Home » Internazionali »Politiche » La guerra del clima:

La guerra del clima

marzo 9, 2010 Internazionali, Politiche

Verso il circo Concordia, Courtesy of Elisabetta2005, Flickr.comDa mesi i climatologi del riscaldamento globale e i loro oppositori si combattono per riaffermare, i primi, la validità dei propri studi, i secondi, la possibilità di avervi accesso e di poterli confutare. A farne le spese è il pubblico di cittadini, che assiste attonito e riceve informazioni contrastanti e frammentarie.

Tutto è cominciato lo scorso novembre, quando sono state diffuse su internet più di 1.000 mail sottratte illegalmente dal server del Centro di Ricerca sul Clima (CRU) della University of East Anglia. Da questa corrispondenza sembra emergere che Phil Jones, capo della CRU, e alcuni suoi colleghi abbiano cercato di falsificare alcuni dati sull’innalzamento delle temperature e di sottrarsi a richieste di diffusione dei dati stessi, per poter avvalorare l’ipotesi dell’influenza umana sui cambiamenti climatici.  

La vicenda è ora affidata ad una commissione parlamentare che stabilirà se i ricercatori hanno commesso reato o meno. Ascoltato in commissione, Jones ha ammesso di aver scritto mail equivoche, ma ha anche fermamente negato l’accusa di aver nascosto e falsificato dati.

Più recentemente, molti hanno contestato errori nell’ultimo rapporto redatto dalla Conferenza Intergovernativa Onu sui Cambiamenti Climatici (IPCC). Due innnazitutto: la previsione della scomparsa dei ghiacciai dell’Himalaya entro il 2035 e la notizia, non verificata, del presunto sprofondamento di metà del territorio dei Paesi Bassi sotto il livello del mare. Queste sviste hanno costretto l’IPCC a scusarsi pubblicamente e annunciare la creazione di un comitato di scienziati indipendenti per verificare le procedure di ricerca.

Il comitato indipendente farà una revisione del lavoro realizzato finora dall’IPCC in vista del quinto rapporto”, ha affermato Nick Nuttall, portavoce del Programma ambientale dell’Onu (Unep), durante la conferenza sui cambiamenti climatici tenutasi a Bali lo scorso dicembre. “I primi risultati dovrebbero essere presentati già ad ottobre, e speriamo che questo metta fine alle polemiche”.

Di fatto, i dubbi sull’attendibilità dei dati istituzionali hanno rilanciato l’opposizione di quanti non credono al principio della responsabilità umana nel processo di riscaldamento globale.

Una delle critiche mosse all’IPCC è quella di utilizzare come fonte anche la letteratura grigia, testi non diffusi dai tradizionali canali editoriali, come denuncia il telegraph.co.uk. In realtà, sono gli stessi scettici a chiedere che il dibattito sul clima comprenda anche fonti non accademiche, ma ugualmente documentabili.

E, se alcuni scienziati hanno scelto di difendersi dalle accuse e di tutelare i propri studi, altri, come la climatologa del Georgia Institute of Technology Judy Curry, incoraggiano una maggiore apertura: “I non addetti devono poter entrare nelle torri d’avorio della scienza, per il suo stesso bene – riporta il Guardian citando Curry – Einstein non ha cominciato la sua carriera a Princeton, ma all’ufficio patenti. Tiriamo dentro i blogger. Probabilmente c’è un Einstein tra loro”.

Dagli esperti e dagli “attivisti” del clima il discorso si allarga ai cittadini, sfiduciati da tanta confusione.

Il New York Times cita uno studio, condotto alla fine di dicembre da due università statunitensi, secondo cui il numero di americani che credono che il cambiamento climatico sia un’invenzione è più che raddoppiato dal 2008, dal 7% al 16%. Un altro 13% di americani è convinto, poi, che anche se il pianeta si stesse riscaldando, sarebbe un risultato dipendente da soli fattori naturali.

Mosse anche da questi segnali di scetticismo alcune istituzioni si stanno dunque sforzando di rendere il loro lavoro più trasparente. L’Agenzia Ufficiale Britannica sul Clima renderà pubblici, per la prima volta, i propri dati sulle temperature, mentre la National Academy of Sciences sta per pubblicare un documento divulgativo per sintetizzare quello che si sa – e non si sa – sui cambiamenti del clima globale.

“Gli scienziati devono continuamente guadagnarsi la fiducia della gente o rischiamo di cadere in un nuovo Medio Evo in cui l’ideologia vince sulla ragione”, ha affermato il responsabile IPCC Rajendra K. Pachauri.

Mariella Li Bergoli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live

PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende