Home » Eventi » I Carnevali più ecosostenibili, tra strambicoli, fantaveicoli e alberi che camminano:

I Carnevali più ecosostenibili, tra strambicoli, fantaveicoli e alberi che camminano

gennaio 30, 2015 Eventi

Con febbraio arriva il Carnevale, i bimbi iniziano a desiderare, disegnare, inventare o scegliere i vestiti più bizzarri e colorati, e i più grandi ne approfittano per fare festa e, perché no, critica. Già, proprio il Carnevale, festa di origine cristiana, è diventata spesso e volentieri occasione di denuncia e satira su temi fortemente attuali e “caldi”.

A Viareggio la cerimonia di inaugurazione sarà domenica 1 febbraio e alcune anticipazioni dicono che la politica con Renzi, Napolitano e Merkel sarà protagonista. Ma spazio anche all’ambiente con il carro preannunciato in questi giorni dal nome “Il grande freddo” di Creazioni Lebigre e Roger che denuncia proprio i disastri ecologici, le carestie e la povertà. Ecofriendly per concetto, i carri del Carnevale di Viareggio sono tradizionalmente fatti in carta a calcio (una lavorazione molto simile alla cartapesta ma che consente realizzazioni leggerissime e di grandi dimensioni), tecnica inventata nel 1925 proprio dal pittore e costruttore viareggino Antonio D’Arliano che utilizza modelli in creta, calchi in gesso e poi carta di giornali e colla fatta di acqua e farina. Materiali semplici e poveri che fanno fede alla cultura del riciclo e riuso.

Un po’ meno eccellente, almeno in questi giorni di preparativi, è l’attenzione rivolta ai ciclisti, come denuncia Mario Andreozzi, presidente Fiab Versilia BiciAmici, che segnala come la disposizione delle transenne, accatastate proprio sulla ciclabile in via Vespucci in attesa di essere disposte a chiusura del circuito durante lo svolgimento dei corsi mascherati, sia estremamente pericolosa e d’ostacolo per chi arriva sulle due ruote. “Vogliamo ricordare – si legge – che percorrere la pista non è facoltativo (Codice della Strada) perciò il ciclista (che per superare la barriera deve spostarsi contromano, ndr) si trova “obbligatoriamente” esposto al rischio di subire un frontale con un’auto che procede nel senso opposto. Per quanto ci riguarda ogni eventuale sinistro sarà imputabile a chi ha disposto questa infelice soluzione”.

C’è chi invece in bicicletta sfila proprio, facendo attenzione a gonnelloni e barbe troppo lunghe. È il caso de Lu carnevalu pedalatu, una delle tante manifestazioni del Carnevale della Grecìa Salentina e Martignanese (7-22 febbraio), una parata su due ruote che raccoglierà ciclisti e appassionati, impegnata con allegria, ingegno e colore a veicolare l’importanza della mobilità sostenibile, e organizzata con il coinvolgimento dell’associazione ControPedale di Lecce. Quest’anno la festa sarà ancora più sostenibile grazie alla collaborazione con il progetto Martignano, Comunità Eco-sostenibile, un percorso di sensibilizzazione verso i temi della tutela ambientale e del risparmio energetico, sostenuto dalla Provincia di Lecce, che coinvolge l’intera Comunità del piccolo Comune griko. Attenzione particolare ad allestimenti e travestimenti: “abbiamo coinvolto le nuove generazioni e le scuole – spiega Leo Rielli, Direttore del Parco Turistico Palmieri - che realizzeranno carri allegorici e maschere utilizzando, ma soprattutto riutilizzando, vecchi abiti adattati, ferro e cartapesta già usata”.

Ed è proprio sui carri non a motore che si sbizzarriscono le sfilate in maschera meno impattanti, anche in Piemonte. Se a Dronero ha aperto il corteo un carro ecologico azionato a pedali proveniente da Beinette dal nome “Biancaneve e i 50 nani”; a None il 15 febbraio sfileranno gli Strambìcoli. Per regolamento, “lo strambìcolo è un mezzo di trasporto cervellotico, strampalato, frutto di creatività o ingegnosità, e soprattutto ecologico: il movimento del veicolo deve avvenire solo attraverso l’ausilio della “forza umana-naturale” (quindi a spinta, a pedali, a trazione, a vela, ecc) e deve essere condotto da una persona oppure da un gruppo possibilmente mascherato. Ma non basta la fantasia; occorrono anche competenze e capacità per far sì che il veicolo “regga” lo sforzo e non si disfi prima di aver completato la sfilata”.

Molto simile la filosofia del Carnevale di Imola, che nel 1998 fu reinventato grazie alla collaborazione dell’amministrazione con scuole, associazioni, centri aggregativi, gruppi giovanili e imprese socio-culturali, assumendo la connotazione attuale di Carnevale dei Fantaveicoli. I Fantaveicoli sono la sintesi delle anime di Imola, che nel ’900 era denominata “la città dei matti” poiché ospitava due ospedali psichiatrici; che è rinomata per l’Autodromo ma ama la bici; che si fa spesso ingegnosa e sempre più rispettosa dell’ambiente. Il mezzo “può essere creato in modo originale ed unico, come pure essere realizzato assemblando biciclette, carriole o altri veicoli d’uso comune. Elemento indispensabile: il movimento del veicolo non può avvenire con l’utilizzo di motori inquinanti. Quindi qualsiasi soluzione senza motori va bene (a spinta, a pedali, a traino, a vela, ad elica, etc) oppure con motori ad emissione zero (ad energia elettrica, a pannelli solari, ad aria compressa, ecc)”. Il concorso premia l’invenzione migliore!

Ma c’è anche chi il Carnevale lo sfila a piedi e si rivolge -parole dell’invito dell’organizzazione- a “simpatizzanti, amici, trekkers, viandanti, camminatori, uomini e donne in cammino”. Si tratta de La foresta che cammina, manifestazione che ha luogo proprio durante il Carnevale a Satriano di Lucania nel Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, che accoglie oltre un centinaio di uomini vestiti da albero. La festa riprende la tradizione del Rumit, uomo vegetale e maschera silente che l’ultima domenica prima del martedì grasso gira tra le strade del paese strusciando un fruscio sulle porte delle case. E’ il suo modo di bussare e chi riceve la visita del Rumit rispetta il suo silenzio e in cambio di un buon auspicio dona qualcosa. Nel tempo si sono succedute diverse interpretazioni di questa leggenda e i giovani lucani oggi vogliono rivisitarla dal punto di vista ecologista, per “ristabilire un rapporto antico con la terra”. La parata è nata anche grazie all’intuizione del regista Michelangelo Frammartino (che nel 2012 ha creato un’installazione proprio su questo rito arboreo) e oggi vede 131 Rumit, simbolicamente uno per ogni paese della Basilicata, che dal Bosco Spera si mettono in cammino attraversando le strade del paese fino a conquistare una piazza del centro storico.

Alfonsa Sabatino

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende