Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Cleto, il comune calabrese rinato grazie a un Festival culturale:

Cleto, il comune calabrese rinato grazie a un Festival culturale

dicembre 6, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

C’è chi porta dal pollaio  50 uova, chi regala qualche chilo di marmellata o una cassetta di patate, poi ci sono quelli che aprono casa per ospitare un’artista o danno una mano a montare il palco. Prodotti dei campi, lavoro, ospitalità ma pure offerte in denaro per accendere i riflettori su Cleto. Siamo in provincia di Cosenza, regione Calabria1.268 anime che nel mese di agosto si danno da fare per rendere bello e accogliente il paese per Cleto Festival: tre giorni di incontri, musica, cultura e soprattutto socializzazione con l’obiettivo di far lievitare il turismo; non quello di massa, non quello del mordi e fuggi, ma di chi ama i centri fuori dalle grandi rotte ed è ancora convinto che “piccolo è bello“. Porte aperte dunque ai vacanzieri, ma rispettando ritmi e sensibilità locali. E nel Festival si affrontano temi seri, non per forza facili e abbordabili a tutti i costi. Nell’ultima edizione ci si è concentrati su una parola sdoppiata particolarmente densa di significati: «In- Differenza», nel rapporto tra l’umano, la natura e la società.

Il mix di ingredienti di questa  ricetta c’è la spiega Franco Roppo Valente, dell’Associazione culturale La Piazza, che dal 2010 monta lo striscione del festival: “Sostenibilità ambientale, tradizioni e antimafia sono la sostanza dei 3 giorni di Festival. Agli ospiti offriamo il Cialecca, il pane appena sfornato con aglio e olio”. Un segno di accoglienza, ma anche di attenzione all’economia locale, come sottolinea Franco: “Puntiamo alla valorizzazione dell’agricoltura, in particolare l’olivicultura, con il recupero di un bene tradizionale. E’ un’offerta veramente a chilometro zero: la farina per il pane è quella di Isola Capo Rizzuto ottenuta nei terreni confiscati alla criminalità organizzata e gestiti dall’associazione Libera. Con la parte gastronomica cerchiamo di valorizzare le aziende locali con un commercio equo e solidale che ci porta ad un menù socialmente corretto“.

In questi anni di crisi economica i piccoli e grandi eventi nel territorio sono una boccata di ossigeno importante per i protagonisti di questa economia informale, che riesce a resistere grazie a feste, sagre, festival. A Cleto però si va oltre il dato economico, pur importante, e in quei tre giorni si crea una piccola comunità. Il festival ha mobilitato energie sociali. All’inizio l’idea dell’invasione di “stranieri” non era molto gradita: “C’era un po’ di diffidenza, non si era abituati a tanta gente, ma si è superata con il tempo – sottolinea Franco – Oggi tutta la comunità da una mano, un paese totalmente dimenticato ha avuto e vive  un momento  importante di rilancio sociale e culturale“. Si è avviato anche il motore del turismo, lavorano i B&B e gli agriturismo, con villeggianti che apprezzano il festival, ma poi si trattengono anche una settimana perché vicino c’è il mare, si spende poco e si mangia bene. E poi il 25 aprile si organizza anche il trekking urbano, un escursionismo facile, per valorizzare panorami e monumenti storici e naturali.

Questo festival è stata la miccia che ha smosso le acque sociali del paese e oggi la sede de La Piazza è spesso aperta: “C’è una piccola biblioteca, viene frequentata da persone della terza età che con il lavoro manuale producono manufatti artigianali. Nell’associazione siamo 10 persone, ma senza l’aiuto della comunità non saremmo mai riusciti a fare nulla“.

Tanto lavoro, buoni risultati e tutto senza un centesimo di finanziamento pubblico, contrariamente allo stereotipo del Sud drogato di assistenzialismo. “Non è che diciamo no a priori, ma spesso significa entrare in discorsi di affiliazione, legati alle elezioni, a conoscenze e favoritismi che io non ho cercato neanche per il lavoro“. Come dire che a certe condizioni è meglio stare a debita distanza dai finanziamenti regionali… La filosofia di Franco e compagni è chiarissima. “Non abbiamo la presunzione che con un festival si possano cambiare le cose, ma aver fatto parlare di Cleto ci inorgoglisce“.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende