Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Corchiano, il Comune “a 5 stelle”:

Corchiano, il Comune “a 5 stelle”

maggio 11, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Tutto è iniziato nel 2009, quando sindaco e amministrazione comunale hanno deciso di scommettere su un’idea: la raccolta differenziata porta a porta è possibile. Il nuovo corso è cominciato così. Dopo, sono fiorite pian piano tante altre idee per una vita più sostenibile, dalla Casa dell’acqua all’obiettivo dei Cento tetti fotovoltaici.

Siamo a Corchiano, il paese in provincia di Viterbo che nel 2010 ha vinto il premio assoluto Comuni a cinque stelle, per i buoni risultati ottenuti nei cinque ambiti presi in considerazione dal concorso: gestione del territorio, impronta ecologica della “macchina comunale”, rifiuti, mobilità sostenibile, nuovi stili di vita.

Qui, racconta il sindaco Bengasi Battisti, di professione chirurgo d’urgenza, «un paio di anni fa, da un giorno all’altro, nelle strade del paese sono scomparsi i cassonetti. Ci aspettavamo di trovare l’immondizia per strada, e invece il giorno dopo tutto è andato bene». Il segreto del successo? «Abbiamo coinvolto i cittadini dal basso. L’idea del porta a porta è nata nel 2006, durante uno dei corsi per i giovani che teniamo ogni estate. Da lì, è iniziato un periodo in cui abbiamo incontrato persone e esperienze. E poi abbiamo avviato un programma di formazione per i cittadini, sempre aiutati dai ragazzi del paese, che negli ultimi giorni hanno addirittura presidiato i cassonetti per informare tutti sulla novità, e prima ancora hanno ideato lo slogan del Porta a porta: “L’orgoglio di un paese pulito”». I risultati sono stati strabilianti: «Partendo da una percentuale di raccolta differenziata quasi inesistente, siamo arrivati oggi all’85%».

Il coinvolgimento dà i suoi frutti. I cittadini (3.800 in tutto) tornano così a voler bene al loro piccolo borgo, si sentono partecipi dei buoni risultati e iniziano a proporre altre buone pratiche. «Nel 2009, sono stati i cittadini a proporre di costruire la Casa dell’acqua. In sei mesi, ne abbiamo distribuita tantissima: 500.000 litri. La fontana è diventata un luogo di incontro e di consapevolezza che l’acqua è un bene pubblico». Poi è venuto il recupero dell’olio di frittura da trasformare in carburante per lo scuolabus: «Grazie al coinvolgimento, emergono anche saperi locali. Un cittadino sapeva dell’esistenza di questo centro di raccolta dell’olio nella zona e ci ha proposto l’iniziativa. Ad oggi, 300 famiglie hanno richiesto la tanica per raccogliere l’olio, che costa cinque euro».

Per sostenere il cammino verso un nuovo stile di vita, il Comune ha messo in piedi la Bottega delle buone pratiche, un luogo dove appunto si trova tutto ciò che serve per una vita più sostenibile, dai kit per la raccolta differenziata ai contenitori per l’olio fritto. Nei negozi del centro storico, «uniti tutti dal progetto del centro commerciale naturale, si vendono prodotti a chilometro zero e detersivi alla spina. Una scelta che è venuta dai commercianti stessi». E anche i vigili urbani, un bel giorno, si sono lasciati contaminare dal nuovo corso e hanno deciso di usare la bicicletta: «Tra poco avranno anche due cavalli, che useranno per controllare il parco sotto al paese, recuperato alcuni anni fa». La valle sotto a Corchiano era stata trasformata in discarica, oggi è un Monumento naturale. All’interno del parco, sono stati realizzati anche degli orti urbani affidati ai cittadini: «Abbiamo creato una specie di banca del seme, dove tutti hanno l’obbligo di riportare i semi degli ortaggi. Così salvaguardiamo la biodiversità».

Per chi vuole passare all’energia solare, è ancora in corso il progetto dei Cento tetti fotovoltaici, affiancato da un gruppo d’acquisto di pannelli fotovoltaici, promosso dal Comune in collaborazione con l’Università di Viterbo: «Siamo già a 40 tetti. L’altro giorno ho visto che anche il nostro frantoio sta passando all’energia solare». E i nuovi edifici? «A Corchiano si può costruire, a patto che si rispettino tutti i criteri dell’efficienza energetica». Tante idee continuano a venire dai giovani, riuniti nel “Consiglio Comunale dei Ragazzi”. Sono loro ad aver ideato, per esempio, le multe al contrario: «Il vigile contesta una buona pratica e consegna al ragazzo degli eco-euro, una moneta che abbiamo coniato noi per promuovere azioni locali sostenibili, e che può essere utilizzata alla Bottega delle buone pratiche o per acquistare prodotti equo solidali».

Il modello Corchiano è riuscito a contaminare anche altri paesi vicini: «C’è un interesse soprattutto da parte dei singoli cittadini, che spingono i loro amministratori ad attuare progetti come i nostri. La Casa dell’acqua ha invaso la provincia, il Porta a porta è presente in almeno 20 comuni. Siamo riusciti a dimostrare che quello che si dice a parole può veramente diventare prassi».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende