Home » Eventi »Recensioni » Cibo e futuro del pianeta: il 18° CinemAmbiente apre con il film-evento “10 Billion”:

Cibo e futuro del pianeta: il 18° CinemAmbiente apre con il film-evento “10 Billion”

ottobre 7, 2015 Eventi, Recensioni

L’uomo non è più ciò che mangia. Non sa più cosa mangia. Forse perché non sa più chi è”. È l’ecotalk del professor Andrea Segrè, massimo esperto italiano di spreco alimentare, ad aprire a Torino la 18° edizione di CinemAmbiente. Eccezionalmente spostato ad ottobre, per intercettare – come ha spiegato l’assessore all’Ambiente Enzo Lavolta – il Forum Mondiale sullo Sviluppo Locale e l’arrivo del segretario generale dell’ONU, il festival di Gaetano Capizzi dedica quest’anno un’attenzione particolare al tema “cibo”.

Non che negli ultimi mesi se ne sia poco discusso. Ma nell’Italia dell’Expo, fra scorpacciate di insetti e pesci palla, padiglioni luna-park e pizze chilometriche, leccornie che costano come un gioiello e hamburger di McDonald, l’argomento sembra aver preso la piega della spettacolarizzazione. “La parola cibo ha smarrito il suo significato originario”, ha ricordato Segrè, prima di lanciarsi in una divertente e documentatissima lecture sul tema dell’anno. Cibo sprecato, negato, distrutto, cibo dietetico o ipercalorico, cibo alto e cibo basso, cibo spadellato in tv o esposto in mastodontiche sagre planetarie: “Ora però – ha concluso il professore – avremmo bisogno di un cibo educato”.

Tolto di mezzo il luna-park, CinemAmbiente mette allora l’accento su educazione e consapevolezza, partendo con un regista che ha dedicato diversi anni del suo lavoro a scoprire, studiare e spiegare i meccanismi dell’industria alimentare globale. Già autore di Taste the Waste (2011) e Foodsavers (2013), il tedesco Valentin Thurn, componendo un’ideale trilogia, torna ancora sull’argomento con 10 Billion – What’s on Your Plate?. “Il film è un sequel – racconta Thurn in collegamento via Skype, davanti a una platea gremita – La gente mi chiedeva di spiegare perché così tanto cibo oggi venga sprecato, mi chiedeva di trovare delle risposte, delle possibili soluzioni. Così mi sono messo in viaggio”.

10 Billion è appunto un lungo viaggio intorno al mondo, il cui itinerario è tracciato seguendo una catena di domande e risposte, il filo logico di un ragionamento che cerca di arrivare al cuore del sistema cibo. Thurn si pone le domande che ogni suo spettatore potrebbe farsi, ma ha il privilegio di poter andare a cercare le risposte a migliaia di chilometri di distanza, da un capo all’altro del pianeta. La prima domanda, quella cruciale, quella che ci perseguita come un incubo, quella che campeggia – insoluta – nelle agende di tutti potenti della Terra, è: cosa mangeremo quando, a metà del secolo, la popolazione mondiale raggiungerà i 10 miliardi?

Considerato che il mercato alimentare mondiale è controllato, per tre quarti, da una decina di multinazionali, il punto di partenza è presto trovato. La base della piramide non sono i campi coltivati, ma l’industria delle sementi, attualmente cuore caldo del dibattito sugli Ogm. Ma se nei laboratori di ricerca della Bayer sono convinti che l’unico modo per evitare una guerra globale per il cibo sia creare semi ibridi dalla super-resa, così non la pensa ad esempio l’indiana Kusum Misra, che, ispirandosi a Vandana Shiva, ha fondato una banca dei semi per rendere indipendenti gli agricoltori del suo paese.

Dalle risaie indiane alle fattorie biologiche tedesche, passando per le coltivazioni estensive di soia che letteralmente stanno rubando la terra agli africani (il famigerato land grabbing), l’agricoltura oggi è intrappolata in un dilemma: da una parte c’è il sistema industriale, che produce molto, ma consuma troppo in termini di suolo, acqua, energia, risorse naturali e ambientali; dall’altra, l’agricoltura biologia, che rispetta l’ambiente ed è certo più salutare, ma ha una resa decisamente inferiore (-25%). Thurn è chiaramente innamorato della seconda, ma ha l’onestà di chiedersi se sia una soluzione sufficiente quando la si estenda su scala globale.

Il nodo cruciale – ragiona il regista – non è quanto, ma cosa mangiamo. Finché mangeremo carne (e ne mangeremo sempre di più, come dimostra la crescita dell’industria del pollame in un paese tradizionalmente vegetariano come l’India), le risorse in gioco saranno sempre troppe. Oggi più di un terzo della terra coltivabile è utilizzato per produrre mangimi per bestiame. “Se tutta la popolazione mondiale consumasse tanta carne quanta se ne consuma nei paesi occidentali, avremmo bisogno delle risorse di tre pianeti”. Thurn si mette allora sulle tracce delle soluzioni più tecnologiche e avveniristiche per eliminare la dipendenza dalle risorse naturali, andando a curiosare in una asettica ed efficientissima fabbrica di insalata giapponese, che impacchetta nove raccolti all’anno senza utilizzare neanche un metro quadrato di terra, o assaggiando un pionieristico hamburger sintetico, in tutto e per tutto uguale alla carne, ma prodotto da cellule staminali in un fantascientifico centro di ricerca di Maastricht.

Che sia il cibo del futuro? Forse, ma di sicuro non fino a quando una polpetta costerà quanto una vacanza ai Caraibi. Perché l’ultima, ma fondamentale questione affrontata dal film, in un mondo in cui la forbice della diseguaglianza sociale è sempre più ampia, è proprio l’accessibilità al cibo. Speculazione e finanza non dovrebbero dettare legge in un settore in cui la “merce” è necessità vitale per ogni essere umano. Si fa strada allora, come ideale soluzione a sprechi, diseguaglianze e sostenibilità, la via dell’autoproduzione e dell’auto-sostentamento. Una visione di mondo in cui, dal piccolo villaggio africano alle transition town europee, dalla comunità di contadini indiani alla fattoria urbana di Milwaukee, dai tedeschi CSA (Community Supported Agriculture) alle azioni di guerrilla gardening di un’intraprendente signora inglese (Incredible Edible), siano i consumatori ad interessarsi in prima persona, e sporcandosi le mani con la terra, di cosa andrà a finire nei loro piatti.

Giorgia Marino

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende