Home » Campioni d'Italia »Rubriche » SIEP: verso 30 anni di “ecologia del paesaggio” e un congresso mondiale a Milano:

SIEP: verso 30 anni di “ecologia del paesaggio” e un congresso mondiale a Milano

dicembre 12, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

I più grandi esperti dell’ecologia del paesaggio, circa 1.000 scienziati, si sono dati appuntamento per luglio 2019 a Milano per partecipare al convegno mondiale della prestigiosa IALE – International Association for Landscape Ecology. Un evento che si ripete ogni 4 anni e dove si parlerà dei grandi cambiamenti territoriali, sociali ed economici che incidono sullo stato ambientale del nostro Pianeta, ovvero, come recita il titolo: Nature and society facing anthropocene challenges and perspectives for landscape ecology”.

Il merito di questo importante evento scientifico, in programma all’Università Bicocca, è della SIEP acronimo di Società Italiana di Ecologia del Paesaggio, fondata nel 1989 e “braccio” italiano della IALE. Un soggetto fondamentale – sebbene poco conosciuto al pubblico – del network ambientale nazionale, che riunisce al suo interno tutti coloro che sono interessati e lavorano nel campo dell’”ecologia del paesaggio”.

La società festeggerà i suoi primi trent’anni di vita con l’appuntamento mondiale. Per raccontare la storia e la mission dell’associazione ne abbiamo parlato con la presidente, l’architetto Gioia Gibelli: “Stiamo lavorando a questo appuntamento, il primo in Italia ed è motivo di grande orgoglio. Si rifletterà sui cambiamenti epocali che sta vivendo il pianeta. Si parte da quello che sta succedendo, da quello che si presume possa succedere, ma anche dalle possibili soluzioni e mitigazioni, dalle scelte, anche quotidiane, che incidono sul fenomeno”.

Il cuore degli interessi della SIEP-IALE è l‘ecologia del paesaggio ovvero: “Come lo spazio influisce sui processi ecosistemici e le connessioni ne che derivano. Si studiano forme e dimensioni degli elementi del paesaggio e si valuta l’impatto di un’azione sul territorio: se positiva o negativa – spiega Gibelli - Una scienza fondamentale per la pianificazione territoriale urbanistica. Cerchiamo di trasferire all’ente pubblico le nostre conoscenze e ricerche, organizziamo convegni nazionali ed internazionali, workshop e corsi di formazione per professionisti, tecnici e personale della pubblica amministrazione”. SIEP fa parte inoltre, con le altre “sette sorelle”, del CATAP, il Coordinamento delle Associazioni Tecnico-Scientifiche per l’Ambiente e il Paesaggio, un motore di iniziative e di ricerche di carattere scientifico utilissime alla pianificazione territoriale.

L’agenda degli impegni per i prossimi mesi è molto fitta. “Stiamo organizzando, tra le altre cose, un corso per professionisti, insieme all’Ordine degli Architetti di Milano e AIAPP, l’Associazione Italiana per l’Architettura del Paesaggio”, ci anticipa la presidente. Ma uno dei lavori più importanti, a nostro avviso, è quello di aver fondato una rete per promuovereIl manifesto per il Po“, con l’obiettivo di attirare l’attenzione sulle problematiche del fiume. “Il corso d’acqua più importante e grande d’Italia – spiega Gibelli - non ha oggi un parco unico!”. Con il risultato che, alla fine, il Po “è di tutti e di nessuno”, perché manca un vero e proprio ente che se ne occupi a livello generale, nei suoi molteplici aspetti. “Certo, c’è l’Autorità di Bacino, ma la sua missione principale è la salvaguardia idraulica”. In altri termini: manca una governance dell’area fluviale che abbia lo scopo di una tutela integrale. SIEP ritiene dunque che vada bene l’Autorità esistente, ma che si debba “finalizzare l’azione verso la tutela del paesaggio. ”Serve un approccio che guardi a tutte le valenze del monumento naturale. Il Manifesto ha avuto un gran successo, sono oltre 1 milione e mezzo le persone rappresentante. Hanno dato la loro adesione tanti Comuni importanti e a maggio 2018 si è sottoscritto un protocollo d’intesa proprio con l’ Autorità di Bacino del Po. Uno strumento utile per procedere insieme”.

SIEP-IALE si pone, in questa fase di transizione, come interlocutore di enti ed amministrazioni pubbliche. In particolare, come sottolinea la presidente: “per la formulazione di leggi e direttive tecniche inerenti il paesaggio e la sua gestione”. Un ruolo istituzionale che si affianca alla promozione e divulgazione dell’ecologia del paesaggio, scienza fondamentale per la “multidimensionalità” dello sviluppo sostenibile, dove la tutela e la “conservazione dinamica” devono indagare e prendere in considerazione tutti gli elementi. Una ricerca che non tralascia nessuna dimensione per poter favorire un vero e proprio sviluppo sostenibile.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende