Home » Rubriche »Very Important Planet » Zizola: “Le peggiori ingiustizie dove c’è violenza sull’ambiente”:

Zizola: “Le peggiori ingiustizie dove c’è violenza sull’ambiente”

maggio 24, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Francesco Zizola, romano, classe 1962, di certo è uno che si sporca le mani. Nella sua lunga carriera ha fotografato le principali crisi e i conflitti più crudi nel mondo negli ultimi 25 anni. Ai margini della notizia, ha documentato l’Africa, l’Oriente e le guerre del Medio Oriente, il conflitto perenne tra la Palestina e Israele, che non è fatto solo di missili, bombe, kamikaze. Pluripremiato (con nove World Press Photo e quattro Picture of the Year International), è autore di numerosi libri, tra cui “Born somewhere” sulla condizione dell’infanzia in 27 paesi. Nel 2003 Henri Cartier Bresson include una sua fotografia tra le sue 100 preferite.

A Torino, al Museo di Scienze Naturali, rimarrà aperta fino al 16 giugno la sua personale. Un viaggio nel mondo attraverso gli occhi di chi soffre. Perché, come diceva Bulgakov, “la lingua può nascondere la verità, ma gli occhi mai”.

D) Zizola, per lei i paesaggi sono prima di tutto gli uomini dentro i paesaggi. Che rapporto c’è tra uomo e natura?

R) Già in passato ma sempre di più oggi è cresciuto il mio interesse specifico per la comprensione del dolore che muove da questa relazione. Quando c’è ignoranza e deliberata violenza applicata all’ambiente che ci accoglie, si scatenano le peggiori ingiustizie che mai potremmo immaginare. I soprusi, gli sfruttamenti, gli omicidi barbari.

D) Colpisce allo stomaco, guardando alcune delle sue foto, la scelta di documentare il conflitto arabo-israeliano attraverso la lente d’ingrandimento delle risorse idriche. Gli scivoli al parco giochi in Israele, la siccità totale 10 chilometri più in là.

R) E’ una delle delle storie più forti realizzate negli ultimi anni. Questa guerra tra uomini impone uno sfruttamento cieco delle risorse per motivi politici, a scapito della parte più debole della popolazione. Non è vero che di acqua ce n’è poca, la gestione politica univoca da parte del paese dominante, che in questo momento ha il potere di affermare con le armi sua supremazia, è criminale. Raccontare questa guerra significa fotografare le sproporzioni immense tra i due popoli. Immagini di ragazzi adolescenti felici e allegri al parco acquatico, per l’ora di nuoto dentro un insediamento occupato, considerato abusivo dalla comunità internazionale, e, poche decine di metri più in là, le cisterne blu sui tetti dei palestinesi per raccogliere i 50 litri alla settimana che è concesso loro di utilizzare. Le colture di watermelon, kiwi e uva, e la privazione totale.

D) Un esempio non isolato. Ci racconta dell’Africa, dell’ex Unione Sovietica?

R) Le relazioni distopiche tra gli uomini e l’ambiente sono un po’ ovunque. La miopia con cui, in tempi remoti, si guerreggiava per la produzione del cotone, con cui nell’ex Unione sovietica si versavano nell’acqua pesticidi tremendi nel lago d’Aral, che hanno ucciso i vegetali e stanno mettendo in ginocchio intere popolazioni, infilandosi persino nel latte materno, è un vero e proprio disastro ecologico. Anche la Cina finora ha avuto disprezzo per l’ambiente.

D) Ha qualche progetto sul nostro Paese?

R) Sto lavorando a un sopruso gravissimo che si consuma nel Mediterraneo. Il continuo progressivo pericolosissimo impoverimento della vita del mare, provocata dalla disattenzione verso i rifiuti, dallo sconsiderato prelievo delle specie ittiche, per soddisfare la grande industria globalizzata contemporanea del cibo. Non riflettiamo più su cosa mangiamo, seguiamo le mode, gli imput slegati dalla realtà. Il tonno pinna gialla è a rischio estinzione, con la sua carne pregiatissima, per soddisfare le tavole di coreani e giapponesi. Oggi i tonni sono pescati prima che arrivino lungo rotte della riproduzione conosciute fin dall’antichità, su commissione di società giapponesi e coreane. Con la totale impotenza della comunità dei pescatori, che iniziano a soffrire della mancanza di pesce. Pescati coi satelliti, i tonni vengono surgelati e diventano sushi venduti in Giappone per migliaia di dollari al chilo.

Letizia Tortello

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende