Home » Nazionali »Politiche » 110% e lode: il Superbonus dà la carica alle “comunità energetiche rinnovabili”:

110% e lode: il Superbonus dà la carica alle “comunità energetiche rinnovabili”

settembre 12, 2020 Nazionali, Politiche

Si aprono nuove opportunità per le “comunità energetiche rinnovabili“. Dopo il Decreto Milleproroghe di inizio anno, che ha dato una definizione precisa a queste associazioni, è arrivata un’altra spinta legislativa (il più recente Decreto Rilancio) che prevede importanti incentivi fiscali per gli impianti realizzati da questi gruppi organizzati di persone o di imprese, organizzazioni che producono e condividono energia pulita e che possono rappresentare una via alternativa per la transizione energetica dell’Italia e un contributo al raggiungimento degli obiettivi sul clima.

Le comunità energetiche rinnovabili, secondo la recente definizione, sono associazioni di cittadini, attività commerciali o imprese che si uniscono per produrre e condividere energia elettrica da fonti pulite. In altre parole, singoli privati, negozi o aziende e uffici nello stesso stabile che decidono di unirsi per dotarsi di un impianto da fonte rinnovabile, con una potenza complessiva non superiore a 200 kW, e condividere l’energia prodotta o per il consumo immediato, utilizzando la linea di distribuzione elettrica esistente, o per stoccarla in sistemi di accumulo (e utilizzarla quando necessario).

Diffuse ormai da diversi anni in alcuni paesi del Nord Europa, come Danimarca e Germania, non sono una novità di quest’anno nemmeno per l’Italia, visto che ad oggi se ne contano già 32 da Nord a Sud, dalle valli alpine, fino alle campagne del Mezzogiorno, secondo l’ultimo rapporto di Legambiente. Tuttavia, grazie alla conversione in legge del Decreto Milleproroghe, nei primi mesi del 2020 si è introdotto anche in Italia il concetto di comunità energetiche, contenuto nella Direttiva Europea RED II (2018/2001/UE), dandone una definizione precisa e dunque il via libera alla loro formazione. Inoltre, la nuova legge ha attribuito una dignità giuridica alle comunità energetiche, stabilendo i diritti dei singoli partecipanti e le modalità di scambio e condivisione di energia.

Un’ulteriore scossa allo sviluppo delle comunità energetiche rinnovabili è arrivata, infine, dal Decreto Rilancio, il cui testo finale, approvato nel corso dell’estate, ha allargato la platea di soggetti beneficiari del Superbonus 110%, includendo anche le comunità energetiche rinnovabili.

Il Superbonus, in generale, è una agevolazione che eleva al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, per specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di installazione di impianti fotovoltaici (come intervento “trainato”), oltre che di interventi antisismici e delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

In particolare, le comunità energetiche rinnovabili possono usufruire della detrazione fiscale per impianti di potenza fino a 200 kW (senza fare riferimento specifico alla tecnologia rinnovabile da adottare, anche se il fotovoltaico sembra essere quella che si presti a sfruttare meglio i vantaggi del provvedimento) come segue: i primi 20 kW hanno accesso al Superbonus (quindi all’aliquota al 110%), mentre per la potenza restante si applica l‘aliquota ordinaria del 50%, secondo quanto precisato dall’Agenzia delle Entrate. Il tutto, entro il limite di spesa complessivo di 96.000 euro. Una soglia che potrebbe non coprire l’intero costo dell’impianto da 200 kW, ma l’incentivo fiscale previsto rappresenta pur sempre un importante passo in avanti per agevolare lo sviluppo di energia pulita a chilometro zero. Senza escludere che, a breve, si possa arrivare a una adeguata remunerazione dell’investimento e dei relativi costi. Si attendono infatti ulteriori interventi legislativi in merito, tra cui quello da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, chiamato a stabilire un incentivo specifico a sostegno di queste configurazioni.

Una possibile ulteriore spinta alle comunità energetiche rinnovabili potrebbe inoltre giungere anche dal Recovery Plan che l’Italia è chiamata a presentare quest’autunno per ottenere quelle risorse finanziarie necessarie al rilancio del paese a seguito della crisi economica innescata dal Covid-19. Una possibile “seconda rivoluzione” della generazione da fonti rinnovabili, attraverso una partecipazione dal basso (una delle novità di questo modello), che potrebbe essere una risposta non solo per sostenere la ripresa economica ma anche per accelerare la transizione energetica del paese prevista dal Green Deal europeo. Anche nel 2019 si è infatti confermato, secondo il rapporto di Legambiente, una crescita dell’energia pulita positiva in Italia, ma ancora troppo lenta, che rende difficile il raggiungimento degli obiettivi ambientali fissati al 2030.

Redazione Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende