Home » Rubriche »Very Important Planet » Zero carbone e zero povertà, la ricetta di Muhammad Yunus, il banchiere dei poveri:

Zero carbone e zero povertà, la ricetta di Muhammad Yunus, il banchiere dei poveri

luglio 10, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Dare i soldi solo ai poveri e salvare il pianeta. E’ questa la missione – piuttosto ambiziosa – dell’economista indiano Muhammad Yunus che dal 1976 apre le porte del microcredito alle persone indigenti e in particolare alle donne. Una svolta che lo portato a ricevere il Premio Nobel per la Pace 2006 grazie  al gran lavoro della Grameen Bank che è riuscita a prestare miliardi di dollari a milioni di persone in difficoltà. Indigenti diventati piccoli imprenditori e votati ad imprese rispettose dell’ambiente. Abbiamo incontrato il professor Yunus a Bologna, dove opera la Fondazione Grameen Italia e dove il Comune gli ha conferito la cittadinanza onoraria.

D) Professor Yunus lei è famoso in tutto il mondo come il “banchiere dei poveri”, ma i progetti a cui concede credito, oltre ad una valenza etica, sono anche caratterizzati da una sostenibilità ambientale?

R) Certo. Non si può fare a meno anche di una valutazione ecologica. La mia teoria dei Tre Zero è basata sulla completa tutela e sostenibilità ambientale. Noi diciamo, chiediamo, vogliamo e perseguiamo Zero Carbone. La decarbonizzazione del pianeta. Bisogna progettare interventi con il minimo impatto sulla terra, contenere al massimo le emissioni. Se non si percorre questa strada, se non si rivoluziona il sistema il mondo non sarà più sostenibile. Noi abbiamo creato l’economia del CO2, ora dobbiamo togliere il Co2 con ‘’zero carbon emissions’’.

D) Quali sono gli altri due zero che individua come obiettivi da raggiungere?

R) Per avere uno sviluppo veramente sostenibile è necessario raggiungere Zero Povertà. Essere umano e povertà  è un ossimoro. Il mio obiettivo è aprire dei musei dedicati alla povertà per far vedere alle prossime generazioni questo fenomeno che deve essere combattuto per sradicare questa condizione non degna per le persone.

D) E il terzo tassello di questo progetto?

R) E’ necessario ridurre a Zero la Disoccupazione. A nessuno al mondo deve mancare un lavoro e il destino di un uomo non può essere deciso da un altro. Noi siamo creatori e creativi, dobbiamo rendere disoccupata la disoccupazione. Chiunque dovrebbe avere l’opportunità di prepararsi sia a creare lavoro che a cercarne. Creare disoccupazione  significa non riconoscere valore alla persona, significa punirla paralizzandola.

D) Molti imprenditori pensano ancora che l’impresa non sia compatibile con uno sviluppo sostenibile e rispettoso della natura e preferiscono l’intervento dello Stato. Lei al contrario punta sullo spirito imprenditoriale delle persone,  vuole rafforzare il business anche se lo chiama social business

R)  Un business sociale perché credo che ci debba essere e c’è  un ritorno sociale dall’investimento scollegato dal profitto. C’è chi mi dice che se vogliamo aiutare i poveri bisogna fare la carità. Ma la carità non torna indietro, non crea altro business. Abbiamo un motore che è l’impresa e dobbiamo usarlo per creare altre opportunità e per fare questo in modo sociale e sostenibile è necessario  che il valore resti nell’azienda.  Gli aiuti statali sono un ottimo strumento per dare aiuto, ma non sono sostenibili perché i soldi dei sussidi non tornano indietro. Al contrario  i soldi del social business possono essere usati all’infinito perché creano imprese sostenibili  che si autoalimentano. Gli esseri umani non nascono impiegati, ma imprenditori!

D) Gli istituti bancari convenzionali nei progetti di sviluppo puntano ai ricchi, voi con la Grameen Bank avete un approccio alternativo…

R) Pensiamo al sistema bancario: gli istituti tradizionali prestano, appunto, ai ricchi, noi solo ai poveri. Non è solo teoria. Io nel 1976 mi sono chiesto perché il credito non arrivava a tutti, ho studiato il fenomeno, ho sperimentato e sono riuscito nell’obiettivo. Il sistema ha funzionato non solo nella mia cittadina, ma in tutto il mondo. Anche negli  Stati Uniti facciamo la stessa cosa. Abbiamo prestato a milioni di donne che hanno ripagato il credito concesso. Dobbiamo ridisegnare il sistema bancario. Noi non chiediamo garanzie finanziarie ma diamo fiducia.

D) Sostenete anche progetti di tutela ambientale?

R) Si riteniamo fondamentale collegare la difesa dell’ambiente con la creatività delle persone a cui concediamo fiducia e diamo credito. Fa parte del nostro progetto che punta alla sostenibilità complessiva del pianeta.

D) A proposito di banche e debiti, da settimane l’Unione Europea è in tensione per i problemi economici della Grecia. Lei cosa ne pensa?

R) L’Unione Europea è stato un buon esempio di cooperazione per tutto il mondo. Bisogna restare insieme, nessun paese deve uscire dal programma anche perché questa eventualità può creare dei problemi in tutto il mondo. Bisogna trovare il modo di lavorare insieme per evitare questa eventualità. L’Europa è una grande idea da difendere.

Gian Basilio Nieddu

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende