Home » Nazionali »Politiche »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Ilaria D’Amico intervista Mercedes Bresso:

Ilaria D’Amico intervista Mercedes Bresso

Mercedes Bresso courtesy of Uniamo le EnergieArriva un po’ raffreddata, ma puntuale, Ilaria D’Amico, invitata dalla Regione per intervistare la Presidente Mercedes Bresso nell’ambito di Futura: dialoghi intorno all’uomo e al Pianeta.

L’impegno per l’ambiente della Regione Piemonte, esordisce la D’Amico, è nato in tempi non sospetti, quando, per adeguarsi alle direttive dell’UE, ci si è posti l’ambizioso obiettivo di ridurre le emissioni del 20% entro il 2020. Gravissimi incidenti ambientali come Seveso e Chernobyl hanno stimolato il Piemonte verso un economia sensibile all’ambiente.

Erano tempi, spiega Mercedes Bresso, in cui i forti costi per gli interventi di depurazione delle acque, dell’aria e del terreno scoraggiavano le aziende costituendo un ostacolo significativo. Oggi, sicuramente, la tecnologia ha permesso una riduzione delle spese e un’ottimizzazione sul lungo periodo. Anche sul fronte energetico. Per anni si sono utilizzate unicamente le fonti fossili non rinnovabili, mettendo a dura prova le capacità di assorbimento del pianeta e creando danni permanenti. Il cambio di direzione deve puntare sulle fonti energetiche rinnovabili, in particolare sul solare, scommessa – considerata vincente – del Piemonte.

D’amico incalza sul futuro del “partito ambientalista” in Italia e Bresso cautamente risponde con un’esemplificativa panoramica della situazione internazionale: in Germania il partito dei Verdi è arrivato a toccare il 10% e negli Stati Uniti Obama pone il tema della sostenibilità al top delle sue priorità.

Secondo affondo: nucleare sì o nucleare no?Risposta netta: il nucleare resta una “via di garage”, un vicolo cieco. La forte spinta alla ricerca tra gli anni ’50 e ’70 ha subito una battuta d’arresto nel momento in cui i disastri ambientali hanno allarmato l’opinione pubblica e i costi di smantellamento sono ricaduti sui cittadini . In Europa non ci si è fermati solamente a causa della disponibilità degli stati a pagare questi costi. In Italia il possibile ritorno al nucleare ha sollevato problemi su più fronti: dall’apparente incapacità di gestire realtà complesse come la centrale di Caorso, agli ingenti costi di importazione di tecnologie – che talvolta, viene rilevato, risultano superate ed obsolete - alla difficoltà di individuare siti appropriati. In Piemonte l’area che venne scelta per la costruzione di una centrale fu Trino Vercellese, zona di risaie e dunque scarsamente abitata. Rilanciare il nucleare in un’area come questa equivale a condannarla alla desertificazione sociale - più di quanto già non lo sia. Nella malaugurata ipotesi di un incidente si rischierebbe per altro di contaminare, tramite la fitta rete fluviale, l’intera pianura Padana, centro della produzione agricola del nostro paese.

Qual è dunque la proposta alternativa? L’Onu prevede entro il 2050 un aumento della popolazione mondiale pari a circa tre milioni di individui, per cui una soluzione efficiente al problema dell’energia va avanzata. Mercedes Bresso è saldamente ancorata alla prospettiva della ricerca eco-friendly. Sul solare a concentrazione si sono fatti grandi passi avanti e anche il vento, le maree, le biomasse, a suo parere, sono risorse che vanno tenute in seria considerazione. Naturalmente è impossibile pensare ad un’eliminazione completa dell’utilizzo del petrolio, ma una riduzione “sensibile” del ricorso a fonti fossili è quantomeno auspicabile.

La manifestazione “Uniamo le Energie” è, secondo Bresso, un segno tangibile dell’impegno della Regione  per la sensibilizzazione dei cittadini al tema ambientale. La formazione è fondamentale per poter compiere un cammino condiviso: nelle scuole, ma anche nelle aziende. Non dimenticandosi, oltretutto, che il business “eco” è una manna dal cielo in un periodo di crisi come questo. La domanda di tecnici ed esperti cresce. Basti pensare alla progettazione degli impianti e alla loro manutenzione, ma anche al settore dell’auto - fondamentale per l’Italia - dove gli aiuti (tanto criticati) secondo Bresso hanno permesso di incrementare la ricerca sui motori green.

Il Piemonte mira a diventare “fanalino di punta” nella ricerca per la sostenibilità e per raggiungere quest’obiettivo Mercedes Bresso anticipa alcuni nodi centrali delle politiche per l’ambiente che saranno alla base della sua prossima candidatura: separare le acque potabili da quelle per uso igienico nei nuovi quartieri sarebbe, ad esempio, un primo passo per adeguare, successivamente, gli impianti idraulici di tutte le città. Ma centrale rimane in primis la promozione del green thinking.

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende