Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Leggerezza e semplicità per XAM, l’auto con la carrozzeria in lino:

Leggerezza e semplicità per XAM, l’auto con la carrozzeria in lino

giugno 15, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Tutto nasce nel 2007, quando un gruppo di studenti del Politecnico di Torino, a dire il vero pochi all’epoca, si mette a lavorare a IDRA, un veicolo alimentato a idrogeno, con il quale partecipare alla Shell Eco Marathon, una competizione che prevede il coinvolgimento di team studenteschi di tutta Europa.

Grandi riconoscimenti; l’entusiasmo cresce e la voglia di andare avanti anche. “XAM, Extreme Automotive Mobility, nasce in continuità con il lavoro svolto per la progettazione del prototipo IDRA”, spiega Andrea Airale, uno dei 25 studenti del team H2PolitO che ha avuto l’opportunità di seguire le due progettazioni. “Nel settembre del 2010 abbiamo accettato la sfida di partecipare ad una nuova edizione della Shell Eco Marathon, dedicata alla mobilità urbana, e di pensare a un nuovo stile di city vehicle, innovativo e ecosostenibile”.

Ripensare una macchina, in tutte le sue “espressioni”, dal consumo, ai materiali, fino quasi a volerle dare voce per comunicare. “In XAM abbiamo applicato contenuti fortemente innovativi – continua Andrea – per ottenere bassi consumi, garantiti dall’alimentazione ibrida a benzina commutabile ad etanolo, e per progettare una nuova carrozzeria naturale, realizzata in fibra di lino. Terza importante caratteristica è l’interfaccia uomo-macchina touch screen, che grazie alla tecnologia E-Call permette di ricevere immediata assistenza in caso di collisione in una qualsiasi località dell’Unione Europea”.

Semplice e leggera, la XAM pesa circa 190 chilogrammi, è lunga 2,8 metri e alta quasi 1,3; ha una potenza di 2 kilowatt per un voltaggio di 48 volt, e soprattutto consuma poco: 100 chilometri con un litro, per una velocità media, calcolata su circuito urbano, di 30 Km/h.

Pensato per due persone, con interno confortevole e ergonomico, il veicolo si è aggiudicato il prestigioso Design Award della Shell Eco Marathon.

Costo del prototipo? Il progetto ha previsto un investimento di 500 mila euro, il 60% dei quali provenienti dagli sponsor, che gli stessi studenti del team hanno provveduto a cercare.

Questo risultato è importate a livello di innovazione e progresso - prosegue Andrea, 26enne e prossimo alla laurea – ma soprattutto a livello formativo. Grazie a questi progetti, alle sperimentazioni, gli studenti hanno la possibilità di andare oltre la teoria e fare esperienza pratica. Studiare i contenuti, ma con lo stimolo di doverli poi applicare per costruire un’automobile vera. È l’entusiasmo la prima vera motivazione dei lavori di un team”.

E se domandiamo una previsione per il futuro della ricerca all’interno dell’università: “Io vedo una grande crescita rispetto agli scorsi anni. Il Politecnico di Torino appoggia i team e la ricerca, riconosce crediti formativi agli studenti che ci lavorano, ma soprattutto offre una grande esperienza, davvero impagabile”. Ai ragazzi che partecipano a questi progetti vengono riconosciuti, nel momento in cui entrano in azienda, da 3 a 5 anni di anzianità (anche a livello retributivo), pur essendo al primo lavoro.

La consapevolezza della crescita professionale e del valore dell’esperienza pratica si sta diffondendo, forse, anche in Italia. Insieme alla volontà di investire sui giovani e sulla formazione. Intanto 25 studenti del Politecnico hanno lavorato giorno e notte, si sono appassionati e hanno realizzato una gran bella macchina, semplice, leggera e incredibilmente ecosostenibile.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende