Home » Prodotti »Servizi » Mercato dell’energia: il 44% degli Italiani vorrebbe forniture rinnovabili:

Mercato dell’energia: il 44% degli Italiani vorrebbe forniture rinnovabili

luglio 18, 2012 Prodotti, Servizi

Bolletta più leggera o energia più pulita? Certo, l’ideale sarebbe averle entrambe, ma non è affatto detto che, al momento della scelta, il risparmio economico sia la sola discriminante, nemmeno in momenti di crisi.

Lo dimostra una recente ricerca di Accenture sul rapporto fra consumatori e fornitori di energia elettrica nel mondo. Condotta su un campione di 10mila utenti in 19 paesi a regime di mercato libero, l’indagine si è concentrata su abitudini di consumo e grado di soddisfazione per i servizi ricevuti. Ma se, prevedibilmente, il 90% degli intervistati ha dichiarato che una fattura più “snella” sarebbe un’importante spinta per cambiare fornitore, un buon terzo ha manifestato anche un deciso interesse per soluzioni basate su energie rinnovabili. Ed è un ottimo segnale che, in Italia, questa percentuale cresca ben oltre la media mondiale, arrivando addirittura al 44%.

Certo, manifestare interesse e passare ai fatti non sono la stessa cosa. Ma tra il dire e il fare, in questo frangente, può essere risolutiva una buona informazione. Da quando l’Unione Europea ha introdotto, nel luglio 2007, la liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica, in Italia il monopolio pubblico è stato sostituito da un regime di concorrenza che conta – secondo l’ultimo monitoraggio dell’AEEG (Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas) – circa 300 operatori. Di questi, alcuni hanno come mission aziendale la fornitura di energia rinnovabile, altri rimangono esclusivamente legati alle fonti tradizionali, ma la maggior parte adotta formule ibride, con proposte commerciali che accostano energia “verde” e tradizionale.

Districarsi in questa selva di alternative diventa dunque impegnativo, soprattutto se si è stati abituati, per anni, ad accettare passivamente un’unica soluzione. E qui entra in gioco l’informazione. Come ha recentemente sottolineato il Ministro Clini, perché un regime di concorrenza funzioni davvero è necessaria un’informazione “corretta, libera e non orientata dai produttori”. Informazione che gli italiani cercano soprattutto su internet. Il già citato studio di Accenture ha dimostrato infatti come il web sia il canale preferito dai consumatori per interagire con i fornitori di energia e ricevere notizie e aggiornamenti sui servizi.

E anche in questo caso le percentuali relative agli utenti italiani sono più alte della media: il 66% ha dichiarato di utilizzare la rete per informarsi su nuovi servizi e offerte, il 57% la usa per cambiare fornitore e ben l’82% preferisce le fatture via internet piuttosto che la spedizione postale. Inoltre – e il dato a questo punto non dovrebbe sorprendere, visto il boom di Facebook nel nostro Paese – il 43% degli italiani intervistati ha in programma di intervenire sui social network per dialogare con i fornitori di energia elettrica, postando commenti o tramite tweets.

Ma come rispondono gli operatori a questo crescente bisogno di interazione telematica? Un esempio arriva proprio dall’AEEG, che ha attivato sul suo sito un “Trovaofferte” : servizio che, dall’aprile 2009  ad oggi, ha raggiunto più di 1.360.000 contatti, con una media di circa 1200 accessi al giorno. «Si tratta – spiegano – di un sistema che permette di trovare in pochi secondi l’offerta di energia più adatta alle proprie esigenze». È sufficiente inserire il codice di avviamento postale (per selezionare i fornitori nell’area di riferimento) e i dati relativi ai consumi annui (dei quali il sistema può anche calcolare un’approssimazione in base ad alcuni parametri, come la grandezza dell’abitazione e gli elettrodomestici usati), per ottenere un elenco delle offerte più convenienti per le proprie necessità. A quel punto, però, chi è interessato alla fornitura di energia pulita, dovrà leggere i dettagli delle varie offerte e selezionare da sé le eventuali proposte “verdi”, tenendo presente inoltre che il Trovaofferte comprende solo le società di fornitura – 21 soggetti – che si sono volontariamente iscritte al servizio.

Rimane dunque fuori una larga parte di operatori, dei quali tuttavia il consumatore attento può trovare notizia su blog e forum di vari gruppi d’acquisto e associazioni e su siti specializzati come lo sportello online curato da Legambiente. L’importante è, sempre, guardarsi dal greenwashing: per garantire ai consumatori che l’energia venduta come “verde” provenga effettivamente da fonti rinnovabili, l’Autorità per l’Energia ha infattti stabilito una disciplina precisa e vincolante per gli operatori, riconoscendo come unico sistema di certificazione valido quello previsto dalla direttiva europea 2009/28/CE e rilasciato dal Gestore dei Servizi Energetici.

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende