Home » Rubriche »Very Important Planet » Zero carbone e zero povertà, la ricetta di Muhammad Yunus, il banchiere dei poveri:

Zero carbone e zero povertà, la ricetta di Muhammad Yunus, il banchiere dei poveri

luglio 10, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Dare i soldi solo ai poveri e salvare il pianeta. E’ questa la missione – piuttosto ambiziosa – dell’economista indiano Muhammad Yunus che dal 1976 apre le porte del microcredito alle persone indigenti e in particolare alle donne. Una svolta che lo portato a ricevere il Premio Nobel per la Pace 2006 grazie  al gran lavoro della Grameen Bank che è riuscita a prestare miliardi di dollari a milioni di persone in difficoltà. Indigenti diventati piccoli imprenditori e votati ad imprese rispettose dell’ambiente. Abbiamo incontrato il professor Yunus a Bologna, dove opera la Fondazione Grameen Italia e dove il Comune gli ha conferito la cittadinanza onoraria.

D) Professor Yunus lei è famoso in tutto il mondo come il “banchiere dei poveri”, ma i progetti a cui concede credito, oltre ad una valenza etica, sono anche caratterizzati da una sostenibilità ambientale?

R) Certo. Non si può fare a meno anche di una valutazione ecologica. La mia teoria dei Tre Zero è basata sulla completa tutela e sostenibilità ambientale. Noi diciamo, chiediamo, vogliamo e perseguiamo Zero Carbone. La decarbonizzazione del pianeta. Bisogna progettare interventi con il minimo impatto sulla terra, contenere al massimo le emissioni. Se non si percorre questa strada, se non si rivoluziona il sistema il mondo non sarà più sostenibile. Noi abbiamo creato l’economia del CO2, ora dobbiamo togliere il Co2 con ‘’zero carbon emissions’’.

D) Quali sono gli altri due zero che individua come obiettivi da raggiungere?

R) Per avere uno sviluppo veramente sostenibile è necessario raggiungere Zero Povertà. Essere umano e povertà  è un ossimoro. Il mio obiettivo è aprire dei musei dedicati alla povertà per far vedere alle prossime generazioni questo fenomeno che deve essere combattuto per sradicare questa condizione non degna per le persone.

D) E il terzo tassello di questo progetto?

R) E’ necessario ridurre a Zero la Disoccupazione. A nessuno al mondo deve mancare un lavoro e il destino di un uomo non può essere deciso da un altro. Noi siamo creatori e creativi, dobbiamo rendere disoccupata la disoccupazione. Chiunque dovrebbe avere l’opportunità di prepararsi sia a creare lavoro che a cercarne. Creare disoccupazione  significa non riconoscere valore alla persona, significa punirla paralizzandola.

D) Molti imprenditori pensano ancora che l’impresa non sia compatibile con uno sviluppo sostenibile e rispettoso della natura e preferiscono l’intervento dello Stato. Lei al contrario punta sullo spirito imprenditoriale delle persone,  vuole rafforzare il business anche se lo chiama social business

R)  Un business sociale perché credo che ci debba essere e c’è  un ritorno sociale dall’investimento scollegato dal profitto. C’è chi mi dice che se vogliamo aiutare i poveri bisogna fare la carità. Ma la carità non torna indietro, non crea altro business. Abbiamo un motore che è l’impresa e dobbiamo usarlo per creare altre opportunità e per fare questo in modo sociale e sostenibile è necessario  che il valore resti nell’azienda.  Gli aiuti statali sono un ottimo strumento per dare aiuto, ma non sono sostenibili perché i soldi dei sussidi non tornano indietro. Al contrario  i soldi del social business possono essere usati all’infinito perché creano imprese sostenibili  che si autoalimentano. Gli esseri umani non nascono impiegati, ma imprenditori!

D) Gli istituti bancari convenzionali nei progetti di sviluppo puntano ai ricchi, voi con la Grameen Bank avete un approccio alternativo…

R) Pensiamo al sistema bancario: gli istituti tradizionali prestano, appunto, ai ricchi, noi solo ai poveri. Non è solo teoria. Io nel 1976 mi sono chiesto perché il credito non arrivava a tutti, ho studiato il fenomeno, ho sperimentato e sono riuscito nell’obiettivo. Il sistema ha funzionato non solo nella mia cittadina, ma in tutto il mondo. Anche negli  Stati Uniti facciamo la stessa cosa. Abbiamo prestato a milioni di donne che hanno ripagato il credito concesso. Dobbiamo ridisegnare il sistema bancario. Noi non chiediamo garanzie finanziarie ma diamo fiducia.

D) Sostenete anche progetti di tutela ambientale?

R) Si riteniamo fondamentale collegare la difesa dell’ambiente con la creatività delle persone a cui concediamo fiducia e diamo credito. Fa parte del nostro progetto che punta alla sostenibilità complessiva del pianeta.

D) A proposito di banche e debiti, da settimane l’Unione Europea è in tensione per i problemi economici della Grecia. Lei cosa ne pensa?

R) L’Unione Europea è stato un buon esempio di cooperazione per tutto il mondo. Bisogna restare insieme, nessun paese deve uscire dal programma anche perché questa eventualità può creare dei problemi in tutto il mondo. Bisogna trovare il modo di lavorare insieme per evitare questa eventualità. L’Europa è una grande idea da difendere.

Gian Basilio Nieddu

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende