Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Rilegno: cassette per la frutta bio, pallet, mobili e altre storie di economia circolare:

Rilegno: cassette per la frutta bio, pallet, mobili e altre storie di economia circolare

settembre 18, 2019 Campioni d'Italia, Rubriche

La cassetta di melanzane parte dalla Sicilia, arriva nei mercati di Milano, Bologna ecc. per poi finire trasformata in un pannello che compone la cucina di un grande marchio mobiliere italiano. Il legno così salta la discarica e non diventa rifiuto, salta il termovalorizzatore e non diventa anidride carbonica. Il viaggio della nostra cassetta è dunque circolare, una metafora di quell’economia che punta a non lasciare rifiuti in terra e in mare e a ridurre le emissioni nocive in atmosfera.

Il nuovo paradigma ha bisogno però di metodi, organizzazione, logistica e anche cultura del riciclo. In Italia, a promuovere e mettere in pratica questi concetti, nella filiera del legno, è Rilegno, il Consorzio nazionale per il recupero e il riciclo degli imballaggi di legno, che da anni “mette a sistema” gli sforzi collettivi per non buttare via nulla di prezioso.

Rilegno è protagonista di un’opera di valorizzazione che si rinnova costantemente con nuovi progetti. Uno dei più recenti vede le cassette di legno diventare l’involucro (sostenibile) di frutta e verdura bio, come ci racconta il presidente Nicola Semeraro. Si tratta di una nuova linea di prodotto immessa sul mercato da una grande insegna della GDO che punta, come sottolinea Semeraro, “a ridisegnare la tradizionale cassetta di legno per il mondo del biologico”, in un perfetto connubio legno&bio. “Una cassetta riutilizzabile”, ovviamente, precisa Semeraro che ci recita anche lo slogan: “Viaggia con la natura, viaggia con il legno!” .

Del resto qualche dubbio che la plastica possa “rilasciare” contaminanti sul cibo che confeziona molti consumatori ce l’hanno da tempo. Finora le istituzioni internazionali incaricate di approfondire la questione lo escludono, ma intanto proseguono gli studi scientifici sul tema. E Assoimballaggi e Rilegno, con le loro ricerche, dimostrano che le cassette in legno risultano avere l’impatto ambientale più basso dal punto di vista emissivo, in termini cioè di gas ad effetto serra, eutrofizzazione, acidificazione, rilascio di smog fotochimico.

L’incremento nell’uso del legno per il packaging è un ritorno alla tradizione, ma con ampio uso delle nuove tecnologie: “Vogliamo pensare ad un imballaggio che non si limiti ad essere contenitore di merci, ma possa agire come fonte di dati rispetto ai contenuti”, spiega Semeraro, facendo riferimento ad uno strumento che racconterà, grazie ad un microchip, la storia della frutta che si sta portando a casa. “Stiamo sviluppando, insieme all’Università di Parma, uno studio di fattibilità per l’implementazione della tecnologia a supporto della logistica e sostenibilità ambientale degli imballaggi di legno”. In altri termini: un investimento forte sulla tracciabilità del prodotto.

Queste le nuove frontiere, ma non bisogna dimenticare il lavoro che Rilegno porta avanti nella quotidianità: nel 2018 “sono state 1.932.583 le tonnellate raccolte e avviate a riciclo, con una percentuale del 63% nel riciclo degli imballaggi di legno, ben oltre il target fissato dall’Unione Europea al 30% per il 2030!”. “Abbiamo segnato un incremento dei volumi del 7,74% sull’anno precedente – prosegue Semeraro – mentre è da primato la percentuale del 63% nel riciclo degli imballaggi: significa che su 3 milioni di tonnellate di immesse sul mercato quasi due si recuperano”. Ovvero, due imballaggi su tre salvati da discarica ed inceneritore.

Il riciclo interessa pallet, imballaggi industriali, imballaggi ortofrutticoli e per alimenti, ovvero il mondo dell’industria e della produzione ad ampio raggio. Nello specifico, il 95% del materiale recuperato viene utilizzato per la produzione di pannelli truciolari destinati ai mobilieri, poi pallet block, pasta di legno per le cartiere e compost. Infine le cassette per l’ ortofrutta, che attraverso il loro riuso permettono di risparmiare altro legno vergine. Anche i cittadini fanno la loro parte nel sistema. Sono infatti ben 642.470 le tonnellate recuperate attraverso la raccolta urbana che vedono tra i più importanti protagonisti gli oltre 4.500 Comuni che aderiscono al format di Rilegno.

La rigenerazione dei pallet, in particolare, è un modello di efficienza dell’economia circolare del legno. Anche qui parlano i numeri: 780.000 tonnellate recuperate, che corrispondono a circa 56 milioni di pallet usati che vengono ripristinati per la loro funzione originaria e, dunque, reimmessi sul mercato. Il cerchio funziona. Per i nuovi pallet poi si usa legno riciclato. Un altro cerchio che si chiude.

La riduzione di impatto ambientale è evidente: “evitare il passaggio nei termovalorizzatori significa congelare l’anidride carbonica. Il risparmio che generiamo nel consumo di CO2 è pari a quasi un milione di tonnellate”, precisa il Presidente del consorzio.

C’è poi anche una ricaduta sociale positiva data dall’allargamento della filiera. L’Italia importa oltre 9 miliardi di euro in legno ogni anno, quantità che vengono in parte compensate dal riciclo, che oltre a ridurre i camion su strada crea lavoro. E’ il bello della green economy! Ancora numeri: Rilegno si traduce in 2.000 consorziati, 416 piattaforme di raccolta private, 13 impianti di riciclo, 4.541 comuni convenzionati per un numero di abitanti che supera i 42 milioni. Un sistema che, secondo la ricerca “ Il sistema circolare della filiera legno per una nuova economia” realizzata dal Politecnico di Milano, genera un impatto economico stimabile in circa 1,4 miliardi di euro all’anno e 6.000 posti di lavoro”.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende