Home » Campioni d'Italia »Green Economy »Rubriche » Zehus: la bici ibrida che si ricarica pedalando:

Zehus: la bici ibrida che si ricarica pedalando

Ci sono la bici muscolare e quella elettrica. Lo spazio in mezzo a questi due opposti era rimasto vuoto fino a pochi anni fa, quando Giovanni Alli, 30 anni, ingegnere, durante il suo dottorato al Politecnico di Milano si è messo in testa di provare a dar vita a una bici ibrida. Zehus, il sistema che permette di ottenere una bici elettrica che si ricarica pedalando, in grado di far risparmiare il 40% della fatica senza bisogno di essere collegata alla rete elettrica per fare il pieno di energia, sta infatti cambiando il futuro della due ruote.

Flessibile e Made in Italy, è il frutto di un lungo lavoro – e numerosi brevetti – intorno ad alcune innovazioni chiave: “In primo luogo la bici con sistema Zehus è capace di essere un mezzo ibrido, risparmiando energia, senza bisogno di ricarica. Il sistema è inoltre all in one: motore, portabatteria e interfaccia con l’utente sono integrati in un solo componente, collocato nella ruota posteriore, con un peso di soli 3 chili. Inoltre, per integragire con la bici si usa lo smartphone, attraverso il quale si possono anche attivare servizi aggiuntivi come il blocco della ruota o la diagnosi di eventuali guasti in tempo reale”, spiega Giovanni Alli, che nel 2013 ha fondato la società spin off del Politecnico milanese Zehus, dove oggi lavorano 15 persone. “L’idea è nata facendo un parallelismo con quello che era già accaduto nel campo delle auto, dove si erano affermato ibride come la Toyota Prius, in cui il motore a combustione supporta quello elettrico, e ibride seriali, in cui il motore a combustione ricarica solo le batterie. Il motore a combustione interna è simile al motore-uomo: entrambi hanno differenze di resa durante un percorso, ed entrambi possono affiancarsi a un motore elettrico”.

Ma come funziona di preciso Zehus? “Così come depositiamo i nostri risparmi sul conto in banca, l’energia viene immagazzinata nella batteria. Quando il sistema capisce che il ciclista ha una buona efficienza, ricarica la batteria. Quando invece l’utente pedala con una bassa efficienza, il sistema lo aiuta e spinge. In sostanza, in pianura una piccola parte dello sforzo del ciclista viene destinata alla ricarica della batteria, mentre in salita è la batteria a fornire al ciclista una spinta in più”, continua Alli. Oltre al sistema all-in-one collocato nella ruota di dietro, anche il software ha un ruolo molto importante: “Deve tenere conto sia dell’efficienza, sia del feeling: abbiamo messo a punto un sistema che permette di stimare diversi parametri, tra cui la pendenza e lo sforzo che si sta facendo. Altre caratteristiche le stiamo ancora sviluppando, ma il software sarà sempre aggiornabile”.

Innovazioni coperte da diverse brevetti e premiate con importanti riconoscimenti, come il primo premio della fiera China Cycle di Shangai, dove Zehus è stato nominato prodotto più innovativo del salone. “Nel 2011 abbiamo depositato il primo brevetto, riguardante l’integrazione di sistema, gli algoritmi e l’ottimizzazione energetica”. Zehus è tutto prodotto in Italia: “Abbiamo creato una filiera di aziende tra Brescia, Varese, Genova, Vicenza e Torino. Per noi il controllo della qualità e l’affidabilità sono molto importanti: per questo anche in futuro puntiamo a mantenere la produzione nel nostro Paese”.

Per il lancio sul mercato, il team di Zehus ha deciso di rivolgersi direttamente alle aziende: “Vendiamo il nostro sistema all-in-one ai produttori di bici, che lo montano sui loro modelli. Offriamo a tutti una prova, che di solito va a buon fine e porta alle prime forniture. Al momento lavoriamo con piccoli e medi clienti, ma alcuni grandi gruppi sono interessati a noi e questo ci apre buone prospettive di crescita per il futuro”. A dicembre 2014, a sei mesi dal lancio, la società aveva già venduto mille pezzi. “Nel 2015 contiamo di arrivare a 5.000 pezzi. Oggi contiamo 56 clienti in tutto il mondo: oltre all’Italia, in Germania, Svizzera, Belgio, Olanda, Spagna, Francia, Australia, Stati Uniti, Hong Kong, Singapore, Giappone”.

E insieme al sistema all in one, il team di Zehus ne sta studiando altri: “Stiamo realizzando altri brevetti sull’integrazione uomo-macchina nei mezzi a moto impulsivo, come il monopattino e la sedia a rotelle. Inoltre, stiamo anche lavorando per ottenere una bici ibrida seriale, in cui la persona genera energia pedalando e il motore elettrico la spinge. In questa modalità, si scollegano i pedali dalla ruota dietro, non c’è più catena perché non serve un sistema di trasmissione. Si perde un po’ la resa, ma si aumenta di molto la flessibilità. Un altro sistema che stiamo realizzando permetterà di simulare le grandi salite, anche se ci si trova al parco: molti hanno già provato a farlo scontrandosi con la mancanza di hardware. Noi lo stiamo disegnando”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende