Home » Off the Green »Rubriche » “Creativi di campagna”, la risorsa nascosta dell’Italia:

“Creativi di campagna”, la risorsa nascosta dell’Italia

ottobre 25, 2018 Off the Green, Rubriche

Nel 1981 la città di Milano contava, secondo i dati Istat, 1.604.844 abitanti. Oggi, nonostante flussi migratori dall’estero più consistenti, sono 1.370.074. A Torino nello stesso anno erano 1.117.154 e oggi sono 884.733. Eppure, complessivamente, la popolazione italiana, dal 1981 ad oggi, è cresciuta da 56.556.911 a 60.483.973. Questi dati sembrano suggerire che le grandi città italiane stanno forse perdendo l’attrattività che avevano negli anni ’70 e ’80, quando Renato Pozzetto girava “Il ragazzo di campagna” (1984), dove il protagonista Artemio ambiva alla vita metropolitana piena di traffico, smog e monolocali invivibili, pur di emanciparsi dalle sue origini contadine e “farsi da solo”.

Da alcuni anni si assiste ad un fenomeno contrario, lento ma progressivo. Seppure i numeri siano ancora modesti, sono sempre più le storie di imprenditori, professionisti, manager, ricercatori che, dopo esperienze di studio e di lavoro nelle grandi città – anche estere – decidono di tornare ai paesini d’origine, oppure eleggono “luoghi del cuore” nelle “aree marginali” del Paese, di montagna e collina, a propria dimora, riattivando filiere produttive perdute o avviando attività che portano innovazione nella tradizione e generano ricadute economiche e occupazionali positive a livello locale. Sono ingegneri che diventano contadini, architetti che si trasformano in albergatori, filosofi che diventano costruttori. E tanti altri. Li abbiamo voluti chiamare “Creativi di campagna” e dedicare loro la settima edizione del Workshop IMAGE (il format Incontri sul Management della Green Economy), che quest’anno sarà ospitato, sabato 27 ottobre 2018, dalla Fiera Internazionale del Tartufo Bianco di Alba, negli spazi del Cortile della Maddalena.

Letti con maggiore attenzione, anche i dati ONU (“World Urbanization Prospects 2018”) – spesso citati superficialmente – rivelano, in realtà, che le aree del mondo che traineranno lo spostamento dei “due terzi della popolazione globale verso le metropoli, entro il 2050″, sono concentrate in Cina, India e Nigeria, i “paesi in via di sviluppo” che non hanno ancora esaurito il loro boom di spopolamento delle campagne. Ma siamo sicuri che nella “vecchia Europa” (e in Italia, in particolare) si assisterà ancora a questa migrazione?

Lo sviluppo della banda larga, la riduzione del digital divide (il “divario digitale”) nelle aree più periferiche del Paese, il telelavoro da casa (che alcune grandi aziende stanno già sperimentando con successo), l’aspirazione di molti cittadini a recuperare una maggiore qualità della vita, lontana dai ritmi stressanti della città e a maggior contatto con la natura, sono tutti fattori che potrebbero favorire un “nuovo ritorno alla campagna“, che non si configurerà come semplice gesto nostalgico alla ricerca di un passato idealizzato, ma sarà, nella maggioranza dei casi, una scelta ben consapevole e ponderata, con un occhio anche all’ottimizzazione dell’economia famigliare: perché strapagare un monolocale alla periferia della città quando pochi chilometri oltre si può riqualificare un’immobile di famiglia semi-abbandonato, magari con un appezzamento di terreno? Sarebbe ipocrita pensare che tutto ciò avvenga spontaneamente, la crisi economica e occupazionale ha sicuramente velocizzato questo fenomeno, ma ciò che conta ora è la possibilità di trasformarlo in opportunità, per le persone e per il Paese.

Certo, non è tutto oro quello che luccica fuori città. Chi non crede a questo modello potrebbe facilmente citare le controdeduzioni di “campagnoli pentiti”, come il newyorkese David Owen, autore del saggio “Green Metropolis“. E’chiaro che per reggere questa trasformazione le “aree marginali” avranno bisogno di recuperare servizi (che spesso avevano, ma hanno perduto dal secondo Dopoguerra ad oggi) e, in alcuni casi, di creare nuove infrastrutture. Ma la redistribuzione della popolazione italiana sull’intero territorio è, a mio avviso, un modello decisamente più ecologico e desiderabile della concentrazione in poche metropoli sovraffollate.

I pionieri di questa “ricolonizzazione” delle “aree interne” (a cui è stata recentemente dedicata anche una Strategia Nazionale), sono dunque i “creativi di campagna” di cui parleremo nel nostro Workshop e ai quali abbiamo in programma di dedicare molto spazio futuro e voce diretta anche su questo web magazine. Il loro coraggio a rompere con schemi precostituiti e la loro determinazione potranno fare da apripista a chi verrà dopo e, soprattutto, far toccare con mano a politici ed amministratori locali il potenziale turistico, economico, occupazionale di questi territori, dove si nasconde una delle chiavi di rilancio dell’intero Paese.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende