Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Zazie: la rivoluzione no-global oggi si fa col frullatore:

Zazie: la rivoluzione no-global oggi si fa col frullatore

marzo 8, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

La nuova rivoluzione bolognese (imprenditoriale, salutistica e culinaria) si chiama Zazie ed è stata innescata da Marina PagliuzzaGiovanni Marco (“Gianmarco”) De Pieri e Roberto Cipriano. Un “network” – guai a parlare di franchising o catena – di negozi e botteghe, già saliti a 12 in tutta Italia in soli 7 anni, a colpi di spremute di agrumi, frullati, smooothies (bevande di frutta), succhi, insalate di frutta, centrifugati di verdure, ma pure le care vecchie zuppe. Un menù a base di fresco & digeribile che in origine doveva essere venduto in strada e aveva la forma di un carretto per spremere gli agrumi, ma in Italia “la vendita di cibo in strada è contrastata. A Bologna non si può nel centro storico, vicino allo stadio e in tanti altri luoghi. Impossibile. L’idea del punto mobile con piccolo motore elettrico si è arenata”, spiegano Marina e Gianmarco, noto in città come attivista dei centri sociali della sinistra radicale.

Evaporato il sogno on the road nelle nebbie della burocrazia italiana, Marina e Gianmarco “ripiegano”, con successo, sul punto vendita fisso “dove consumare frutta e verdura fresca”. Dalla piazza con i movimenti no-global e le occupazioni con i centri sociali, la battaglia si sposta a liberare i lavoratori con 30 minuti di pausa pranzo dal “paninazzo” scaldato al microonde. Quindi giù di zuppe senza soffritti, senza dado, senza insaporitori: solo  verdura, cotta al vapore, qualche erbetta, un po’ di sale e olio. E frutta a gogò.

Un bel salto dai lavori precedenti: “Nel 2009 – spiega Marina – io ho chiuso con una multinazionale del tabacco, Gianmarco con una informatica. Abbiamo un percorso comune di impegno sociale e politico. Ci siamo incontrati dopo Genova (la mobilitazione contro il G8, NdR), con un retroterra comune”. Imprenditori no-global, politica che si riflette nell’impresa economica: “Siamo molto attenti al rispetto delle norme sul lavoro, alla filiera dei prodotti e chiediamo ai nostri partner l’adesione ad un’ etica fiscale stretta: zero pagamenti in nero“. Un altro pianeta rispetto alle contestazioni anni ’70… Basti dire che la società che gestice Zazie si chiama Rightness Srl (correttezza, in inglese) e ha sede legale in Via Indipendenza. E’già un manifesto!

E sulla sostenibilità ambientale?” Spingiamo, anche i nostri partner, verso prodotti biologici, da lotta integrata, stagionali, a Km. zero. Abbiamo fornitori che rispondono a queste caratteristiche, ma non usiamo celle frigorifere e facciamo la spesa due volte la settimana. Un gran consumo di frutta e verdura e per questo abbiamo un fornitore di fiducia al Caab, il mercato ortofrutticolo di Bologna. Evitiamo tanta frutta esotica, ma per scelta abbiamo le banane“. “Per i latticini – spiega Marina – ci riforniamo, invece, solo da un produttore locale: Le mucche di Guglielmo di cui abbiamo fiducia per i suoi metodi di allevamento rispettosi dell’ambiente. Poi abbiamo creato un nostro marchio di miele, prodotto da da Albertto Negrini e Lorenzo Lucchi, che hanno aperto a Ferrara un punto Zazie. Siamo molto orgogliosi anche di vendere dei favi: miele non raffinato, molto vergine, non toccato da mano umana“. L’estremismo non si scorda mai.

Partiti dalla frutta la società si è allargata ai piatti con un’offerta “molto attenta alle scelte vegane e vegetariane e alle intolleranze – continua Marina – Abbiamo ideato una serie di altri piatti a base di orzo e di farro, ci siamo inventati la polenta rosa con rapa rossa, i passatelli di patata. Poi tortini e hamburger vegani. In questo modo siamo riusciti a conquistare una fascia di persone molto ampia”.

Sulle pratiche di sostenibilità si lavora non solo sul lato cibo e non mancano le attività di informazione e di “cultura alternativa”. “Per l’arredamento cerchiamo  di applicare i concetti di riciclo e  riuso. Come i due pentoloni che a Bologna sono diventati lavandini, il bancone costruito con vecchie porte che conservano tutte le imperfezioni, il pavimento con piastrelle trovate in Sardegna. Nel locale di Genova la porta è quella di una vecchia officina. Ma naturalmente per le zone destinate a laboratorio ci dobbiamo adeguare alle norme”.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende