Home » Off the Green »Rubriche » Storie di chiese e di misfatti. Il significato simbolico di Immerath e Poggioreale:

Storie di chiese e di misfatti. Il significato simbolico di Immerath e Poggioreale

gennaio 10, 2018 Off the Green, Rubriche

Ecco serviti, all’inizio dell’anno, due modi opposti di trattare una chiesa, che sembrano due simboli delle possibili strade per il futuro che ci attendono al bivio: un’inversione a U verso la speculazione, l’inquinamento, l’insensibilità alla cultura e al paesaggio e, dall’altra, un cammino in salita, ma verso il recupero dell’esistente, la cura del territorio e la solidarietà. La prima chiesa è quella di San Lamberto a Immerath in Germania, abbattuta l’altro ieri dalla mano dell’uomo per fare spazio ad un deposito di carbone. La seconda, quella di Sant’Antonio a Poggioreale antica, in Sicilia, distrutta cinquant’anni fa dal terremoto del Belice e ora candidata alla ricostruzione grazie alle generose donazioni degli emigrati poggiorealesi in Australia.

A Immerath, nonostante le proteste degli attivisti di Greenpeace, l’8 gennaio le ruspe hanno abbattuto – con piena autorizzazione delle autorità – un’antica cattedrale neoromanica sconsacrata nel 2013. Secondo quanto riportato da un sacerdote anglicano espatriato in Germania, la parrocchia locale, a corto di fedeli, si sarebbe trovata in grave difficoltà economica per i costi di mantenimento della chiesa e prontamente la RWE, multinazionale dell’energia da 120 milioni di clienti nel mondo, invece di offrire una bella donazione da appuntare con orgoglio nel proprio report di sostenibilità, avrebbe avanzato un’offerta di acquisto dei terreni e dell’edificio, alla quale la parrocchia non ha saputo rinunciare.

Ma non era Trump l’unico cattivo del mondo che voleva portare il carbone alla Befana? La saggia cancelliera Angela Merkel aveva invece promesso di rispettare l’obiettivo tedesco di riduzione del 40% delle emissioni di CO2 entro il 2020 – possibile solo con il bando del carbone e non certo autorizzando un colosso nazionale a inaugurare nuovi depositi di lignite in sfregio all’architettura, al paesaggio e alla cultura di una piccola comunità.  E pensare che Rolf Martin Schmitz, il CEO dell’azienda, nel report di CSR del 2016 aveva dichiarato che “la conduzione etica del business è il fondamento per la costruzione delle nostre prospettive future. RWE è fortemente impegnata nella propria responsabilità verso l’ambiente, i propri dipendenti e la comunità”. Le immagini della demolizione, che abbiamo voluto pubblicare al termine di questo articolo, parlano da sole. E il video è ancor più straziante. Solo qualche pazzo sanguinario dell’ISIS potrebbe considerarle un simbolo del futuro.

Ma, a volte, la storia e le decisioni degli uomini prendono altre pieghe. E’il caso di Poggioreale antica, il comune nella Valle del Belice, che il 14 gennaio del 1968 venne devastato da un terremoto di magnitudo 6,4. La scelleratezza dei governanti dell’epoca (insieme a qualche influenza “pesante”) portò alla costruzione di una nuova Poggioreale, una new town senz’anima e priva di calore umano che, dopo aver perso gli abitanti (ne sono rimasti 1.494 dai 4.000 di un tempo), perde già, per ammissione dell’attuale sindaco, i pezzi dei marciapiedi e delle tubature.

Oggi però, a pochi giorni dalle celebrazioni del cinquantenario del terremoto – alle quali parteciperà anche il Presidente della Repubblica Mattarella -  un messaggio di speranza è arrivato dai poggiorealesi emigrati in Australia (più di 5.000 in tutto), che attraverso l’Associazione Sant’Antonio da Padova, hanno raccolto quasi due milioni di euro per ricostruire proprio la chiesa dedicata al santo patrono, nel centro della ghost town abbandonata.

Non è una partita dei mondiali, non si tratta di Italia-Germania 1-0, ma di simboli universali di due modi antitetici di intendere il futuro rapportandosi con l’antico, l’esistente, la cultura, la tradizione. Mi auguro fortemente che prevalga il modello Poggioreale.

Andrea Gandiglio

 


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende