Home » Campioni d'Italia »Green Economy »Greeneria »Rubriche » Wineleather: la similpelle diventa vegetale con il recupero delle bucce d’uva:

Wineleather: la similpelle diventa vegetale con il recupero delle bucce d’uva

Il vino, la moda, il design e la pelle. Quattro eccellenze del Made in Italy unite e rivisitate in chiave e filosofia sostenibile da un architetto che punta le sue carte imprenditoriali sulle proprietà delle bucce e degli acini d’uva. Fibre che Gianpiero Tessitore, architetto milanese di 37 anni, con il socio e chimico Francesco Merlino, vuole trasformare in similpelle vegetale per borse, divani e infiniti altri manufatti e oggetti di design.

L’idea, che ha preso forma nella società VegeaWineleather, sembra decisamente rivoluzionaria e  ha conquistato gli esperti della Fondazione H&M, che oltre ad assegnarle  il prestigioso premio Global Change Award ha scucito ben 300.000 euro per supportarne lo sviluppo. Un riconoscimento concreto, di valore internazionale – sono cinque i vincitori scelti tra proposte arrivate da tutto il mondo –  e assegnato da una multinazionale che crede sempre più ad una riconversione sostenibile della moda.

Sarà, quindi, color vinaccia il futuro della conceria, un’ industria con radici millenarie ma che ancora oggi, soprattutto nei Paesi con una scarsa cultura ambientale, ha un impatto devastante sull’ambiente e sulla salute dei lavoratori e dei cittadini. Basti pensare  ai fiumi e ai terreni inquinati da sostanze pericolose e nocive. “Se in altri settori si sperimentano materiali alternativi per produzioni sostenibili – come la canapa nella bioedilizia – nella lavorazione della pelle c’è tanto da fare”, sottolinea Tessitore che ricorda un altro dei vantaggi ambientali della similpelle di origine vegetale: oltre ad essere cruelty free nei confronti degli animali “non si utilizzano nemmeno materie sintetiche“. Niente petrolio, niente chimica.

Si tratta di un chiaro esempio di economia circolare – non si inquina e non si spreca – perché “partiamo dai derivati di una materia prima naturale, senza dover impiantare nuove piantagioni”. Dunque, ribadisce Tessitore, non si consuma nemmeno nuovo terreno agricolo.

Guai però a chiamare la vinaccia “scarto”. Per il fondatore di VegeaWineleather ”il termine  non mi piace perché la vinaccia è una risorsa“. I residui della lavorazione del vino, si sa, sono beni preziosi. E abbondanti, secondo i dati OIV, citati dall’architetto milanese: “nel mondo si producono 26 miliardi di litri di vino. Da questo processo produttivo possiamo ricavare quasi 7 miliardi di kg di vinaccia”. E per  l’ Italia, grande produttore di vino, è oro che cola. In particolare  per il mondo agricolo.

Con i 300.000 euro del premio i due imprenditori puntano ora ad integrare il brevetto, “entro l’inizio del 2018“, ed entrare nel mercato attraverso “una partnership con una grande cantina e un brand del fashion internazionale”. Traguardi da tagliare dopo un duro lavoro, “iniziato nel 2014 e sviluppato all’Università di Firenze“, poi incubato nel Progetto Manifattura del polo di Trentino Sviluppo.

Oltre l’auspicato successo imprenditoriale i soci sperano anche che il modello migliori non solo l’ambiente ma anche la salute dei lavoratori. “Il modello attuale, in particolare nei Paesi con meno controlli - aggiunge Tessitore - non è sostenibile neanche dal punto di vista sociale, viste le condizioni degli operai impiegati in questo settore“.

Se prenderà piede la similpelle vegetale, oltretutto, anche le industrie tradizionali potranno “riciclarsi”: “Utilizzeremo gli stessi strumenti, macchinari e competenze presenti nel settore conciario - precisa ancora il fondatore – Non a caso abbiamo dimostrazioni di interesse da parte di concerie e produttori di pelli sintetiche. E l’Italia ha forti potenzialità  nel settore perché siamo già strutturati. Abbiamo una tradizione”.

Più che di distruzione creativa, si può quindi parlare di conservazione innovativa, integrazione, trasformazione e valorizzazione del tessuto produttivo esistente. E per gli animalisti la buona notizia: poter sostituire la pelle animale con quella vegetale, senza dover rinunciare a borse e cinture di origine naturale.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende