Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » “Chi va veloce non vede nulla”. Viaggio lento nella Calabria greca:

“Chi va veloce non vede nulla”. Viaggio lento nella Calabria greca

luglio 16, 2015 Impressioni di viaggio, Rubriche

Pubblichiamo la seconda parte delle “Impressioni di Viaggio” di Veronica Ulivieri sulla Calabria grecanica. E’possibile leggere la prima parte in esclusiva nel canale Green News di LaStampa.it.

Il viaggio lento, di nicchia, a basso impatto ambientale è stato il cardine del rilancio del turismo nella Calabria greca. Ispirandosi alla cultura del posto – “Pis trechi glìgora de thorì tìpote”, Chi va veloce non vede nulla, recita un proverbio del luogo – ma anche alle strade percorse nel 1847 da Edward Lear, viaggiatore inglese che si avventurò alla scoperta dell’Aspromonte a piedi, con un cavallo che trasportava i bagagli e una guida, ospitato dalle persone del luogo.

Ancora oggi, il percorso forse più completo per conoscere l’area grecanica è il “sentiero dell’inglese”: un cammino di otto giorni che tocca i borghi più interessanti e attraversa i paesaggi più suggestivi. L’inizio è a Pentedattilo, che appare in tutto il suo fascino arcaico e misterioso dietro l’ultima curva della strada tortuosa. “Selvagge sommità di pietra spuntano nell’aria, aride e chiaramente definite in forma (come dice il nome) di una mano gigantesca contro il cielo, le case di Pentedattilo sono incuneate all’interno delle spaccature e dei crepacci di questa piramide spaventosamente selvaggia”, scriveva Lear nel suo “Diario di un viaggio a piedi”. Abbandonato nei primi anni Cinquanta perché dichiarato a rischio frana, oggi è al centro di un lento processo di rivalorizzazione, che va avanti da alcuni decenni, facilitato anche dal fatto che gli attestati di inagibilità non si sono mai trovati. Sono state riaperte alcune botteghe artigiane, e oggi contattando l’associazione Pro Pentedattilo è anche possibile soggiornare nelle abitazioni ristrutturate.

Il viaggio continua verso Bagaladi, la città dell’olio, circondata da olivi secolari e ancora oggi famosa per la sua produzione olearia. In un vecchio frantoio semindustriale, utilizzato in passato anche per l’estrazione dell’olio essenziale di bergamotto e la filatura della seta, la cooperativa Grecale gestisce la Porta del Parco nazionale dell’Aspromonte e offre ristoro ai visitatori. “Ogni anno recuperiamo un antico mestiere andato perduto. L’ultimo è l’allevamento dei bachi da seta, un tempo attività tipica dell’area. I bruchi si cibano solo di foglie di gelso fresche, mangiano dalle tre alle quattro volte al giorno. È un lavoro impegnativo, che si regge tutto solo sul volontariato”, racconta Danilo dando da mangiare agli animaletti.

Passando per la fiumara costellata di oleandri e nasili – le aree del letto del fiume coltivate a orto -  il percorso sale a Gallicianò, “il paese più greco d’Italia”. “È stato l’ultimo paese dell’area a uscire dall’isolamento, e ha conservato una sua identità molto forte, legata alla lingua e alla tradizione dei tamburelli”, racconta Peppe Battaglia, guida ambientale della cooperativa Naturaliter. La strada asfaltata che collega il borgo a Condofuri, a valle, è stata completata solo nel 2001. Mimmolino Nucera accompagna i visitatori nelle viuzze che salgono fino alla chiesetta ortodossa Panaghìa tis Elladas (Madonna dei Greci), realizzata in pietra nello stile del luogo e aperta al culto nel 1999, e poi, con il suono dei campanacci delle capre al pascolo negli orecchi, al museo delle tradizioni. “Fino a pochi decenni fa qui si filavano, oltre alla lana, anche la ginestra e la canapa”, dice Nucera mostrando coperte e tappeti con motivi tipici della cultura grecanica. Molti altri oggetti sono legati all’allevamento delle capre, da sempre tradizionale in questi luoghi. “Gli otri in pelle erano usati per fabbricare zampogne, ma anche per trasportare olio e vino. Per le ricotte si usavano forme in vimini intrecciati, mentre le figurine femminili intarsiate nel legno, chiamate musulupare, servivano a fabbricare il musulupu, un formaggio a pasta molle”.

Da Gallicianò il sentiero si dirige verso Bova, la capitale culturale – e anche politica ed economica in passato – dei greci di Calabria. Bova è ancora chiamata I Chora, la città, inserita tra i Borghi più belli d’Italia. Ci si può arrampicare per le stradine che salgono fino al santuario di San Leo, monaco basiliano vissuto nell’XI secolo in queste terre, e poi verso i resti del castello normanno, dove la vista spazia fino all’Etna e alle rocce di Pentedattilo. Come il resto dell’area, il paese è ancora crocevia di tradizioni pagane, bizantine e cristiane: un esempio sono le figure femminili in rami d’olivo addobbate con fiori e frutta e portate in processione la domenica delle Palme. “Sono chiamate pupazze, madame o Persefoni. Sono la trasposizione cristiana del mito di Persefone, qui adorata fin dall’antichità”, racconta Peppe Battaglia. Prima di toccare Palizzi, paese che sembra scolpito nella roccia famoso per il vino IGT, e poi terminare a Staiti, il Sentiero dell’Inglese porta a Roghudi vecchio. Nel borgo abbandonato all’inizio degli anni Settanta a causa di un’alluvione, aggrappato al crinale di uno sperone di roccia che emerge dalla fiumara Amendolea, si vive il silenzio. Nelle case con le porte aperte, i vetri rotti, rimangono frammenti di vita contadina e i primi accenni di una modernità che stava faticosamente arrivando al momento dell’abbandono. In estate, Roghudi è una tappa fissa di Paleariza, il festival che si svolge ogni anno in agosto in tutta l’area grecanica, coniugando un’offerta culturale internazionale di qualità con il trekking e la scoperta della gastronomia locale. Se si arriva in anticipo rispetto agli spettacoli si può scendere dal paese fino al letto della fiumara, riposarsi sui “sassi che sembrano pani” e rigenerare i piedi stanchi nelle acque gelate dell’Amendolea. La roccia e l’acqua che hanno modellato la storia e il paesaggio dell’Aspromonte greco.

Veronica Ulivieri

Leggi la guida alla Calabria greca del consorzio turistico Pucambù

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende