Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Susanna Magistretti, la donna che ha portato la bellezza del verde nel carcere di Bollate:

Susanna Magistretti, la donna che ha portato la bellezza del verde nel carcere di Bollate

ottobre 4, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche
Una “giardiniera” del verde, con laurea in storia moderna e 10 anni nel mondo della pubblicità come copy, che oggi dialoga con sociologi, botanici e psicoanalisti per portare il bello in carcere. Missione riuscita e suggellata dal riconoscimento del premio Terres Des Femmes, assegnato dalla Fondazione Yves Rocher alle donne che, a livello internazionale, si distinguono nella tutela dell’ambiente e della salute. Lei è Susanna Magistretti, presidente di Cascina Bollate, la cooperativa sociale che ha fondato nel 2007 per il reinserimento dei detenuti del carcere di Bollate.

Susanna è una donna che ha seminato bene e con coraggio. Ha abbandonato terrazze e giardini milanesi per rigenerare spazi urbani “gestiti” da tossicodipendenti in cura e poi, come dice lei, ha iniziato “a bazzicare galere”. Correva l’anno 1998. Tanta pratica preceduta dalla teoria, merito della formazione offerta in un corso della Fondazione di Francia, Jardin d’aujord’hui.

“Ero stufa dell’aspetto estetico di terrazze e giardini – ci racconta – e ho iniziato a studiare un fenomeno più estremo: il reinserimento sociale di alcolisti e tossicodipendenti. Era il 1997. Ho approfondito le conoscenze con sociologi, botanici e psicanalisti. Un tema estremamente formativo”. Magistretti varca di nuovo la frontiera francese e ritorna a casa ricca di idee: “In Italia ho pensato di fare delle proposte, una è passata: ho iniziato a lavorare all’interno di un SerT (Servizi per le Tossicodipendenze, NdR) di Milano, anche perché il responsabile della struttura mi conosceva per il mio lavoro precedente di copy sul tema Aids. Ho iniziato a titolo volontario con i tossicodipendenti che andavano al SerT a prendere il metadone. Un giardinetto minuscolo, ma al centro di Milano”.

In queste poche zolle di terra il vento gonfia le vele di questo rivoluzionario progetto. Funziona. Il giardino conquista pure “la sciura che chiede le bustine dei semi”. “Detta così sembra una cosa folcloristica – spiega Susanna – ma è stato un passaggio molto profondo. Un posto assolutamente marginale da cui si girava alla larga è diventato un luogo dove si coltivava il bello! Davanti alla bellezza le persone se ne fregavano dei tossici. Andava bene così“. Un esempio concreto di rigenerazione urbana, in anni in cui il termine non era ancora di moda tra urbanisti, architetti e funzionari della pubblica amministrazione e tantomeno tra i politici.

Prima di quella trasformazione con forbici, guanti e pollice verde il SerT era solo una desolante “distesa di boccettine di metadone“. Il progetto di Susanna rigenera non solo il luogo ma anche le persone: “Persone che avevano perso tutto o forse non avevano avuto tutto dalla vita…”. Susanna non si ferma e da quel momento migra verso vari carceri. “Nel 2004/5 sono andata a Bollate dove ho visto delle improbabili serre con ciclamini e cipolle di Tropea. Sono stata chiara fin da subito: se volete sviluppare lavoro per i detenuti sappiate che i ciclamini li vendono più belli all’Esselunga, idem per le cipolle di Tropea!”.

Il progetto, sotto la sua guida, prende quindi un sentiero diverso, orientato ad erbacee perenni e rose antiche. “Ho lavorato con amici vivaisti, ho sputato sangue, ne sputiamo ancora (ma molto meno). Solo fiori ed arbustiVendiamo l’infinita varietà possibile in natura. Il concept risponde al tentativo di aprire una relazione amichevole tra uomo e natura, non seguire il fiorire continuo, come il modello mucca da latte”. E l’orto? “E’ stata una catastrofe, bello ma non c’era sincronia commerciale. Avevamo i pomodori, ma non c’era nessuno che li voleva a fine luglio e non avevamo neanche il frigo per lo stoccaggio”.

Botanica sociale, dunque? “Il tema del sociale in agricoltura, come il biologico, è una relazione forte ed amichevole. Una strada da percorrere sempre, in generale, e in particolare con persone in difficoltà. Il verde fa bene ma quando c’è un’idea di bellezza: Io che sono stato sfigato - pensa il detenuto – ho una parte buona in me, che mi viene riconosciuta perché coltivo il bello ed il buono. Un’idea che non è semplicemente estetizzante”.

Il futuro per Susanna è già oggi e le basta. “Intendo perpetuare il presente, non ho progetti di allargamento – anche perché non tira aria politica buona verso i detenuti. Manteniamo il presente…”.

Sul riconoscimento di Terres Des Femmes ci tiene a dirci che si era sbagliata: “Mi ha colpito, ho pensato all’inizio che fosse la solita marchetta aziendale, invece sono molto seri. La responsabilità ambientale in un ‘azienda così grande mi ha stupito ed è un’esperienza, al di là dei quattrini, di cui sono molto grata.” I 10.000 euro del premio li ha utilizzati infatti per la ristrutturazione del Giardino Didattico del carcere, dove ora i detenuti apprendono il mestiere del giardiniere.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende