Home » Eventi »Idee »Recensioni »Smart City » City 2.0: la città del futuro non vuole restare un’utopia:

City 2.0: la città del futuro non vuole restare un’utopia

giugno 5, 2012 Eventi, Idee, Recensioni, Smart City

Oggi molte città, in tutta Europa, si candidano a diventare città intelligenti: il termine smart (talvolta abusato) rappresenta un’evoluzione del concetto di città del futuro, secondo cui la tecnologia deve essere al servizio dei cittadini e di una migliore qualità di vita nonché di un contesto ambientale più sostenibile – e non il contrario. Di questo e altro si è parlato, sabato 2 giugno, a Torino, in occasione della presentazione del libro City 2.0, inserita nel contesto del Festival Architettura in Città.

Emilia Blanchetti, coordinatrice scientifica del Festival dell’Energia, Fabio Casiroli, docente del Politecnico di Milano e Piergiorgio Turi, della Fondazione OAT, hanno illustrato il testo, che si rivolge ad architetti, ingegneri, sociologi e comprende anche i contributi di Marc Augé, noto antropologo francese, di Carlo Ratti, Direttore del SenseAble City Lab al MIT di Boston, e di altri contributors di fama internazionale, interpellati sulla definizione di un futuro più sostenibile e intelligente per le città del mondo.

L’Unione Europea si sta infatti impegnando a raggiungere target ambiziosi per ridurre le emissioni di anidride carbonica e promuovere fortemente fonti rinnovabili ed efficienza energetica entro il 2020: considerato che nelle città si consuma il 70% dell’energia emessa, è in questo contesto che si deve ovviamente intervenire. La Commissione Europea ha dunque lanciato, lo scorso giugno, l’azione Smart Cities & Communities Initiative, con l’obiettivo di sviluppare strategie modello per settori fondamentali quali, appunto, energia, trasporti e ICT. “Perché una città possa fregiarsi dell’etichetta di Smart, però, deve godere di pianificazione territoriale e di trasporti integrati e sapienti: oggi, purtroppo – sostiene Casiroli – assistiamo spesso ad una tendenza che corre in direzione opposta: il progressivo e veloce inurbamento nelle città presenta i caratteri del caos e della spontaneità più totali. Un punto importante di trasformazione sarebbe certamente quello di modificare radicalmente la mobilità urbana delle città esistenti, riorganizzando la micro mobilità in modo consapevole”.

Ripensare la qualità degli spazi urbani e, nel complesso, le realtà in cui viviamo quotidianamente, rientra alla perfezione nel concetto di una smart city: lo spazio pubblico difatti, fruibile per definizione da tutti, diventa veicolo di un messaggio ambientale che, attraverso la tecnologia, raggiunge un vastissimo pubblico, soprattutto tra i giovani. Nella città intelligente si cerca di ridare un’identità a quello che viene individuato come spazio dell’anonimato, quello che l’antropologo Marc Augé ha definito come il non luogo. In questa direzione si muove anche il progetto pilota Smart is Trees, presente dal 30 maggio al 5 giugno in Piazza Vittorio Veneto a Torino. Si tratta di un sistema di Landscape Urbanism costituito da una rete di piattaforme interattive alberate che comunicano con la città attraverso QRcode. Un’occasione in cui i cittadini, tra l’altro, potranno fruire gratuitamente della connessione wifi al sito smartistrees.com. “Noi rendiamo un luogo protagonista ed interattivo, non solo un posto di passaggio: è uno spazio che ti fa essere nella vita sociale, e non nel social network” affermano gli architetti Gueli e Linguerri, ideatori del progetto.

Il recupero e la riqualificazione di spazi pubblici sarà uno dei primi step per un futuro più sostenibile: “le Nazioni Unite in occasione dell’imminente Rio +20 hanno tradotto il termine smart come sostenibile e non più letteralmente intelligente, perché di fatto una città sostenibile è anche intelligente” sostiene l’architetto Linguerri. “Qualcosa si muove davvero quindi – conclude Emilia Blanchettila città intelligente ha tutte le carte per trasformarsi da non luogo utopico a spazio reale per i cittadini di domani”.

Valentina Burgassi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende