Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Montalto: dalle creme bio al rossetto da mangiare, una storia di sana bellezza:

Montalto: dalle creme bio al rossetto da mangiare, una storia di sana bellezza

settembre 28, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Correvano gli anni ’50, si ingrossavano le onde del boom economico, nutrito da plastica e petrolio e forgiato dalla chimica dentro le grandi fabbriche fordiste. Anni folli dove Filippo e Giulia Montalto scelsero di navigare in direzione ostinatamente contraria. Nel 1957 a Busto Arsizio, nel Varesotto, aprirono un laboratorio comestico tutto al naturale,  alimentato da estratti di piante officinali. Pionieri, con il senno di poi, ma allora “erano considerati degli stregoni“, ricorda orgoglioso il figlio Giuseppe che ora guida Bellezza Bio Montalto. Sessant’ anni a inventare e innovare nel solco di un’antica tradizione erboristica: dalle prime creme naturali a Baciamibio, il rossetto che si può mangiare.

Per il primo marchio la famiglia Montalto scelse il nome Juliette Alysque, un tributo di Filippo alla moglie Giulia, in piena sintonia, solo in questo caso, con la moda dell’epoca che per profumi, creme, prodotti cosmetici imponeva nomi francesi. Nella sostanza però già allora abbracciarono la scelta di materie prime tutte al naturale, filosofia sposata da Giuseppe che ripercorre così la sua storia in azienda: “Ho iniziato alla fine degli anni settanta e dai primi anni ’80 ho dato una svolta iniziando ad abbandonare gli estratti animali e puntando su piante fresche e selvatiche, estratti da agricoltura biodinamica, oli e grassi vegetali biologici “. Nel 1990 cambia il nome dell’azienda, ripescando la madre lingua con “Montalto Natura“, della serie “mettiamoci la faccia”, sottolinea Giuseppe, perché “non volevamo essere la solita azienda anonima e ci occupavamo di natura”.

Sin dai suoi primi passi da imprenditore Giuseppe si fa conoscere come un portatore sano di innovazione:nel 1981/82 abbiamo creato Trucconatura, la prima linea italiana di trucco naturale realizzata con coloranti vegetali“, poi l’impegno nella ricerca “ho partecipato alla stesura del disciplinare che regolamenta il prodotto cosmetico biologico“. Un impegno forte, seppure in Italia “non esista un obbligo di legge”, ci si è riusciti “per l’alimentare, ma nel cosmetico – conclude amaro Giuseppe – non esiste una regolamentazione normativa per il biologico”.

Sul fronte aziendale nel 2000 lancia Rosaluna, la prima linea di make-up completamente naturale e biologica, ma Giuseppe non si limita al prodotto in senso stretto, anche le confezioni devono avere un cuore green: “abbiamo sviluppato un packaging in materiale biodegradabile con la collaborazione di Novamont. Un concetto di naturale dentro, fuori, sopra, sotto!“. Un altro passo avanti nel nome dello sviluppo ecosostenibile che ha presa tra i consumatori. Montalto Natura produce creme, ma pure concetti che contribuiscono a superare la linea d’ombra del dominio della chimica.

In questo processo di cambiamento non può mancare l’interesse verso un prodotto dimenticato e marginalizzato dalla modernizzazione dei consumi e nasce così la linea Canapa d’Italia. “Siamo stati coinvolti in una filiera composta da coltivazione, produzione del seme, il filato, i tessuti – spiega Giuseppe -. Mancava chi faceva il cosmetico. Ho scoperto così le virtù eccezionali della canapa, si utilizza tutto e non si butta via niente. La impieghiamo per l’olio ricco di acidi grassi essenziali, una protezione meravigliosa anche per le pelli sofferenti, effetti sensazionali“. Proprietà terapeutiche, ma l’imprenditore della bellezza sottolinea anche gli effetti ecologici: “un campo di canapa produce la stessa quantità di carta in un anno come un campo di pioppo in 10″.

Nuovo cambio di nome nel 2012 con Bellezza Bio Montalto, perché il naturale non basta più, rischia di essere vago e c’è da mettere in rilievo la scelta biologica. Ma i falsi competitor si nascondono anche qui, perché non essendo normato da un disciplinare ormai nessuno si nega la dicitura “bio”, anche a sproposito. “La coscienza verde è aumentata considerevolmente negli ultimi decenni – spiega Giuseppe - e le aziende hanno sempre di più usato il greenwashing per essere più attraenti. Ma ci sono due tipi di consumatori: quello che compra perché c’è il fiorellino sulla confezione e quello che si informa bene. Penso a 35 anni fa quando c’era il convenzionale e la marca faceva la differenza, oggi non c’è più differenza, ci deve essere la parola biologico”. Ma non basta nemmeno questo, per fare un buon prodotto serve la qualità della materia prima “c’è l’olio di mandorle a 2/3 euro e quello a 33 euro al chilo, un gap pazzesco”.

L’ultima innovazione di Montalto è il cosmetico da mangiare, presentato all’ultimo Sana, il Salone del Naturale di Bologna: “abbiamo organizzato uno show cooking dove si è impastata la farina con gli ingredienti che utilizziamo nei nostri rossetti e sfornato dei buonissimi biscotti. Siamo stati premiati come l’azienda più innovativa e abbiamo vinto il premio del pubblico per Baciami Bio”. E se il rossetto lo puoi mangiare, è evidente che non fa male nemmeno alla pelle.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende