Home » Campioni d'Italia »Green Economy »Rubriche » Zehus: la bici ibrida che si ricarica pedalando:

Zehus: la bici ibrida che si ricarica pedalando

Ci sono la bici muscolare e quella elettrica. Lo spazio in mezzo a questi due opposti era rimasto vuoto fino a pochi anni fa, quando Giovanni Alli, 30 anni, ingegnere, durante il suo dottorato al Politecnico di Milano si è messo in testa di provare a dar vita a una bici ibrida. Zehus, il sistema che permette di ottenere una bici elettrica che si ricarica pedalando, in grado di far risparmiare il 40% della fatica senza bisogno di essere collegata alla rete elettrica per fare il pieno di energia, sta infatti cambiando il futuro della due ruote.

Flessibile e Made in Italy, è il frutto di un lungo lavoro – e numerosi brevetti – intorno ad alcune innovazioni chiave: “In primo luogo la bici con sistema Zehus è capace di essere un mezzo ibrido, risparmiando energia, senza bisogno di ricarica. Il sistema è inoltre all in one: motore, portabatteria e interfaccia con l’utente sono integrati in un solo componente, collocato nella ruota posteriore, con un peso di soli 3 chili. Inoltre, per integragire con la bici si usa lo smartphone, attraverso il quale si possono anche attivare servizi aggiuntivi come il blocco della ruota o la diagnosi di eventuali guasti in tempo reale”, spiega Giovanni Alli, che nel 2013 ha fondato la società spin off del Politecnico milanese Zehus, dove oggi lavorano 15 persone. “L’idea è nata facendo un parallelismo con quello che era già accaduto nel campo delle auto, dove si erano affermato ibride come la Toyota Prius, in cui il motore a combustione supporta quello elettrico, e ibride seriali, in cui il motore a combustione ricarica solo le batterie. Il motore a combustione interna è simile al motore-uomo: entrambi hanno differenze di resa durante un percorso, ed entrambi possono affiancarsi a un motore elettrico”.

Ma come funziona di preciso Zehus? “Così come depositiamo i nostri risparmi sul conto in banca, l’energia viene immagazzinata nella batteria. Quando il sistema capisce che il ciclista ha una buona efficienza, ricarica la batteria. Quando invece l’utente pedala con una bassa efficienza, il sistema lo aiuta e spinge. In sostanza, in pianura una piccola parte dello sforzo del ciclista viene destinata alla ricarica della batteria, mentre in salita è la batteria a fornire al ciclista una spinta in più”, continua Alli. Oltre al sistema all-in-one collocato nella ruota di dietro, anche il software ha un ruolo molto importante: “Deve tenere conto sia dell’efficienza, sia del feeling: abbiamo messo a punto un sistema che permette di stimare diversi parametri, tra cui la pendenza e lo sforzo che si sta facendo. Altre caratteristiche le stiamo ancora sviluppando, ma il software sarà sempre aggiornabile”.

Innovazioni coperte da diverse brevetti e premiate con importanti riconoscimenti, come il primo premio della fiera China Cycle di Shangai, dove Zehus è stato nominato prodotto più innovativo del salone. “Nel 2011 abbiamo depositato il primo brevetto, riguardante l’integrazione di sistema, gli algoritmi e l’ottimizzazione energetica”. Zehus è tutto prodotto in Italia: “Abbiamo creato una filiera di aziende tra Brescia, Varese, Genova, Vicenza e Torino. Per noi il controllo della qualità e l’affidabilità sono molto importanti: per questo anche in futuro puntiamo a mantenere la produzione nel nostro Paese”.

Per il lancio sul mercato, il team di Zehus ha deciso di rivolgersi direttamente alle aziende: “Vendiamo il nostro sistema all-in-one ai produttori di bici, che lo montano sui loro modelli. Offriamo a tutti una prova, che di solito va a buon fine e porta alle prime forniture. Al momento lavoriamo con piccoli e medi clienti, ma alcuni grandi gruppi sono interessati a noi e questo ci apre buone prospettive di crescita per il futuro”. A dicembre 2014, a sei mesi dal lancio, la società aveva già venduto mille pezzi. “Nel 2015 contiamo di arrivare a 5.000 pezzi. Oggi contiamo 56 clienti in tutto il mondo: oltre all’Italia, in Germania, Svizzera, Belgio, Olanda, Spagna, Francia, Australia, Stati Uniti, Hong Kong, Singapore, Giappone”.

E insieme al sistema all in one, il team di Zehus ne sta studiando altri: “Stiamo realizzando altri brevetti sull’integrazione uomo-macchina nei mezzi a moto impulsivo, come il monopattino e la sedia a rotelle. Inoltre, stiamo anche lavorando per ottenere una bici ibrida seriale, in cui la persona genera energia pedalando e il motore elettrico la spinge. In questa modalità, si scollegano i pedali dalla ruota dietro, non c’è più catena perché non serve un sistema di trasmissione. Si perde un po’ la resa, ma si aumenta di molto la flessibilità. Un altro sistema che stiamo realizzando permetterà di simulare le grandi salite, anche se ci si trova al parco: molti hanno già provato a farlo scontrandosi con la mancanza di hardware. Noi lo stiamo disegnando”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende