Home » Rubriche »Very Important Planet » L’Eros della Natura nei disegni di Milo Manara:

L’Eros della Natura nei disegni di Milo Manara

febbraio 17, 2012 Rubriche, Very Important Planet

La migliore introduzione al VIP di questa settimana è racchiusa nei versi di Franco Battiato, quando in Sentimiento Nuevo canta dell’“Eros che si fa parola”. Con l’arte di Milo Manara, uno dei massimi illustratori italiani, la sensualità della carne si fa disegno a china. Romanzo e fumetto insieme, per narrare, con la poesia delle immagini parlanti, le storie più incredibili.

Sono le donne, per lui, il volto sublime dell’erotismo. I loro corpi nudi, perfetti, sono il segno della bellezza magica della natura. Tanto da scoprire che questo amore profano per il creato e la vita ha spinto il nostro ospite a dedicarsi a fondo anche alle cause dell’ambiente.

D) Maestro, cos’è per lei la natura?

R) In senso lato è tutto quello che ci circonda, a cominciare dal firmamento. In una parola è vitalità. “Naturalmente” nel linguaggio corrente significa “una cosa ovvia”, ma ciò che intendo io, e che è ripreso dalla scuola dei Greci, è l’erotismo. L’Eors è ciò che gli antichi indicavano come amore, con quella sola parola che significava amore fisico e spirituale. E’ questa l’unica vera legge che regola la natura. L’amore che muove il Sole e le altre stelle di Dante, che regola il grande movimento del cosmo. E’ la forza che permette agli alberi di rifiorire ogni primavera, alle persone di riprodursi.

D) Lei vive tra le colline venete, in un piccolo paese della Valpolicella. Per comporre le sue tavole, trae ispirazione dal paesaggio?

R) Lavoro sia all’aperto, sia al chiuso. Mi è indifferente. Sono 30 anni che abito in questo posto meraviglioso. L’unica condizione che mi è veramente necessaria è il silenzio, o il quasi silenzio, cioè una certa musica. Ho bisogno di un luogo isolato, altrimenti tutti vengono a vedere ciò che sto facendo e non riesco più a concentrarmi”.

D) Ha mai prestato la sua arte per qualche campagna di sensibilizzazione verso l’ambiente?

R) Sì, ho disegnato per molti anni le tessere di Legambiente. Tempo fa, ho comprato anche una barca molto grande che abbiamo usato, sul Lago di Garda, per la Goletta Verde. Ma il mio rapporto con soggetti ecologici e ambientazioni naturalistiche credo abbia toccato il vertice durante un lungo viaggio che ho fatto in camper, negli anni ’80, attraverso l’Europa orientale e l’Asia, alla volta dell’India…

D) In India in camper 30 anni fa?

R) Sì, eravamo quattro amici, due uomini e due donne. Ci abbiamo impiegato 6 mesi. E’ stata un’esperienza che non dimenticherò mai. Solo una volta abbiamo dovuto abbandonare il mezzo e prendere un aereo, perché una nostra compagna si era ammalata ed è stata ricoverata a Nuova Dehli. Per il resto, abbiamo ininterrottamente viaggiato in caravan, immersi nei paesaggi più incredibili.

D) Nella quotidianità, invece, quali sono i suoi mezzi di trasporto abituali?

R) Ho la fortuna di non dover usare mai l’auto, visto che lavoro al piano di sopra di casa mia. Alle quattro ruote preferisco comunque il treno. Presto attenzione ai mezzi meno inquinanti. E’ lo stesso motivo per cui la mia casa si alimenta con pannelli solari.

D) Una mentalità ecologica che in Italia non è ancora largamente diffusa…

R) Da molti anni collaboro con Greenpeace. Mi sembra che nel nostro Paese il problema ambientale sia scivolato stupidamente tra le ultime priorità, ma dovrebbe essere al primo posto. Soprattutto durante le crisi economiche. Si può risparmiare licenziando, ma anche adottando politiche economiche che si basano su fonti energetiche alternative e non inquinanti. D’altronde, basta pensare alla Germania, che è l’unica a conservare ancora la tripla A in termini di quotazioni di mercato: noi ce le sogniamo tutte quelle pale eoliche.

D) La Germania ha vivo il concetto di ambientalismo, lo dimostrano i consensi elettorali crescenti dei Verdi. Crede che da noi la stagione dei partiti politici che lottano per le cause ambientali sia lettera morta?

R) I partiti in Italia pensano prima di tutto a prendere voti. Eppure ci sono realtà come l’Alto Adige, che infatti è regione a statuto speciale, che vivono con il teleriscaldamento: hanno temperature che vanno sottozero 3 mesi all’anno e risparmiano più della Sicilia per riscaldarsi. Spero che presto anche i nostri governi cambino idea e comincino a investire seriamente sull’eolico e sul solare, garantendoci un futuro più pulito e un presente meno inquinato”.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende