Home » Rubriche »Top Contributors » Cucinare? Materia per designer. La nuova didattica del PoliTO contro lo spreco alimentare:

Cucinare? Materia per designer. La nuova didattica del PoliTO contro lo spreco alimentare

luglio 24, 2017 Rubriche, Top Contributors

Cos’è un alimento? Cosa significa cucinare? Fondamentalmente il corpo umano è una fabbrica chimica. Ingerisce elementi variamente composti e ne espelle altri dopo un processo metabolico. Cucinare è un modo per esternalizzare una parte di questi processi. Significa che appaltiamo al calore dei fornelli l’incarico di svolgere alcune trasformazioni fisico-chimiche per facilitare al corpo il compito di scomporre le sostanze ingerite in carboidrati, proteine e grassi, gli elementi base di cui ci nutriamo.

In verità nutrirsi e cucinare, per ognuno di noi, sono esperienze non riducibili alle trasformazioni fisico-chimiche. Tra il crudo e il cotto passa la distinzione tra natura e cultura, tra l’uomo animale e homo sapiens, ma la storia che sto raccontando riguarda un modo laterale di trattare il cibo, di affrontare la questione dello spreco di risorse e la necessità di ampliare la nostra conoscenza.

In particolare, al Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino, si sono chiesti cosa può fare un designer per migliorare il modo in cui trattiamo il cibo. Secondo l’approccio sistemicoquello promosso dal corso di laurea in Design e Comunicazione Visiva – un designer di oggi, oltre a disegnare oggetti è, sempre di più, qualcuno che ridisegna processi, cioè cicli di vita della materia. Siccome la materia cibo è altamente deperibile e in Occidente, ci dicono le ricerche, ne sprechiamo tanto (circa il 40%, dalla raccolta fino al piatto), allora perché non cercare di capire meglio cosa avviene in questo processo?

Da queste riflessioni è nato il progetto di miglioramento della didattica FFWD (Fighting Food Waste Design), a cura di Paolo Tamborrini e Cristian Campagnaro (professori associati presso il Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino), in collaborazione con Sara Ceraolo (borsista di ricerca presso lo stesso dipartimento). Il progetto prevede un ciclo di workshop, esperienze pratiche e seminari, che portino gli studenti ad approfondire il tema della lotta allo spreco alimentare secondo un’ottica progettuale e sistemica e attraverso una pratica interdisciplinare. Alcune delle esperienze proposte sono molto semplici, come fare il formaggio partendo dal latte, oppure il sapone utilizzando l’olio, ma l’aspetto interessante è che l’esperienza è finalizzata a far conoscere agli allievi, concetti e nozioni che altrimenti, all’interno della propria disciplina non potrebbero mai conoscere e con cui, dunque, non potrebbero mai confrontarsi. I workshop sono solo la prima fase di un progetto che prevede di individuare dei borsisti che avranno il compito di approfondire le conoscenze e, contemporaneamente, di divulgare quanto hanno sperimentato. FFWD prevede inoltre l’acquisto di kit di cucina per trasformare e trattare il cibo, anche in eventi che potranno svolgersi fuori dalle aule.

Uno dei workshop di FFWD a cui ho assistito è stato articolato in quattro incontri, in collaborazione con l’Ing. Debora Fino, professore ordinario del DISAT. In un laboratorio del Dipartimento di Scienze Applicate e Tecnologia, Tonia Tommasi, ricercatrice ed ingegnere ambientale, ha mostrato come con due frullatori, un misuratore di pH, qualche chilogrammo di cibo avariato, batteri prelevati dai fanghi di depurazione, si possano ottenere bioidrogeno e biometano in quantità maggiore di quanto consente invece la semplice produzione di biogas. Il trucco appare semplice: in una prima fase, si frulla il cibo (meglio se già in via di decomposizione) poi, per far sì che il frullato sia di gradimento per i microrganismi che dovranno scomporlo, si aggiunge soda caustica. Per produrre bioidrogeno ci vogliono determinati batteri, diversi da quelli che occorrono per produrre biometano. Se vogliamo che i primi lavorino in pace, basta aggiungere acido cloridrico, riducendo così il pH. In questo modo i batteri responsabili della trasformazione in biometano muoiono, mentre i batteri responsabili della produzione di bioidrogeno si trasformano in spore, pronte a riattivarsi appena il pH ridiventa normale. Questo è il passaggio che consente la produzione di bioidrogeno. Quello che rimane dell’impasto di cibo sono acidi grassi volatili, che peraltro è il cibo preferito dai batteri che producono metano. Basta a questo punto inoculare nuovamente dei batteri presi dai fanghi di depurazione per far ripartire la trasformazione, stavolta in biogas.

In una centrale a bioidrogeno e biometano, grazie a questo doppio ciclo, sarebbe possibile ottenere il 5% di energia in più rispetto a quanto si può ottenere da una normale centrale a biogas. Dico sarebbe perché ora bisognerà capire se a livello industriale il gioco vale la candela. Ma sono anche altre le considerazioni sul tavolo: la prima è che si tratta di impianti capaci di utilizzare insieme gli scarti alimentari provenienti da flussi urbani e i reflui zootecnici, che normalmente seguono percorsi separati; la seconda è che si tratta di realizzare una centrale con due reattori più piccoli, più facili da controllare, e il costo dell’impianto sarebbe globalmente inferiore; la terza considerazione invece è critica, e riguarda l’idrogeno, che ha ancora problemi di stoccaggio, benché presenti il vantaggio di non produrre CO2 quando viene utilizzato.

Non è ancora chiaro cosa faranno i giovani ingegneri e designer della conoscenza acquisita in un workshop come questo. Quel che appare chiaro, però, è che se si vogliono disegnare processi sistemici, sostenibili, e finalizzati a ottimizzare la capacità dei sistemi urbani di metabolizzare le risorse utili a vivere e prosperare, avranno bisogno di interrogarsi su tutti i passaggi che fa, o che potrà fare, la materia. Un cambio di approccio radicale, molto più impattante di ogni singola innovazione e di ogni nuova scoperta.

Antonio Castagna

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende