Home » Campioni d'Italia »Greeneria »Rubriche » Il biologico del Castello di Stefanago, tra vini naturali e “volpi spaziali”:

Il biologico del Castello di Stefanago, tra vini naturali e “volpi spaziali”

Dal 1700 coltivano in armonia con la natura. La famiglia Baruffaldi da generazioni abita e cura i frutti della terra nell’Oltrepo Pavese e produce vino naturale, “oltre il biologico” (come tengono a ribadire) con il marchio Castello di Stefanago, che prende il nome dalla stupenda tenuta a Fortunago. ”In realtà abbiamo sempre fatto così, questa è la nostra filosofia produttiva. Negli anni ’90 è poi arrivata la possibilità della certificazione  biologica e abbiamo aderito”.

Giacomo Baruffaldi completa il pensiero, perché non sia solo uno slogan, sottolineando che la “legge sul biologico è un compromesso”. Al ribasso, fa intendere. Ma nella loro tenuta, con quello che chiamano “vino naturale” si va oltre: “La solforosa è concessa dal disciplinare biologico fino a 150 milligrammi per litro, noi al massimo tocchiamo i 40! La definizione di vino naturale è ben più restrittiva rispetto alle norme della legge del biologico. Noi aderiamo all’associazione  VinNatur, che raggruppa le aziende che lavorano al naturale assumendone le regole”. Un manifesto di politica agricola: “L’associazione intende preservare l’individualità del vino dall’omologazione chimica che tecnologia e industrializzazione hanno portato nelle attività vitivinicole”.

Chiarissimo. Ma i Baruffaldi non sono dei “fondamentalisti rurali” che viaggiano su binari ideologici, sanno che il vino deve piacere, non è pura filosofia. E il loro vino, accudito con questo spirito quasi paterno, piace – ai consumatori e ai critici.

“La nostra azienda si estende su 140 ettari in un unico corpo, ma solo 20 ettari sono dedicati a vigneti, poi sono boschi, siepi, seminativi, in un equilibrio assoluto e a favore della biodiversità. La natura si auto difende senza bisogno di intervenire forzatamente con la chimica”, spiega Giacomo “l’umanista” di famiglia, mentre il fratello Antonio è agronomo ed enologo e la sorella Antonietta cura i rapporti con i clienti.

Il successo di questa azienda è proprio nelle radici, nelle tradizioni e nei legami familiari con i luoghi di produzione: “Siamo qui da generazioni, viviamo il territorio e questo ci permette di conoscerne la capacità produttiva e sapere dove poter impiantare e dove evitare di farlo”.  “Il vino si fa nel vigneto“, ricorda Giacomo parlandoci di un lavoro in vigna molto più attento del “convenzionale”, dove la tutela dell’ambiente è condizione necessaria.

Il mercato di Castello di Stefanago oggi è soprattutto estero, per l’80%. “In Italia l’attenzione per questi vini ha iniziato a manifestarsi solo da un paio d’anni. Il Giappone invece assorbe molto vino naturale e un altro mercato importante è quello USA, cosi come quello francese.  I francesi sono clienti importanti: il nostro patrimonio genetico è superiore, ma loro hanno tanta cultura del vino. I nostri vini finiscono soprattutto a Parigi, e qui le nazionalità dei clienti sono infinite…”.

Giacomo è comunque ottimista anche sul futuro del mercato italiano. “Sono sempre positivo, c’è un buon trend di crescita, continuiamo a investire. Credo molto nel mercato domestico, stiamo creando una nostra piccola rete di vendita che è in contino divenire: abbiamo iniziato a Roma e ora stiamo arrivando anche a Milano, dove si assiste ad una sorta di boom. Complice anche una certa ‘moda del vino’ che ha diffuso la cultura enologica a livelli mai visti prima. Paradossalmente è merito degli scandali alimentari che hanno aumentato la vigilanza, l’attenzione, la ricerca di un prodotto sano”.

Ma il futuro dell’azienda di famiglia viaggia anche nelle mani delle nuove generazioni. C’è Carlotta, figlia di Giacomo, con studi all’Accademia d’Arte, che si occupa di valorizzare artisticamente i prodotti del Castello. E poi Jacopo, che ha allargato il tiro e insieme ad Ambrogio produce birra cruda artigianale con il marchio Stuvenagh. Sempre nei terreni della tenuta di famiglia e sempre con la stessa filosofia: “La scelta di produrre birra – ci racconta – è nata molti anni fa ma realizzata solo dal 2014. I cereali che coltiviamo in azienda sono l’orzo, che utilizziamo come base per la nostra birra e i grani antichi da panificazione, poi aromi come coriandolo, zenzero e luppolo. Coltiviamo tutto senza l’utilizzo di prodotti chimici e rispettando ritmi naturali e biodiversità, uno degli obiettivi primari è la chiusura di filiera, che ci permetta di utilizzare materie prime nostre e sane. Al momento nella birra utilizziamo già il 50-60% di filiera locale, mentre i malti speciali arrivano da Germania e paesi anglosassoni. L’anno scorso abbiamo piantato le nostre prime piante di luppolo, ma purtroppo la siccità le ha uccise, ci riproviamo quest’anno sperando vada meglio“.

Da questa tenacia nascono birre a bassa gradazione dai nomi fantasiosi, ottime per la calura estiva, come la Lady Von Baiten “birra di segale da soma”, o la Duca di Cavedania, “birra gialla da bere a palla” o ancora la Volpe Spaziale, una IGA (Italian Grape Ale) che utilizza tra gli ingredienti il mosto d’uva e chiude il cerchio che unisce la tradizione vinicola di famiglia con la nuova avventura birraia.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende