Home » Idee »Rubriche »Very Important Planet » La partitura come squarcio naturale. Intervista a Evelino Pidò:

La partitura come squarcio naturale. Intervista a Evelino Pidò

maggio 21, 2010 Idee, Rubriche, Very Important Planet

Evelino Pidò, Courtesy of Haydn.itEvelino Pidò è un direttore d’orchestra di fama internazionale. Il suo successo è legato all’ispirazione che trae dalla natura, con i suoi suoni e la sua armonia. Torinese, da anni porta la propria musica in giro per il mondo.  “Sono uno zingaro di lusso, il mio lavoro mi fa viaggiare molto e ho notato che all’estero c’è una maggiore attenzione ai temi legati alla sostenibilità ambientale. Specialmente a Ginevra, dove un forte senso civico spinge le persone a rispettarsi tra di loro e a prendersi cura della natura”.

D) Maestro Pidò, che rapporto ha con la natura?

R) La amo molto. Ho la fortuna di abitare in collina, a  Cavoretto, un piccolo borgo di mille anime immerso nel verde, al limite del Parco Europa. Vivo in un ambiente sano e tranquillo non lontano da una città come Torino. La mia casa è a due passi dalla chiesa del paese e il rintocco delle campane ogni mezz’ora non mi disturba affatto, anzi, è una piacevole compagnia.

D) Quindi la natura fa parte del suo vivere quotidiano.

R) Fin da piccolo i miei genitori mi hanno dato un’educazione improntata alla generosità e al rispetto del prossimo e dell’ambiente. Mi è stato insegnato che un viale alberato, la sponda di un fiume o una semplice passseggiata in campagna racchiudono una grande ricchezza. Personalmente non mi ritengo una persona con il pollice verde, ma mi piace raccogliere le rose dal mio giardino e sistemarle in un vaso. Ho anche un piccolo frutteto e a giugno prenderò una scala e andrò a cogliere le ciliegie.

D) Il suo lavoro la porta in giro per il mondo, ma Torino resta la sua città. Come la giudica in quanto a pratiche di sostenibilità ambientale?

R) Mi da l’impressione che venga data maggiore importanza a fattori di tipo estetico e che la tutela ambientale sia un po’ trascurata. Si ristrutturano le facciate dei palazzi nel centro storico mentre le politiche di sostenibilità e rispetto della natura passano in secondo piano. Credo che sia una questione di educazione. Ho due figlie che vanno a scuola e noto che c’è una scarsa attenzione ai temi dello sviluppo sostenibile.

D) Con un orecchio come il suo non deve essere facile girare in città a causa dell’inquinamento acustico e dell’assenza totale di silenzio.

R) Il silenzio è musica e purtroppo è una merce sempre più rara nei centri urbani. Ricordo una volta a Napoli, in piazza del Plebiscito non riuscivo a parlare al telefono tanto era forte il frastuono della città. Ho un orecchio molto sensibile e i rumori amplificati mi urtano particolarmente. Le confesso che mi piacerebbe sentire un concerto dei Rolling Stones o di Bruce Springsteen, ma con le casse che vomitano tutti quei decibel non posso andare.

D) Uno studio dell’Università di Madison, nel Wisconsin, ha dimostrato che le mucche producono più latte quando ascoltano Mozart e le piante vengono cullate dalla musica classica. Che interpretazione ne da lei?

R) Il suono è una sorgente viva, è come una luce che penetra. La musica è un dono di Dio e non sono solo le mucche a trarne giovamento. Pensi alla maternità, quando mia moglie era incinta e seguiva un mio concerto anche il feto riceveva dei piacevoli stimoli. In quanto alle piante, ritengo che siano degli esseri viventi e che possono abbeverarsi anche dalla musica, purché non sia violenta.

D) Ha mai tratto ispirazione dai suoni della natura?

R) L’arte ha sempre dei richiami naturalistici. Per me fare musica è come dipingere una tela. Quando studio una partitura cerco di dare ai miei musicisti la rappresentazione di uno squarcio naturale, come il mare, una montagna o il vento che soffia tra gli alberi.

D) Maestro, crede che la musica possa rendere ecologicamente migliore il mondo in cui viviamo?

R) Assolutamente sì. Trovo che sia un dono straordinario e un valido mezzo per mettere l’individuo in armonia con la natura.

Emanuele Satolli

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende