Home » Idee »Non-Profit »Pratiche »Smart City » Our Secret Garden: un orto urbano nascosto in città:

Our Secret Garden: un orto urbano nascosto in città

maggio 30, 2012 Idee, Non-Profit, Pratiche, Smart City

La Torino grigia e postindustriale, fittamente abitata e ad alta densità edilizia non è del tutto scomparsa, ma sicuramente sta nascendo, da alcuni anni, una città dentro la città che cerca una riqualificazione verde, con l’obiettivo di una maggiore vivibilità. La possibilità di intervenire sui cortili interni degli edifici e inverdirli con orti può rappresentare un passo importante, non solo da un punto di vista ambientale ma anche sociale. Ne abbiamo parlato con l’Arch. Elena Carmagnani dello STUDIO999, artefice, con i colleghi, della di un progetto pilota di orto urbano, che costituisce oggi un interessante caso di studio nazionale.

D) Come nasce l’idea di Our Secret Garden?

R) L’idea è nata dal nostro Studio, in un edificio dell’Ottocento appartenente al quartiere di San Salvario, proprio in un momento di forti contrasti sociali. Abbiamo riqualificato l’edificio storico e nel 2010 abbiamo fatto partire il progetto pilota Orto assieme agli abitanti del condominio: è così che è stato realizzato l’orto sul tetto, con dieci piccoli appezzamenti coltivati. Da oltre dieci anni il nostro Studio è così diventato luogo di incontro e motore della trasformazione di un quartiere difficile, dove c’è spazio tuttavia per attività condivise.

D) Quali sono i vantaggi, dal punto di vista energetico e ambientale, oltre l’evidente valore estetico?

R) L’orto garantisce vantaggi a tutti i livelli: realizzato con isolante e terra, produce un miglioramento energetico in grado di abbassare anche del 30% i costi di riscaldamento e di condizionamento. Vi è poi il vantaggio di un ottimo isolamento e lo sfruttamento della terra come inerte naturale. L’acqua meteorica viene in buona parte assorbita dal terreno e quindi utilizzata in modo cosciente e non sprecata. L’idea sarebbe quella di creare una rete di orti, nelle città e quindi nei relativi cortili, in cui la produzione alimentare potrebbe essere messa a disposizione del quartiere. Ci si potrebbe accordare con i proprietari dei negozi, tramite la vendita e la distribuzione di alcuni prodotti, e si potrebbe pensare ad una vera e propria linea, un brand per questo tipo di prodotto a km 0 , in modo da diffondere questo processo con maggior facilità. San Salvario è un quartiere che si presta molto a questo genere di iniziative, che però richiedono risorse umane e soprattutto competenze tecniche.

D) Come è stata accolta quest’iniziativa dai condomini? Avete riscontrato opposizioni? Magnani sostiene che  ”le buone pratiche non bastano se non sono socialmente condivise”

R) La situazione di partenza qui era ottimale ed è stata, da subito, approcciata in modo favorevole: tutti hanno contribuito, tutti oggi coltivano e raccolgono. Nel caso di privati, la situazione è più facile poiché non si deve chiedere il permesso di nessun altro. Più problematica è la situazione condominiale, in quanto si deve raggiungere un accordo con gli altri condomini. Abbiamo provato, in seguito all’eco che quest’esperienza ha avuto, a fare cose analoghe in altri cortili su richiesta dei cittadini.  Ma ci siamo trovati di fronte a diverse difficoltà perché, anche in situazioni che si presentavano ideali – quali edifici con tetto piano, facilità di accesso, ecc – era quasi un’impresa impossibile convincere gli abitanti che ci sarebbe stato un miglioramento energetico e nei costi. E’ perciò necessario che questo tipo di pratiche sia accompagnato in modo consapevole fin dalla nascita, in modo da far capire a tutti quali siano i reali vantaggi e le tecnologie utilizzate.

D) In che modo il vostro Studio offre consulenza a chi voglia replicare questa esperienza nel proprio quartiere e più in generale in città? Avete già ricevuto delle richieste?

R) Quando è partita quest’esperienza abbiamo avuto da subito molte richieste, abbiamo studiato insieme agli abitanti diverse situazioni e in alcuni casi siamo anche riusciti a fare qualche intervento. Si trattava però sempre di situazioni private: replicare una situazione favorevole come questa, in cui tutti prima si mettono d’accordo e innescano le pratiche di condivisione degli spazi, risulta, come dicevo, molto complicato. E’ proprio su questo che stiamo lavorando ora per cercare di rendere le cose più facili. Ci servirebbe forse un appoggio dalle Amministrazioni, perché una pratica del genere possa essere maggiormente diffusa. Bolzano è un ottimo esempio italiano: ci sono degli incentivi per chi innesca progetti sostenibili e sono stati definiti incentivi fiscali per facilitare e convincere la gente a intraprendere la strada del verde.

D) Per quanto riguarda i costi di realizzazione e manutenzione come si rapporta il progetto pilota Orto rispetto ad un comune tetto verde?

R) Per un tetto con una semplice guaina (sempre che sia già in buone condizioni e non debba esser sostituita)  con 15- 20 cm di profondità – dimensione ideale per coltivare patate, pomodori ecc – si possono considerare 45 euro al mq. Chiaro che i costi aumentano nel caso in cui si debbano fare particolari pavimentazioni, come abbiamo fatto noi, in legno. Si tratta comunque di una spesa assolutamente accessibili per tutti.

D) Quali sono le coltivazioni possibili?

R) Noi coltiviamo pomodori, patate, insalate di varie tipologie, fave, finocchi e a volte anche zucchine. Su questo tipo di profondità è il massimo che si può piantare.

D) Torino si candiderà come Capitale del Paesaggio, nel 2016; ma già il 4 giugno in città si svolgerà il convegno Nutrirsi di Paesaggio all’interno del Festival dell’Architettura. La Città sta facendo molti progressi da un punto di vista ambientale. Come si pone la vostra iniziativa in questo contesto?

R) Sicuramente questo piccolo esempio può esser ritenuto un tassello che dovrebbe innescare una rete di iniziative analoghe: proprio per questo motivo è stato premiato da Legambiente come Innovazione Amica dell’Ambiente nel 2010. Nell’ambito di un ragionamento allargato sul territorio sarebbe interessante inserirsi nel contesto del paesaggio urbano. Il nostro intento sarebbe quello di contribuire alla trasformazione di queste superfici in orti e giardini, creando una rete di piccoli interventi a basso costo e realizzabili con facilità da tutti in poco tempo; è proprio grazie a frammenti verdi come questi che si può immaginare un progetto più globale, che potrebbe andare a interessare tutto il territorio italiano.

Valentina Burgassi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende