Home » Rubriche »Very Important Planet » Zero carbone e zero povertà, la ricetta di Muhammad Yunus, il banchiere dei poveri:

Zero carbone e zero povertà, la ricetta di Muhammad Yunus, il banchiere dei poveri

luglio 10, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Dare i soldi solo ai poveri e salvare il pianeta. E’ questa la missione – piuttosto ambiziosa – dell’economista indiano Muhammad Yunus che dal 1976 apre le porte del microcredito alle persone indigenti e in particolare alle donne. Una svolta che lo portato a ricevere il Premio Nobel per la Pace 2006 grazie  al gran lavoro della Grameen Bank che è riuscita a prestare miliardi di dollari a milioni di persone in difficoltà. Indigenti diventati piccoli imprenditori e votati ad imprese rispettose dell’ambiente. Abbiamo incontrato il professor Yunus a Bologna, dove opera la Fondazione Grameen Italia e dove il Comune gli ha conferito la cittadinanza onoraria.

D) Professor Yunus lei è famoso in tutto il mondo come il “banchiere dei poveri”, ma i progetti a cui concede credito, oltre ad una valenza etica, sono anche caratterizzati da una sostenibilità ambientale?

R) Certo. Non si può fare a meno anche di una valutazione ecologica. La mia teoria dei Tre Zero è basata sulla completa tutela e sostenibilità ambientale. Noi diciamo, chiediamo, vogliamo e perseguiamo Zero Carbone. La decarbonizzazione del pianeta. Bisogna progettare interventi con il minimo impatto sulla terra, contenere al massimo le emissioni. Se non si percorre questa strada, se non si rivoluziona il sistema il mondo non sarà più sostenibile. Noi abbiamo creato l’economia del CO2, ora dobbiamo togliere il Co2 con ‘’zero carbon emissions’’.

D) Quali sono gli altri due zero che individua come obiettivi da raggiungere?

R) Per avere uno sviluppo veramente sostenibile è necessario raggiungere Zero Povertà. Essere umano e povertà  è un ossimoro. Il mio obiettivo è aprire dei musei dedicati alla povertà per far vedere alle prossime generazioni questo fenomeno che deve essere combattuto per sradicare questa condizione non degna per le persone.

D) E il terzo tassello di questo progetto?

R) E’ necessario ridurre a Zero la Disoccupazione. A nessuno al mondo deve mancare un lavoro e il destino di un uomo non può essere deciso da un altro. Noi siamo creatori e creativi, dobbiamo rendere disoccupata la disoccupazione. Chiunque dovrebbe avere l’opportunità di prepararsi sia a creare lavoro che a cercarne. Creare disoccupazione  significa non riconoscere valore alla persona, significa punirla paralizzandola.

D) Molti imprenditori pensano ancora che l’impresa non sia compatibile con uno sviluppo sostenibile e rispettoso della natura e preferiscono l’intervento dello Stato. Lei al contrario punta sullo spirito imprenditoriale delle persone,  vuole rafforzare il business anche se lo chiama social business

R)  Un business sociale perché credo che ci debba essere e c’è  un ritorno sociale dall’investimento scollegato dal profitto. C’è chi mi dice che se vogliamo aiutare i poveri bisogna fare la carità. Ma la carità non torna indietro, non crea altro business. Abbiamo un motore che è l’impresa e dobbiamo usarlo per creare altre opportunità e per fare questo in modo sociale e sostenibile è necessario  che il valore resti nell’azienda.  Gli aiuti statali sono un ottimo strumento per dare aiuto, ma non sono sostenibili perché i soldi dei sussidi non tornano indietro. Al contrario  i soldi del social business possono essere usati all’infinito perché creano imprese sostenibili  che si autoalimentano. Gli esseri umani non nascono impiegati, ma imprenditori!

D) Gli istituti bancari convenzionali nei progetti di sviluppo puntano ai ricchi, voi con la Grameen Bank avete un approccio alternativo…

R) Pensiamo al sistema bancario: gli istituti tradizionali prestano, appunto, ai ricchi, noi solo ai poveri. Non è solo teoria. Io nel 1976 mi sono chiesto perché il credito non arrivava a tutti, ho studiato il fenomeno, ho sperimentato e sono riuscito nell’obiettivo. Il sistema ha funzionato non solo nella mia cittadina, ma in tutto il mondo. Anche negli  Stati Uniti facciamo la stessa cosa. Abbiamo prestato a milioni di donne che hanno ripagato il credito concesso. Dobbiamo ridisegnare il sistema bancario. Noi non chiediamo garanzie finanziarie ma diamo fiducia.

D) Sostenete anche progetti di tutela ambientale?

R) Si riteniamo fondamentale collegare la difesa dell’ambiente con la creatività delle persone a cui concediamo fiducia e diamo credito. Fa parte del nostro progetto che punta alla sostenibilità complessiva del pianeta.

D) A proposito di banche e debiti, da settimane l’Unione Europea è in tensione per i problemi economici della Grecia. Lei cosa ne pensa?

R) L’Unione Europea è stato un buon esempio di cooperazione per tutto il mondo. Bisogna restare insieme, nessun paese deve uscire dal programma anche perché questa eventualità può creare dei problemi in tutto il mondo. Bisogna trovare il modo di lavorare insieme per evitare questa eventualità. L’Europa è una grande idea da difendere.

Gian Basilio Nieddu

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende