Home » Pratiche »Pubblica Amministrazione »Smart City » WalkTO, una mappa per camminare in città:

WalkTO, una mappa per camminare in città

Il mondo rivela di più a chi viaggia a piedi. L’ha capito l’amministrazione torinese che, dal 2012 in occasione della giornata nazionale del camminare, ha dato corso al progetto “Torino città camminabile”. Il frutto che mette a sistema il lavoro svolto fin qui si chiama WALKTO, ed è la mappa per scoprire a piedi la “Bellezza di Torino”.

WALKTO è stata presentata lunedì in conferenza stampa a Palazzo Civico, con maestri di cerimonia Enrico Bayma (Direzione del Territorio e dell’Ambiente), Enzo Lavolta (Assessore all’Ambiente e all’Innovazione), Danilo Bessone (Comitato direttivo Turismo Torino e Provincia) e il Sindaco Piero Fassino, a rimarcare l’importanza “strategica” attribuita all’’iniziativa.

Sì, strategica. Per una città che vanta 21 milioni di metri quadrati di parchi e giardini, la più ampia superficie di vie porticate d’Europa e dati di affluenza turistica in costante crescita – laddove il turismo sembra essere in ordine decrescente, la quarta causa di produzione d’emissioni di CO2 – è fondamentale conferire a WALK TO non solo il ruolo di strumento critico per i cittadini che ogni giorno si spostano in Torino in maniera leggera, ma sopratutto quello di volano per un turismo sostenibile, rivolto a tutti quei visitatori che vogliono visitare una città storica a piedi, ammirarne la bellezza, scoprire scorci nascosti, godere delle sue opportunità. Insomma, pedestrian is more!

E così ecco la mappa WALKTO, stampata grazie al contributo scientifico di Turismo Torino e Provincia e a quello economico-produttivo di Seat Pagine Gialle (ricordate  quando ancora si teneva in auto una copia di Tutto Città?) e di GTT (Gruppo Trasporti Torinesi). Dove c’è una offerta ragionata di pedonalità ci sarà anche l’esigenza di collegamento efficace e possibilmente eco-sostenibile tra itinerari pedonali e zone aperte al traffico.

Realizzata in quadricromia, verrà distribuita gratuitamente nei punti informativi e negli uffici del turismo. Ma è possibile che con tutta l’attenzione profusa sul tema dei comportamenti ecologici non sia venuto in mente a nessuno di stampare le ben 50.000 copie (tranquilli, è solo la prima tiratura) su carta riciclata?

Le cose che fanno di WALKTO davvero la mappa di una geografia urbana camminabile sono i rilievi di tutte le vie pedonali, ciclo-pedonali e porticate della città, di tutte le modalità di collegamento da una zona all’altra attraverso mezzi di trasporto ispirati alle buone pratiche ambientali (TO-bike, car-sharing elettrico, Metro, autobus ecologici), e ancora la segnalazione di tutte le vie d’accesso a piedi alla città, come la via Francigena e la recente Superga-Vezzolano-Crea. Ci sono poi tavole specifiche dedicate alle aree verdi, come quella del Valentino, delle Maddalene, del Parco Dora, etc.

Infine la proposta di 12 itinerari individuati attraverso la suddivisione della mappa in cerchi concentrici, secondo le zone dalla più centrale alle più periferiche. Tutti gli itinerari vengono descritti in maniera parametrica e suddivisi in numero di chilometriminuti di percorrenza (a seconda dell’andatura lenta o veloce), calorie consumaterisparmio di grammi di CO2. In questo la mappa riesce ad armonizzare la precisione del dato tecnico all’attenzione al tratto locale, con la tipica ironia sabauda. Due esempi: in quella che dovrebbe essere la parte d’interfaccia smart di WalkTo è presente la App di SMAT (municipalizzata dell’acqua) con la mappa dei turet, inconfondibili fontane cittadine con l’apice a foggia di torello, simbolo della città. E ancora, tra i parametri di valutazione degli itinerari pedonali c’è anche il consumo consentito di gianduiotti in relazione alle calorie consumate!

Il ritorno a una mobilità lenta è oggi così sentito perché nessuno vede in esso alcuna contraddizione con un indirizzo smart delle città. In questo senso, c’è la parte App che consente di incrociare ancora più contenuti e piani di lettura, dagli itinerari turistici nel centro di Torino di ToTo4all, alla geografia dell’acqua potabile di SMAT, alle indicazioni più generali di Torino App, tutte applicazioni scaricabili gratuitamente.

Una considerazione finale. Se prima di essere comunicata e veicolata una rete infrastrutturale non esiste per un pubblico, ora che l’infrastruttura è nota bisognerebbe farla vivere del suo potenziale narrativo. La rete e i dispositivi mobili possono generare interazioni e narrazioni: innumerevoli punti di vista in grado di dirci qualcosa sul territorio, i suoi itinerari e i suoi visitatori. Quando c’è di mezzo l’uomo un territorio può morire o vivere. Molto dipende dalla sua narrazione…

Orlando Manfredi



 

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende