Home » Rubriche »Very Important Planet » Zizola: “Le peggiori ingiustizie dove c’è violenza sull’ambiente”:

Zizola: “Le peggiori ingiustizie dove c’è violenza sull’ambiente”

maggio 24, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Francesco Zizola, romano, classe 1962, di certo è uno che si sporca le mani. Nella sua lunga carriera ha fotografato le principali crisi e i conflitti più crudi nel mondo negli ultimi 25 anni. Ai margini della notizia, ha documentato l’Africa, l’Oriente e le guerre del Medio Oriente, il conflitto perenne tra la Palestina e Israele, che non è fatto solo di missili, bombe, kamikaze. Pluripremiato (con nove World Press Photo e quattro Picture of the Year International), è autore di numerosi libri, tra cui “Born somewhere” sulla condizione dell’infanzia in 27 paesi. Nel 2003 Henri Cartier Bresson include una sua fotografia tra le sue 100 preferite.

A Torino, al Museo di Scienze Naturali, rimarrà aperta fino al 16 giugno la sua personale. Un viaggio nel mondo attraverso gli occhi di chi soffre. Perché, come diceva Bulgakov, “la lingua può nascondere la verità, ma gli occhi mai”.

D) Zizola, per lei i paesaggi sono prima di tutto gli uomini dentro i paesaggi. Che rapporto c’è tra uomo e natura?

R) Già in passato ma sempre di più oggi è cresciuto il mio interesse specifico per la comprensione del dolore che muove da questa relazione. Quando c’è ignoranza e deliberata violenza applicata all’ambiente che ci accoglie, si scatenano le peggiori ingiustizie che mai potremmo immaginare. I soprusi, gli sfruttamenti, gli omicidi barbari.

D) Colpisce allo stomaco, guardando alcune delle sue foto, la scelta di documentare il conflitto arabo-israeliano attraverso la lente d’ingrandimento delle risorse idriche. Gli scivoli al parco giochi in Israele, la siccità totale 10 chilometri più in là.

R) E’ una delle delle storie più forti realizzate negli ultimi anni. Questa guerra tra uomini impone uno sfruttamento cieco delle risorse per motivi politici, a scapito della parte più debole della popolazione. Non è vero che di acqua ce n’è poca, la gestione politica univoca da parte del paese dominante, che in questo momento ha il potere di affermare con le armi sua supremazia, è criminale. Raccontare questa guerra significa fotografare le sproporzioni immense tra i due popoli. Immagini di ragazzi adolescenti felici e allegri al parco acquatico, per l’ora di nuoto dentro un insediamento occupato, considerato abusivo dalla comunità internazionale, e, poche decine di metri più in là, le cisterne blu sui tetti dei palestinesi per raccogliere i 50 litri alla settimana che è concesso loro di utilizzare. Le colture di watermelon, kiwi e uva, e la privazione totale.

D) Un esempio non isolato. Ci racconta dell’Africa, dell’ex Unione Sovietica?

R) Le relazioni distopiche tra gli uomini e l’ambiente sono un po’ ovunque. La miopia con cui, in tempi remoti, si guerreggiava per la produzione del cotone, con cui nell’ex Unione sovietica si versavano nell’acqua pesticidi tremendi nel lago d’Aral, che hanno ucciso i vegetali e stanno mettendo in ginocchio intere popolazioni, infilandosi persino nel latte materno, è un vero e proprio disastro ecologico. Anche la Cina finora ha avuto disprezzo per l’ambiente.

D) Ha qualche progetto sul nostro Paese?

R) Sto lavorando a un sopruso gravissimo che si consuma nel Mediterraneo. Il continuo progressivo pericolosissimo impoverimento della vita del mare, provocata dalla disattenzione verso i rifiuti, dallo sconsiderato prelievo delle specie ittiche, per soddisfare la grande industria globalizzata contemporanea del cibo. Non riflettiamo più su cosa mangiamo, seguiamo le mode, gli imput slegati dalla realtà. Il tonno pinna gialla è a rischio estinzione, con la sua carne pregiatissima, per soddisfare le tavole di coreani e giapponesi. Oggi i tonni sono pescati prima che arrivino lungo rotte della riproduzione conosciute fin dall’antichità, su commissione di società giapponesi e coreane. Con la totale impotenza della comunità dei pescatori, che iniziano a soffrire della mancanza di pesce. Pescati coi satelliti, i tonni vengono surgelati e diventano sushi venduti in Giappone per migliaia di dollari al chilo.

Letizia Tortello

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende