Home » Rassegna Stampa » Nuovo Rapporto Ocse-Fao: ancora prezzi elevati per 10 anni:

Nuovo Rapporto Ocse-Fao: ancora prezzi elevati per 10 anni

giugno 17, 2011 Rassegna Stampa

Un fantasma si aggira nelle stanze dei bottoni di Ocse e Fao, dove si monitora l’agricoltura mondiale. È la paura per l’instabilità dei prezzi, la loro continua tendenza al rialzo. L’Agricultural Outlook 2011-2020, realizzato dalle due organizzazioni, è stato presentato a Parigi questa mattina.

Il rapporto raccoglie le proiezioni sull’andamento dei mercati di biocarburanti, cereali, oli vegetali, zucchero, carni, latticini e pesce da qui al 2020, in caso di normali condizioni meteo, assenza di emergenze di vario tipo e permanenza delle politiche agricole attuali nei vari Paesi. Il timore che la corsa dei prezzi agricoli non si fermi aleggia in ogni pagina:  «Il periodo di alta volatilità nei mercati delle commodity agricole dura ormai da cinque anni. I prezzi alti e instabili delle materie prime sono chiaramente tra i temi più importanti che oggi i governi si trovano a fronteggiare. (…) I prezzi rimarranno probabilmente a un livello più alto nel prossimo decennio rispetto a quello precedente».

Gli aumenti, in termini reali, andranno dal +20% di cereali come il mais al + 30% per il pollame rispetto al decennio precedente. Con effetti negativi per l’intero sistema mondiale: «Periodi prolungati di prezzi alti potrebbero rendere più difficile il raggiungimento di una sicurezza alimentare globale, esponendo i consumatori poveri a un rischio più alto di malnutrizione». Ma quali sono le cause di questa tendenza? I fattori sono diversi: «Condizioni meteo, produzione, scorte, prezzi dell’energia». E in molti chiedono che chi governa trovi una soluzione: «L’instabilità dei prezzi, associata al tendenziale aumento della domanda ed alle speculazioni finanziarie legate al commercio delle materie prime agricole dovrebbe essere pressante monito per i governi perché si recuperi l’importanza strategica dell’agricoltura», ha sottolineato ieri il presidente della CIA, Giuseppe Politi, durante il G120 degli agricoltori mondiali.

Questi, secondo l’Outlook, gli altri elementi dello scenario dei prossimi dieci anni: «Le economie mondiali saranno in ripresa rispetto alla crisi globale del 2009», «la crescita della popolazione continuerà a rallentare» e «i prezzi dell’energia tenderanno al rialzo». Una situazione in cui, sottolinea il rapporto, ci sarà «bisogno di misure a breve termine per aiutare a gestire e mitigare i rischi associati alla volatilità, e di investimenti che guardino più lontano per migliorare la produttività e la resilienza del sistema agricolo e alimentare globale». Temi di cui si discuterà i prossimi 22 e 23 giugno a Parigi durante il G20 dei ministri dell’Agricoltura, che proporranno la creazione di un database pubblico sulle materie prime agricole simile a quello adottato dal mercato petrolifero.

Accanto all’instabilità dei prezzi, l’altro grande tema è l’emergere sempre più forte dei Paesi in via di sviluppo sui mercati agricoli: «All’America Latina, il motore della crescita degli ultimi anni, si affiancherà probabilmente l’Europa dell’Est. Queste due regioni diventeranno fornitori agricoli sempre più importanti nel prossimo decennio». Una prospettiva che preoccupa i Paesi industrializzati: «I Paesi UE rischiano di ritrovarsi penalizzati da un forte gap produttivo, questa è una grande sfida per la Politica Agricola Comunitaria», spiega Marco Guidi, presidente di Confagricoltura. E in Asia, America meridionale e Est Europa, cambieranno anche le abitudini alimentari dei cittadini: in queste aree «dove i redditi sono in aumento e la crescita della popolazione sta rallentando, crescerà più rapidamente il consumo di cibo pro capite. La domanda salirà soprattutto per oli vegetali, zucchero, carne e latticini» .

Importante è poi il capitolo dei biocarburanti. Si prevede che i continui aumenti del prezzo del petrolio, insieme a specifiche politiche di sostegno, faranno aumentare la domanda di biodiesel e etanolo, la cui produzione da qui al 2020 aumenterà, rispettivamente, del 140% e del 70%.  «Entro il 2020, si stima che il 13% delle farinacee, il 15% degli oli vegetali e il 15% delle canne da zucchero saranno utilizzati per produrre biocarburanti». Un settore che, sottolinea Guidi, si svilupperà molto, perché «prima di avere auto elettriche in quantità adeguata, dovremo risolvere il problema più vicino dei carburanti».

Il rifiuto del nucleare imposto in Italia dal referendum, così come lo stop alle centrali entro il 2022 in Germania e il 2034 in Svizzera farà crescere l’importanza delle energie rinnovabili, tra cui ci sono le agroenergie. Di questo, il rapporto Ocse-Fao non parla, ma è indubbio che il tema, soprattutto in Europa, è di grande attualità. «L’Italia deve darsi una politica energetica: servono leggi più precise e di più ampio respiro, perché questi investimenti hanno tempi di resa lunghi. E poi serve una politica precisa sui sottoprodotti dell’agricoltura, che potrebbero diventare una fonte di produzione di energia. È un’attività che attira molti giovani, e che diventa utile come integrazione del reddito dell’agricoltore. Se verranno prese misure adeguate, il settore agricolo ha le carte in regola per diventare, nel 2020, completamente autonomo dal punto di vista energetico», continua Guidi di Confagricoltura. E secondo uno studio presentato qualche giorno fa da Coldiretti, «dalle campagne italiane è possibile ottenere nei prossimi dieci anni energia rinnovabile in grado di sostituire tre centrali nucleari, con il diretto coinvolgimento delle imprese agricole e senza causare danni al territorio».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Amazon Sustainability Accelerator: al via la seconda edizione per le start up

febbraio 9, 2023

Amazon Sustainability Accelerator: al via la seconda edizione per le start up

Si è aperta oggi, 9 febbraio 2023, la seconda edizione dell’Amazon Sustainability Accelerator, il programma rivolto alle startup nella fase Early Stage focalizzate sulla sostenibilità. Lanciato da Amazon, EIT Climate-KIC (l’hub europeo per l’innovazione in materia di clima) e WRAP (una delle principali ONG britanniche impegnate nel contrasto al cambiamento climatico), Accelerator è aperto alle startup che stanno creando [...]

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende