Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Zazie: la rivoluzione no-global oggi si fa col frullatore:

Zazie: la rivoluzione no-global oggi si fa col frullatore

marzo 8, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

La nuova rivoluzione bolognese (imprenditoriale, salutistica e culinaria) si chiama Zazie ed è stata innescata da Marina PagliuzzaGiovanni Marco (“Gianmarco”) De Pieri e Roberto Cipriano. Un “network” – guai a parlare di franchising o catena – di negozi e botteghe, già saliti a 12 in tutta Italia in soli 7 anni, a colpi di spremute di agrumi, frullati, smooothies (bevande di frutta), succhi, insalate di frutta, centrifugati di verdure, ma pure le care vecchie zuppe. Un menù a base di fresco & digeribile che in origine doveva essere venduto in strada e aveva la forma di un carretto per spremere gli agrumi, ma in Italia “la vendita di cibo in strada è contrastata. A Bologna non si può nel centro storico, vicino allo stadio e in tanti altri luoghi. Impossibile. L’idea del punto mobile con piccolo motore elettrico si è arenata”, spiegano Marina e Gianmarco, noto in città come attivista dei centri sociali della sinistra radicale.

Evaporato il sogno on the road nelle nebbie della burocrazia italiana, Marina e Gianmarco “ripiegano”, con successo, sul punto vendita fisso “dove consumare frutta e verdura fresca”. Dalla piazza con i movimenti no-global e le occupazioni con i centri sociali, la battaglia si sposta a liberare i lavoratori con 30 minuti di pausa pranzo dal “paninazzo” scaldato al microonde. Quindi giù di zuppe senza soffritti, senza dado, senza insaporitori: solo  verdura, cotta al vapore, qualche erbetta, un po’ di sale e olio. E frutta a gogò.

Un bel salto dai lavori precedenti: “Nel 2009 – spiega Marina – io ho chiuso con una multinazionale del tabacco, Gianmarco con una informatica. Abbiamo un percorso comune di impegno sociale e politico. Ci siamo incontrati dopo Genova (la mobilitazione contro il G8, NdR), con un retroterra comune”. Imprenditori no-global, politica che si riflette nell’impresa economica: “Siamo molto attenti al rispetto delle norme sul lavoro, alla filiera dei prodotti e chiediamo ai nostri partner l’adesione ad un’ etica fiscale stretta: zero pagamenti in nero“. Un altro pianeta rispetto alle contestazioni anni ’70… Basti dire che la società che gestice Zazie si chiama Rightness Srl (correttezza, in inglese) e ha sede legale in Via Indipendenza. E’già un manifesto!

E sulla sostenibilità ambientale?” Spingiamo, anche i nostri partner, verso prodotti biologici, da lotta integrata, stagionali, a Km. zero. Abbiamo fornitori che rispondono a queste caratteristiche, ma non usiamo celle frigorifere e facciamo la spesa due volte la settimana. Un gran consumo di frutta e verdura e per questo abbiamo un fornitore di fiducia al Caab, il mercato ortofrutticolo di Bologna. Evitiamo tanta frutta esotica, ma per scelta abbiamo le banane“. “Per i latticini – spiega Marina – ci riforniamo, invece, solo da un produttore locale: Le mucche di Guglielmo di cui abbiamo fiducia per i suoi metodi di allevamento rispettosi dell’ambiente. Poi abbiamo creato un nostro marchio di miele, prodotto da da Albertto Negrini e Lorenzo Lucchi, che hanno aperto a Ferrara un punto Zazie. Siamo molto orgogliosi anche di vendere dei favi: miele non raffinato, molto vergine, non toccato da mano umana“. L’estremismo non si scorda mai.

Partiti dalla frutta la società si è allargata ai piatti con un’offerta “molto attenta alle scelte vegane e vegetariane e alle intolleranze – continua Marina – Abbiamo ideato una serie di altri piatti a base di orzo e di farro, ci siamo inventati la polenta rosa con rapa rossa, i passatelli di patata. Poi tortini e hamburger vegani. In questo modo siamo riusciti a conquistare una fascia di persone molto ampia”.

Sulle pratiche di sostenibilità si lavora non solo sul lato cibo e non mancano le attività di informazione e di “cultura alternativa”. “Per l’arredamento cerchiamo  di applicare i concetti di riciclo e  riuso. Come i due pentoloni che a Bologna sono diventati lavandini, il bancone costruito con vecchie porte che conservano tutte le imperfezioni, il pavimento con piastrelle trovate in Sardegna. Nel locale di Genova la porta è quella di una vecchia officina. Ma naturalmente per le zone destinate a laboratorio ci dobbiamo adeguare alle norme”.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende