Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Zazie: la rivoluzione no-global oggi si fa col frullatore:

Zazie: la rivoluzione no-global oggi si fa col frullatore

marzo 8, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

La nuova rivoluzione bolognese (imprenditoriale, salutistica e culinaria) si chiama Zazie ed è stata innescata da Marina PagliuzzaGiovanni Marco (“Gianmarco”) De Pieri e Roberto Cipriano. Un “network” – guai a parlare di franchising o catena – di negozi e botteghe, già saliti a 12 in tutta Italia in soli 7 anni, a colpi di spremute di agrumi, frullati, smooothies (bevande di frutta), succhi, insalate di frutta, centrifugati di verdure, ma pure le care vecchie zuppe. Un menù a base di fresco & digeribile che in origine doveva essere venduto in strada e aveva la forma di un carretto per spremere gli agrumi, ma in Italia “la vendita di cibo in strada è contrastata. A Bologna non si può nel centro storico, vicino allo stadio e in tanti altri luoghi. Impossibile. L’idea del punto mobile con piccolo motore elettrico si è arenata”, spiegano Marina e Gianmarco, noto in città come attivista dei centri sociali della sinistra radicale.

Evaporato il sogno on the road nelle nebbie della burocrazia italiana, Marina e Gianmarco “ripiegano”, con successo, sul punto vendita fisso “dove consumare frutta e verdura fresca”. Dalla piazza con i movimenti no-global e le occupazioni con i centri sociali, la battaglia si sposta a liberare i lavoratori con 30 minuti di pausa pranzo dal “paninazzo” scaldato al microonde. Quindi giù di zuppe senza soffritti, senza dado, senza insaporitori: solo  verdura, cotta al vapore, qualche erbetta, un po’ di sale e olio. E frutta a gogò.

Un bel salto dai lavori precedenti: “Nel 2009 – spiega Marina – io ho chiuso con una multinazionale del tabacco, Gianmarco con una informatica. Abbiamo un percorso comune di impegno sociale e politico. Ci siamo incontrati dopo Genova (la mobilitazione contro il G8, NdR), con un retroterra comune”. Imprenditori no-global, politica che si riflette nell’impresa economica: “Siamo molto attenti al rispetto delle norme sul lavoro, alla filiera dei prodotti e chiediamo ai nostri partner l’adesione ad un’ etica fiscale stretta: zero pagamenti in nero“. Un altro pianeta rispetto alle contestazioni anni ’70… Basti dire che la società che gestice Zazie si chiama Rightness Srl (correttezza, in inglese) e ha sede legale in Via Indipendenza. E’già un manifesto!

E sulla sostenibilità ambientale?” Spingiamo, anche i nostri partner, verso prodotti biologici, da lotta integrata, stagionali, a Km. zero. Abbiamo fornitori che rispondono a queste caratteristiche, ma non usiamo celle frigorifere e facciamo la spesa due volte la settimana. Un gran consumo di frutta e verdura e per questo abbiamo un fornitore di fiducia al Caab, il mercato ortofrutticolo di Bologna. Evitiamo tanta frutta esotica, ma per scelta abbiamo le banane“. “Per i latticini – spiega Marina – ci riforniamo, invece, solo da un produttore locale: Le mucche di Guglielmo di cui abbiamo fiducia per i suoi metodi di allevamento rispettosi dell’ambiente. Poi abbiamo creato un nostro marchio di miele, prodotto da da Albertto Negrini e Lorenzo Lucchi, che hanno aperto a Ferrara un punto Zazie. Siamo molto orgogliosi anche di vendere dei favi: miele non raffinato, molto vergine, non toccato da mano umana“. L’estremismo non si scorda mai.

Partiti dalla frutta la società si è allargata ai piatti con un’offerta “molto attenta alle scelte vegane e vegetariane e alle intolleranze – continua Marina – Abbiamo ideato una serie di altri piatti a base di orzo e di farro, ci siamo inventati la polenta rosa con rapa rossa, i passatelli di patata. Poi tortini e hamburger vegani. In questo modo siamo riusciti a conquistare una fascia di persone molto ampia”.

Sulle pratiche di sostenibilità si lavora non solo sul lato cibo e non mancano le attività di informazione e di “cultura alternativa”. “Per l’arredamento cerchiamo  di applicare i concetti di riciclo e  riuso. Come i due pentoloni che a Bologna sono diventati lavandini, il bancone costruito con vecchie porte che conservano tutte le imperfezioni, il pavimento con piastrelle trovate in Sardegna. Nel locale di Genova la porta è quella di una vecchia officina. Ma naturalmente per le zone destinate a laboratorio ci dobbiamo adeguare alle norme”.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende