Home » Campioni d'Italia »Rubriche » L’utopia concreta di Favara, il comune siciliano che non smette di rinascere:

L’utopia concreta di Favara, il comune siciliano che non smette di rinascere

luglio 11, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Una società per azioni buone con i cittadini che investe in politiche abitative, educazione e qualità della vita investendo i loro risparmi nel benessere della propria città. Un sogno, un ‘utopia, ma pensata e proposta da chi ha già realizzato un grande progetto: Farm Cultural Park a Favara, in provincia di Agrigento, in Sicilia. Un dispositivo culturale che ha creato economia vera, parlano i numeri: 120 mila visitatori, 20 milioni di euro  investiti in 7 anni durante i quali sono stati creati 150 posti di lavoro stabili.

Questi dati fanno felici Andrea Bartoli e Florinda Saiva, fondatori di Farm Cultural Park, che dopo aver reso vivo e fertile il centro di Favara vogliono estendere la loro filosofia di cittadinanza attiva oltre il turismo e la cultura – che vanno bene, benissimo, ma come ci dice Bartoli: “Non bastano“.

Tutto è possibile ci ripete spesso il fondatore, non solo perché l’esperienza è fiorita bene a Favara, ma perché questa coppia nutre fiducia nell’uomo. “Abbiamo inaugurato nei giorni scorsi la mostra fotografica dedicata a Detroit, un paradigma urbano di caduta e  rigenerazione. Sono stato nei mesi scorsi ospite del Dipartimento di Stato americano e ho visto una città grande come Parigi che per nove/decimi è in abbandono, eppure nel centro qualcosa si muove, sta ripartendo“. Segni di resilienza dopo la crisi più dura del secolo, peggio della peste. E questo racconto (per immagini) di resistenza umana arriva a Favara perché pur se i numeri danno ragione al successo di Farm Cultural Park, resta ancora molto da fare in questo borgo ricchissimo di appuntamenti culturali e vitalità artistica.

Alla domanda su quale sia stato il maggiore ostacolo visto e vissuto in questi anni, la risposta non è scontata. Non si parla di soldi, ma di “diffidenza“. “Il consenso è arrivato dai media, dai critici; solo dopo i cittadini hanno capito che era un modello utile. A Favara legittimamente, ripeto legittimamente, non si capisce bene”. Passi avanti, comunque, ne sono stati fatti tanti, sia con la fiducia conquistata tra i locali che con la sempre maggiore attenzione del mondo. “Il console degli Stati Uniti è venuta ben 4 volte a Favara in un anno”. Se questo non è un riconoscimento…

“Se siamo riusciti a Favara – rilancia Bartoli – perché non si può provare a Gela o in tante altre parti del mondo?”. Alla base sempre il coinvolgimento dei cittadini. “Nonostante la crisi ci sono tanti soldi in banca. A Favara i depositi ammontano a 500 milioni, se ne  investiamo 50 sulla città si possono fare cose incredibili”. Investimenti economici che aumentano lattrattività del borgo: “In questo modo è possibile far arrivare nuovi cittadini e si superano i problemi demografici;  nel 2050 potremmo arrivare a 50mila abitanti”.

Un vero e proprio sistema basato sul protagonismo attivo dei cittadini che hanno cura dei loro spazi che rendono belli, sostenibili e non inquinanti. Basta crederci e lavorarci: “Noi non siamo coraggiosi, sarebbe, al contrario, essere folli a non fare le cose che abbiamo fatto” ovvero puntare sulla cultura e la creatività per creare qualità della vita, che significa pure posti di lavoro stabili. La chiamano anche “economia arancione” e riesce a creare economia pulita.

D’obbligo, a questo punto, una visita a Favara per tutti coloro che hanno a cuore i “modelli alternativi” di riqualificazione dell’esistente. Quest’estate, come sempre, il menù è vario. Della mostra su Detroit abbiamo già detto, da scoprire il Nano Festival in collaborazione con Scenario Pubblico, dove tutto è in una dimensione minima, in cui danzatori organizzano nano performance per nano esperienze. Poi il Farm Film Festival: più di 500 documentari arrivati da 49 paesi del mondo. Il tema è “Fai qualcosa, dati una mossa”, sono  documentari di cittadinanza attiva. Quella seminata e coltivata a Favara.

Gian Basilio Nieddu

 

 



PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende