Home » Eventi »Idee »Prodotti »Prodotti » L’auto del futuro:

L’auto del futuro

ottobre 10, 2009 Eventi, Idee, Prodotti, Prodotti

PhyllaMilioni di automobili viaggiano quotidianamente per le strade delle nostre città emettendo in media 160 gr di CO2 per ogni Km percorso. La popolazione mondiale è di 6,8 miliardi e le vetture attualmente in circolazione sono circa 700 milioni. Dati decisamente allarmanti soprattutto se si pensa che, secondo le ultime stime demografiche, nel 2050 toccheremo quota 10 miliardi di abitanti.
A ciò si aggiunga il fatto che il settore dell’automotive è l’unico in Europa ad aver registrato un aumento delle emissioni di CO2 invece che una diminuzione.
Diventa dunque vitale agire sulle nuove tecnologie e promuovere programmi di ricerca e di sviluppo per rispettare la soglia di 95 gr per Km che ci si è prefissati di raggiungere entro il 2010.

Queste considerazioni sono state al centro della tavola rotonda che si è svolta a Torino durante la manifestazione “Uniamo le Energie”e che ha visto come interlocutori Andrea Bairati, Assessore alla Ricerca, Energia e Industria della Regione Piemonte, Fabrizio Barbaso, Deputato della Commissione Europea, Alessandro Battaglino, Amministratore Delegato di Environment Park, Guido Bolatto, Segretario Generale della Camera di Commercio di Torino, Giovanni Cipolla, responsabile innovazione di General Motors, Nevio di Giusto, Amministratore Delegato del Centro Ricerche Fiat, Marco Gilli, Prorettore Politecnico di Torino e Fabio Orecchini, docente di Sistemi Energetici a “La Sapienza” di Roma.

Tra le possibili alternative agli odierni e piuttosto inquinanti mezzi di locomozione, si è parlato di auto elettriche e auto a idrogeno. Alternative sicuramente interessanti ma che comportano tuttavia alcuni problemi di non immediata soluzione. L’auto elettrica ad esempio è alimentata a batterie e una batteria ha, innanzitutto, un costo elevato, un peso considerevole e un’autonomia limitata. A ciò si aggiunga il fatto che per ricaricare 700 milioni di batterie, le centrali elettriche verrebbero sovraccaricate con conseguente rischio di corto circuito.

Anche l’auto a idrogeno non può essere una valida soluzione in quanto l’idrogeno è un vettore: deve quindi essere prodotto consumando energia fornita da altre fonti che, per ridurre l’impatto ambientale, devono essere rinnovabili. Ad oggi queste due tipologie di auto non possono dunque essere considerate la soluzione definitiva al problema dell’inquinamento ma richiedono ancora molti studi e investimenti.

Ecco che diventa di fondamentale importanza la creazione di un canale diretto tra istituzioni, centri di ricerca e centri di produzione. Il costo di una nuova tecnologia deve essere sostenibile anche e soprattutto per chi la deve comprare: la rete di rifornimento dell’idrogeno o dei punti di ricarica delle batterie deve essere capillare, ed il knowhow impiegato per la realizzazione della vettura non deve avere costi proibitivi. Le istituzioni  devono fare la loro parte, ad esempio promovendo i servizi e le infrastrutture che possano portare alla diffusione del progetto su larga scala. Gli standard europei Euro1, Euro2, Euro3 etc. sono solo un primo step verso la cosiddetta greencar ma la strada è ancora lunga.

Come ha recentemente sentenziato il Presidente Obama “l’automobile è un valore dal quale non possiamo prescindere”. Proprio per questo motivo è necessario un crescente impegno per tutelare l’atmosfera dalle emissioni di CO2.

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende