Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Zazie: la rivoluzione no-global oggi si fa col frullatore:

Zazie: la rivoluzione no-global oggi si fa col frullatore

marzo 8, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

La nuova rivoluzione bolognese (imprenditoriale, salutistica e culinaria) si chiama Zazie ed è stata innescata da Marina PagliuzzaGiovanni Marco (“Gianmarco”) De Pieri e Roberto Cipriano. Un “network” – guai a parlare di franchising o catena – di negozi e botteghe, già saliti a 12 in tutta Italia in soli 7 anni, a colpi di spremute di agrumi, frullati, smooothies (bevande di frutta), succhi, insalate di frutta, centrifugati di verdure, ma pure le care vecchie zuppe. Un menù a base di fresco & digeribile che in origine doveva essere venduto in strada e aveva la forma di un carretto per spremere gli agrumi, ma in Italia “la vendita di cibo in strada è contrastata. A Bologna non si può nel centro storico, vicino allo stadio e in tanti altri luoghi. Impossibile. L’idea del punto mobile con piccolo motore elettrico si è arenata”, spiegano Marina e Gianmarco, noto in città come attivista dei centri sociali della sinistra radicale.

Evaporato il sogno on the road nelle nebbie della burocrazia italiana, Marina e Gianmarco “ripiegano”, con successo, sul punto vendita fisso “dove consumare frutta e verdura fresca”. Dalla piazza con i movimenti no-global e le occupazioni con i centri sociali, la battaglia si sposta a liberare i lavoratori con 30 minuti di pausa pranzo dal “paninazzo” scaldato al microonde. Quindi giù di zuppe senza soffritti, senza dado, senza insaporitori: solo  verdura, cotta al vapore, qualche erbetta, un po’ di sale e olio. E frutta a gogò.

Un bel salto dai lavori precedenti: “Nel 2009 – spiega Marina – io ho chiuso con una multinazionale del tabacco, Gianmarco con una informatica. Abbiamo un percorso comune di impegno sociale e politico. Ci siamo incontrati dopo Genova (la mobilitazione contro il G8, NdR), con un retroterra comune”. Imprenditori no-global, politica che si riflette nell’impresa economica: “Siamo molto attenti al rispetto delle norme sul lavoro, alla filiera dei prodotti e chiediamo ai nostri partner l’adesione ad un’ etica fiscale stretta: zero pagamenti in nero“. Un altro pianeta rispetto alle contestazioni anni ’70… Basti dire che la società che gestice Zazie si chiama Rightness Srl (correttezza, in inglese) e ha sede legale in Via Indipendenza. E’già un manifesto!

E sulla sostenibilità ambientale?” Spingiamo, anche i nostri partner, verso prodotti biologici, da lotta integrata, stagionali, a Km. zero. Abbiamo fornitori che rispondono a queste caratteristiche, ma non usiamo celle frigorifere e facciamo la spesa due volte la settimana. Un gran consumo di frutta e verdura e per questo abbiamo un fornitore di fiducia al Caab, il mercato ortofrutticolo di Bologna. Evitiamo tanta frutta esotica, ma per scelta abbiamo le banane“. “Per i latticini – spiega Marina – ci riforniamo, invece, solo da un produttore locale: Le mucche di Guglielmo di cui abbiamo fiducia per i suoi metodi di allevamento rispettosi dell’ambiente. Poi abbiamo creato un nostro marchio di miele, prodotto da da Albertto Negrini e Lorenzo Lucchi, che hanno aperto a Ferrara un punto Zazie. Siamo molto orgogliosi anche di vendere dei favi: miele non raffinato, molto vergine, non toccato da mano umana“. L’estremismo non si scorda mai.

Partiti dalla frutta la società si è allargata ai piatti con un’offerta “molto attenta alle scelte vegane e vegetariane e alle intolleranze – continua Marina – Abbiamo ideato una serie di altri piatti a base di orzo e di farro, ci siamo inventati la polenta rosa con rapa rossa, i passatelli di patata. Poi tortini e hamburger vegani. In questo modo siamo riusciti a conquistare una fascia di persone molto ampia”.

Sulle pratiche di sostenibilità si lavora non solo sul lato cibo e non mancano le attività di informazione e di “cultura alternativa”. “Per l’arredamento cerchiamo  di applicare i concetti di riciclo e  riuso. Come i due pentoloni che a Bologna sono diventati lavandini, il bancone costruito con vecchie porte che conservano tutte le imperfezioni, il pavimento con piastrelle trovate in Sardegna. Nel locale di Genova la porta è quella di una vecchia officina. Ma naturalmente per le zone destinate a laboratorio ci dobbiamo adeguare alle norme”.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende