Home » Rubriche »Very Important Planet » Zanko, rapper multiculturale con un’anima ambientalista:

Zanko, rapper multiculturale con un’anima ambientalista

Nato a Milano da genitori siriani, Zanko è uno dei pionieri in Italia del rap multilingue (italo-franco-arabo). Il suo MetroCosmoPoliTown, uscito nel 2009, è il primo album di un artista di origine straniera cantato sia in italiano sia nella propria lingua d’origine e allo stesso tempo un album profondamente multietnico, con la partecipazione di 9 artisti da 4 continenti diversi, 6 dei quali della cosiddetta seconda generazione, ovvero figli di immigrati nati o cresciuti in Italia. Ospite della fiera  Fa’ la cosa giusta a Milano dal 13 al 15 marzo, Zanko racconta a Greenews.info del suo intervento: “Sarò un ospite musicale, vado a suonare e a mostrare un video. Ho scelto di partecipare a questa fiera perché ci sono affezionato: la conosco da tempo, il consumo equo solidale e sostenibile mi interessa e in generale tratta temi cui sono legato”.

D) Zanko, appartieni a territori molto diversi fra loro: da una parte l’Italia, dall’altra la Siria. Cosa significano per te territorio, appartenenza, identità?

R) L’identità fa parte di te, è la tua essenza. Ognuno di noi ha un temperamento. Mentre il carattere è ciò che tu sei in divenire, è una cosa mutevole, dinamica che cambia ogni giorno. Le esperienze che io ho avuto il piacere di vivere in Italia, in Siria, a Parigi, sono servite a cambiarmi, anche in meglio, e quindi ad arricchire la mia identità, a darle più sfumature. Per quanto riguarda il territorio, è una parola che lego molto al concetto di comunità. Per me rappresenta qualcosa che è legata a un certo tipo di cultura,con certe tradizioni, anche alimentari, che cambiano lentamente nel tempo. Per fare un esempio, nel nostro Sud si coltiva il pomodoro, un prodotto diventato simbolo dell’Italia ma che originariamente è stato importato dall’America. Quindi territorio per me è un concetto legato alla cultura, ai prodotti locali, all’ambiente circostante.

D) Ultimamente, quando si parla di Islam si parla spesso di Isis, senza spiegare che l’Islam moderato è altra cosa. Nella cultura islamica, come viene concepita la natura? E qual è il rapporto dell’uomo con l’ambiente?

R) La natura nel mondo musulmano ha un’importanza cosmologica: noi tutti facciamo parte di un insieme creato da un essere superiore. È vista come contenitore armonioso che si collega all’uomo e il tutto fa parte di un disegno divino. Un elemento naturale che viene molto valorizzato nella cultura musulmana è l’acqua, considerata preziosa quasi quanto il petrolio, perché sorgente di vita nel vero senso della parola.

D) Cosa pensi che la cultura occidentale potrebbe imparare da quella dell’Islam, soprattutto per quanto riguarda l’ecologia?

R) Ho capito che tutti possono imparare da tutti. Per esempio gli occidentali potrebbero imparare proprio il rispetto dell’acqua, un elemento che invece sottovalutano e danno per scontato. In generale potrei affermare che la cultura occidentale potrebbe imparare a ridurre i consumi. In Siria, ma anche nei paesi arabi in cui ho viaggiato, c’è un consumo più consapevole, una condizione che secondo me deriva dalla poca disponibilità di risorse. Al contrario, in Occidente, dove c’è molta abbondanza, questo rispetto manca. Credo che questo momento di crisi generalizzata abbia dato agli occidentali la possibilità di riconsiderare i loro consumi e, di conseguenza, di rispettare di più anche l’ambiente: si consuma meno benzina perché costa, ma nel frattempo si inquina meno; chi prende la bicicletta fa un favore a tutta la comunità. L’eccessiva abbondanza ha generato consumi sfrenati anche nell’alimentazione. In Occidente il cibo viene buttato via con molta facilità, al contrario dei paesi arabi dove esiste un rispetto profondo per il cibo, probabilmente retaggio del Ramadan. È difficile che un bambino educato a digiunare tutto il giorno non attribuisca al cibo un valore importante. Viceversa, il mondo islamico potrebbe imparare dall’Occidente il rispetto per l’ambiente con l’uso di politiche ambientali ad hoc: penso per esempio al riciclo, che in Italia è una realtà. Nei paesi arabi non c’è l’abitudine a pensare all’ambiente come un luogo pulito di cui avere cura.

D) Nelle tue canzoni hai mai parlato di temi ambientali?

R) Mi capita di parlare di ambiente. Ho fatto una canzone sull’acqua per esempio, intitolata Hh2O, dove l’acqua rappresenta metaforicamente la sorgente di vita di ognuno di noi. È un elemento naturale cui mi sento molto legato, adoro le città con corsi d’acqua, adoro il mare. Quando ho scritto questa canzone ho riflettuto su quante cose può essere per noi l’acqua. È sicuramente la vita.

D) Come definiresti ambiente?

R) Ambiente è ciò che ci circonda, il nostro habitat. Ambientarsi significa abituarsi a un habitat, collego quindi questa parola al concetto di abitare un luogo, rispettarlo, farlo proprio.

D) Quali sono le azioni che compi quotidianamente per rispettare l’ambiente?

R) Sono abbastanza attento. Penso che l’educazione dei bambini sia molto importante perché influenzerà il loro stile di vita. Lo dico per esperienza personale: da piccolo l’ora di religione per me era sostituita da un’ora di educazione ambientale. Ho imparato tante cose: come nasce la carta, come si inquina l’aria, il riciclo, la plastica… già da piccolo in casa ero l’ambientalista che ricordava a tutti le buone pratiche per rispettare l’ambiente. E poi appena posso vado molto in bicicletta. La bici è un elemento di felicità, perché ci consente di fare attività fisica, alla base del nostro benessere, ed è un mezzo di trasporto a bassissimo costo, che in questo periodo è una condizione necessaria per la nostra felicità.

D) Quale pensi sia il mezzo  più efficace per diffondere cultura ambientale?

R) Se vogliamo un paese più pulito, più bello e più attraente anche per il turismo, dobbiamo partire dall‘educazione scolastica. Investire in questo canale è senza dubbio utile a tutti.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

aprile 28, 2017

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

Di recente il Parlamento Europeo ha annunciato di aver raggiunto un accordo su un nuovo tipo di etichetta energetica per gli elettrodomestici con l’obiettivo di creare un sistema che sia realmente “2.0″. L’intenzione è fare in modo che, grazie alla presenza di QR code e link, entro la fine del 2019 ogni etichetta rimandi ad [...]

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende