Home » Internazionali »Normative »Politiche »Rassegna Stampa » Lotta al cemento sulle coste del Mediterraneo, arriva piano Onu:

Lotta al cemento sulle coste del Mediterraneo, arriva piano Onu

Coste del Mediterraneo, Courtesy of Pezzi di Vita, Nadia Lucisano,  Flickr.comCon il via libera di Bruxelles alla ratifica si avvicina l’entrata in vigore dell’accordo internazionale legato alla Convenzione di Barcellona, ovvero il protocollo sulla gestione integrata della zona costiera nel Mediterraneo (ICZM).

Slovenia, Francia, Albania e Spagna hanno già ratificato l’accordo e altri procedimenti di valutazione sono in corso. L’Unione europea, afferma una nota del programma Unep/Map, ha portato ora a cinque il numero delle ratifiche e il protocollo entrerà in vigore con sei. A quella data, presumibilmente prossima, il protocollo farà parte, a pieno titolo, della normativa comunitaria, con l’obiettivo di conservare un patrimonio naturale sottoposto a grandi pressioni, come l’ambiente costiero.

Il primo vincolo sarà per l’edificazione, vietata nella fascia dei primi cento metri a ridosso del mare. “Il degrado delle coste – spiega infatti Maria Luisa Silva Mejias, responsabile del programma Unep-Map – può avvenire rapidamente senza accorgercene, ma nel momento in cui ce ne rendiamo conto é già troppo tardi. Il nuovo protocollo contiene strumenti utili e innovativi per aiutare gli Stati ad affrontare le minacce per le coste“.

Presentato alla comunità internazionale nel gennaio del 2008, il protocollo è uno strumento legislativo nato per assicurare che gli interventi umani siano intrapresi preoccupandosi di bilanciare gli obiettivi economici, sociali e ambientali, in una prospettiva di lungo termine. Le coste del Mediterraneo soffrono infatti di gravi pressioni sul fronte ambientale e del degrado delle risorse a causa di sviluppo urbano, turismo, pesca, inquinamento e acquacoltura. Ma soprattutto, il cemento copre oggi già il 40% della superficie costiera.

In attesa dell’entrata in vigore del nuovo trattato, sabato prossimo si festeggerà la Giornata delle Coste del Mediterraneo, alla sua quarta edizione, che sarà celebrata principalmente in Slovenia, ma prevede diverse iniziative anche in altri paesi, come Italia, Grecia, Turchia e Francia. L’obiettivo della giornata, dedicata alla protezione di questo straordinario patrimonio naturale, é far emergere la consapevolezza del valore degli ecosistemi costieri.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende