fileni con l’obiettivo di preservare la fertilità e la bellezza delle valli marchigiane recuperando antichi saperi, da unire a nuove tecnologie, per creare filiere sostenibili e un’economia circolare a vantaggio delle aziende, delle comunità locali e dei consumatori. La [...]

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende